Salute 8 Gennaio 2021 16:59

Covid-19, nuovo report ISS: «Rt a 1.03, 12 regioni a rischio alto e 8 moderato. Torna a crescere l’incidenza»

Speranza firma nuova ordinanza: in area arancione Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto

Covid-19, nuovo report ISS: «Rt a 1.03, 12 regioni a rischio alto e 8 moderato. Torna a crescere l’incidenza»

«C’è nel Paese un peggioramento della situazione epidemiologica generale e aumenta l’impatto sui servizi assistenziali. Questo scenario implica la massima cautela». Così Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), nelle conclusioni del suo intervento alla conferenza stampa al Ministero della Salute sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale della cabina di regia. La curva epidemica dei nuovi contagi di Covid-19 «si è appiattita e ha rallentato la decrescita. Questo ci crea preoccupazione e ci ricorda che dobbiamo stare attenti. I dati sono infatti in controtendenza a partire da questa settimana. C’è una ricrescita dei casi in alcune Regioni: in alcune contenuta e in altre più consistente», ha spiegato.

Rt a 1.03, per la prima volta sopra 1 da sei settimane

Tra il 15 e il 28 dicembre scorsi «l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1.03, in aumento da quattro settimane e per la prima volta, dopo sei settimane, sopra uno». È quanto evidenzia il monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità (ISS)-Ministero Salute, relativo al periodo 28 dicembre 2020-3 gennaio 2021, presentato nello stesso giorno in cui il Ministro Speranza firma una nuova ordinanza con cui Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto passano in zona arancione. Secondo il report sono infatti 12 le Regioni e province autonome a rischio alto e 8 quelle a rischio moderato (di cui due ad alto rischio di progressione a rischio alto nelle prossime settimane). Solo una Regione (la Toscana) è a rischio basso.

Nello specifico, Calabria, Emilia Romagna e Lombardia hanno un Rt puntuale significativamente maggiore di 1, altre 6 lo superano nel valore medio (Liguria, Molise, Sardegna, Sicilia, Umbria, Valle d’Aosta), altre 4 hanno un valore uguale (come nel caso della Puglia) o che lo sfiora (Lazio, Piemonte e Veneto). Quest’ultima regione, infine, «mostra un tasso di incidenza particolarmente elevato, rispetto al contesto nazionale».

La situazione peggiora, torna a crescere l’incidenza

Secondo il report questa settimana si osserva «un peggioramento generale della situazione epidemiologica nel Paese. L’incidenza nazionale a 14 giorni torna a crescere dopo alcune settimane di decrescita, aumenta anche l’impatto della pandemia sui servizi assistenziali e questo si traduce in un aumento generale del rischio». Si osserva inoltre, dopo alcune settimane di diminuzione, un nuovo «aumento dell’incidenza a livello nazionale negli ultimi 14 giorni: 313,28 per 100mila abitanti (dal 21 dicembre 2020 al 3 marzo 2021) contro 305,47 per 100mila abitanti (dal 14 dicembre 2020 al 27 dicembre 2020)». Viene inoltre evidenziato «il persistente valore elevato di questo indicatore nella Regione del Veneto (927,36 per 100mila abitanti negli ultimi 14 giorni). L’incidenza su tutto il territorio è ancora lontana da livelli che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti».

Rischio rapido aumento casi senza misure più stringenti

L’epidemia di Covid-19 in Italia si trova «in una fase delicata che sembra preludere ad un nuovo rapido aumento nel numero di casi nelle prossime settimane, qualora non venissero definite ed implementate rigorosamente misure di mitigazione più stringenti. Questo avverrebbe in un contesto di elevata incidenza con una pressione assistenziale ancora elevata ed in crescita in molte Regioni/PA».

Tredici Regioni con terapie intensive sopra soglia critica

Sono 13 le Regioni che hanno un tasso di occupazione in terapia intensiva e aree mediche sopra la soglia critica (la settimana precedente erano 10). Il tasso di occupazione in terapia intensiva a livello nazionale torna a essere sopra la soglia critica (30%). Complessivamente, il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è in lieve aumento da 2.565 (al 28 dicembre 2020) a 2.579 (al 4 gennaio 2021); il numero di persone ricoverate in aree mediche è invece lievemente diminuito passando da 23.932 (al 28 dicembre 2020) a 23.317 (4 gennaio 2021).

Aumento rischio epidemia non controllato e non gestibile

«Si osserva – si legge nel report – un aumento complessivo del rischio di una epidemia non controllata e non gestibile, dovuto a un aumento diffuso della probabilità di trasmissione di Sars-Cov-2 sul territorio nazionale, in un contesto in cui l’impatto sui servizi assistenziali è ancora alto nella maggior parte delle Regioni/province autonome». Si conferma pertanto la «necessità di mantenere la drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone. È fondamentale – raccomanda il report – che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie e di rimanere a casa il più possibile. Si ricorda che è obbligatorio adottare comportamenti individuali rigorosi e rispettare le misure igienico-sanitarie predisposte relative a distanziamento e uso corretto delle mascherine. Si ribadisce la necessità di rispettare le misure raccomandate dalle autorità sanitarie, compresi i provvedimenti quarantenari dei contatti stretti dei casi accertati e di isolamento dei casi stessi».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Gimbe: «Casi aumentano, ma rispetto a un anno fa ricoveri dimezzati grazie a vaccini»
Accelera la campagna vaccinale: in una settimana +223 mila nuovi vaccinati e oltre 2,6 milioni di richiami. L’80,1% della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino, ma rimangono scoperti 2,5 milioni di over 50 ad elevato rischio di ospedalizzazione
La vaccinazione nei bambini è raccomandabile o meno? Le considerazioni della Simedet
L'opinione di Alberto Ferrando del Comitato Scientifico della Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Covid e bambini, la denuncia dei TNPEE: «Aumentano casi di disagio e di disturbi dell’apprendimento, lavorare su variabili ambientali»
Molte regioni stanno implementando la figura del Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva. Il Presidente Bonifacio: «Intercettare rapidamente disagio prima che possa svilupparsi una difficoltà più grave». La teleriabilitazione, esplosa con il Covid, sempre più essenziale nella trasformazione della professione
di Francesco Torre
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
Dati ISS: Rt a 1,20 e incidenza in salita. Forte aumento casi non associati a catene già note
Ancora in salita Rt e incidenza sul territorio nazionale. Diminuiscono i casi rilevati tramite tracciamento contatti e anche l'Rt ospedaliero, che arriva a 1,09
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 dicembre, sono 267.880.128 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.280.456 i decessi. Ad oggi, oltre 8,28 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi