Politica 13 Gennaio 2021 11:05

Covid-19, Speranza alla Camera: «Situazione peggiorata, stato di emergenza fino al 30 aprile. Arancioni Regioni ad alto rischio»

Il titolare della Salute, alla Camera, ha rivolto un appello all’unità: «Teniamo fuori dalla battaglia politica la salute degli italiani». Sarà introdotto il divieto di asporto dai bar dopo le 18 e il divieto di spostamento tra regioni. Sui vaccini: «Con 800mila dosi somministrate siamo i primi in Europa»

Covid-19, Speranza alla Camera: «Situazione peggiorata, stato di emergenza fino al 30 aprile. Arancioni Regioni ad alto rischio»

Lo Stato di emergenza sarà esteso fino al 30 aprile 2021. Ad annunciarlo nell’Aula della Camera è stato il Ministro della Salute Roberto Speranza che ha illustrato ai deputati le nuove misure che il governo intende prendere per contrastare l’epidemia da Covid-19. Il titolare della Salute ha anche comunicato che le 12 regioni a rischio alto entreranno in zona arancione e che sarà confermato il divieto di spostarsi tra regioni. Tra le novità, l’arrivo del vaccino Johnson&Johnson che dovrebbe essere autorizzato entro marzo.

Le parole di Speranza sembrano ricompattare, almeno sul tema salute, la maggioranza: anche Italia Viva ha firmato la risoluzione di maggioranza sulle comunicazioni del Ministro della Salute.

Speranza alla Camera: l’appello all’unità

Accorato appello di Speranza all’unità sul tema del contrasto all’epidemia e sulla campagna vaccinale: «Voglio rivolgere a tutti un accorato appello alla responsabilità e all’unità. Siamo all’ultimo miglio di questa battaglia. Adesso ancora di più serve uno sforzo unitario. Le prossime settimane saranno difficilissime perché il virus può colpirci di nuovo e dobbiamo intraprendere la più grande campagna vaccinale della storia di questo Paese. Teniamo fuori dalla battaglia politica la salute degli italiani».

L’esponente di Leu ha poi voluto rimarcare il ruolo della scienza in questo frangente: «Mai nella storia un vaccino era stato così veloce. Dobbiamo ricordarlo sempre, soprattutto quando decidiamo come investire le risorse pubbliche».

I dati della cabina di regia

A preoccupare Speranza e i membri del Cts sono i dati dell’ultima Cabina di regia che hanno evidenziato una forte ripresa della circolazione virale: «Non dobbiamo farci alcuna illusione: i prossimi mesi saranno molto difficili. Questa settimana si evidenzia un peggioramento generale della situazione epidemiologica del paese: aumenta l’Rt, aumentano l’incidenza e il tasso di occupazione delle terapie intensive», spiega il titolare della Salute.

Che poi snocciola i numeri: «L’Rt nel periodo 15 – 28 dicembre torna a crescere e per la prima volta dopo sei settimane è superiore a 1. Siamo a un nuovo cambio di fase, l’epidemia è di nuovo in una fase espansiva. Tre regioni hanno un Rt puntuale maggiore di 1 anche nel livello inferiore di valutazione. L’incidenza a 14 giorni è tornata a crescere: da 305,47 nuovi casi ogni 100mila abitanti a 313 nuovi casi».

Numeri che si accompagnano a quelli del sovraccarico delle strutture ospedaliere: le regioni con il tasso di occupazione in terapia intensiva sopra la soglia critica sono passate da 10 a 13. In particolare, a livello nazionale, il tasso di occupazione torna ad attestarsi sopra la soglia critica del 30%.

A questo si accompagna «un drammatico mutamento dell’indice di rischio. Dodici regioni sono ad alto rischio, otto a rischio moderato, una sola regione a rischio basso».

Speranza alla Camera, le nuove misure di contenimento

Il Governo, dunque, si appresta a varare un nuovo Dpcm che entrerà in vigore dopo la scadenza del precedente fissata per il 15 gennaio. Sarà prorogato fino al 30 aprile lo stato di emergenza che scade il 31 gennaio. Confermato il modello per fasce differenziate e anche il divieto di spostamento tra regioni anche in zona gialla. Si potranno ricevere a casa massimo due persone non conviventi e verrà introdotto il divieto di asporto dai bar dopo le 18, misura che sta facendo molto discutere negli ultimi giorni.

«L’intenzione del governo è quella di stabilire un’area bianca che potrà scattare solo con livelli epidemiologi molto bassi, con un Rt sotto 1 e rischio basso. Difficile che questa area possa scattare nel breve ma tracciamo un percorso di speranza», annuncia l’inquilino di Lungotevere Ripa. È intenzione dell’esecutivo, inoltre, riaprire i musei in area gialla.

La campagna vaccinale

Speranza sottolinea in primis il buon andamento della campagna vaccinale, con circa 800mila dosi somministrate. Un dato che pone l’Italia al primo posto in Europa.

«L’Italia – spiega Speranza – con 25 giorni di anticipo rispetto al ‘Vaccine day’ europeo si è dotata di un piano di vaccinazione. Grazie a questo il nostro Paese si è fatto trovare pronto».

«Al Parlamento e agli italiani voglio dare un messaggio di fiducia: siamo pronti ad aumentare il numero di vaccinazioni quotidiane appena saranno autorizzati nuovi vaccini», ha continuato il titolare della Salute che ha chiesto di lasciare fuori dalla «quotidiana polemica politica» la campagna di vaccinazione. «Unità, unità, unità sulla campagna di vaccinazione nazionale. Il successo sarà il successo del nostro Paese e non di una parte politica», ha aggiunto.

Speranza ha poi spiegato che il problema al momento è la scarsità di dosi di vaccino ma che «siamo pronti ad accelerare quando avremo molte più dosi a disposizione».

In questo momento l’Italia riceve 470mila dosi a settimana del vaccino Pfizer/Biontech e 1milione 300mila dosi per il primo trimestre 2021 da Moderna.

Ma c’è attesa per l’autorizzazione del vaccino Astrazeneca (atteso per il 29 gennaio il via libera EMA) e per quello Johnson&Johnson, che «dovrebbe arrivare entro marzo».

I primi ad essere vaccinati saranno, come già annunciato nei giorni scorsi, il personale sanitario, i pazienti delle RSA e gli over 80.

«Alle migliaia di persone che già lavorano oggi alla campagna vaccinale si aggiungeranno i 40mila MMG, i pediatri di libera scelta e i 15mila professionisti reclutati con il bando del Commissario», ha aggiunto il Ministro.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali