Politica 20 Luglio 2021 11:01

Carenza medici di famiglia in Lombardia, le proposte dei consiglieri regionali

Lega, Forza Italia, M5S e Pd al lavoro. Approvata in giunta una mozione per incrementare i finanziamenti delle borse di studio in medicina generale e istituire un tirocinio professionalizzante

di Federica Bosco
Carenza medici di famiglia in Lombardia, le proposte dei consiglieri regionali

Secondo le stime della Federazione italiana dei medici di medicina generale, nei prossimi cinque anni, su base nazionale, andranno in pensione 14.908 medici di famiglia. Solo in Lombardia saranno 4167 i camici bianchi che cesseranno l’attività. Un dato che è stato oggetto di discussione e di confronto in Regione dove maggioranza e opposizione si sono attivati con alcune proposte.

A firma Lega, con contributi di Forza Italia e Cinque Stelle, è la mozione che impegna la Giunta a farsi portavoce presso il Governo nazionale di alcuni interventi, come ha sottolineato Emanuele Monti, presidente della Commissione sanità: «La carenza dei medici di base è un problema che va risolto in maniera tempestiva prima che si trasformi in una bomba sociale – ha commentato -. Per questo, in Consiglio regionale abbiamo approvato una mozione, proposta dalla Lega, con cui chiediamo ai Ministeri della Salute e dell’Università e della Ricerca di incrementare immediatamente i finanziamenti per le borse di studio in medicina generale, riportandole almeno alla quota prevista per il triennio 2019/2022 e di anticipare la fine del corso di formazione del triennio 2018/2021, al fine di permettere a 379 tirocinanti di diventare effettivi già nei prossimi mesi».

Si pensa al tirocinio professionalizzante

Una posizione che la Giunta ha avallato con la delibera approvata nei giorni scorsi che istituisce il tirocinio professionalizzante per consentire ai medici in formazione di concorrere all’assegnazione degli ambiti con carenze e riuscire ad assistere fino a mille pazienti. «Questo tirocinio andrà a sostituire l’attività svolta in affiancamento presso un ambulatorio del medico di medicina generale e parte dell’attività teorica – ha aggiunto Monti -. Ora ci aspettiamo un intervento del Governo sulle nostre proposte».

Solo un medico su quattro disposto ad accogliere più pazienti

I medici di medicina generale chiamati in causa in un sondaggio di ATS Milano e Lodi sull’opportunità di ampliare il proprio bacino di pazienti hanno accolto l’idea con un certo riserbo. Soltanto 230 su un totale di 1100 intervistati hanno dato la propria adesione, gli altri hanno evidenziato problemi strutturali (spazi piccoli), amministrativi (privi di segretaria) o di supporto medico (mancanza di infermiere in ambulatorio).

Temi a cui il consigliere regionale Gregorio Mammì (M5S) ha cercato di dare, attraverso una mozione, una risposta. «Per convincere i medici di medicina generale ad aumentare il numero di assistiti abbiamo chiesto che vengano proposti degli incentivi economici e non, ma anche che si razionalizzi il lavoro del medico di base attuando alcune disposizioni di legge comunemente ignorate – ha concluso il consigliere – come la prescrizione in formato elettronico di classe C e di incentivare che la certificazione di malattia sia rilasciata direttamente dalla struttura o dal professionista sanitario interessato senza per forza passare dal medico di base».

Incentivi economici, borse di studio e più posti disponibili

Più critica la posizione del Partito Democratico con la consigliera Carmela Rozza: «Ci sono due piani di intervento da considerare – dichiara la consigliera del Pd –. Da un lato la mancanza di medici in alcuni quartieri periferici svantaggiati che chiama in causa Regione Lombardia e poi il problema nazionale che riguarda tutte le professioni mediche e infermieristiche per le quali vanno assolutamente aumentati i corsi universitari. Quindi per far fronte oggi al grave deficit che si è venuto a creare è opportuno dare incentivi ai medici di medicina generale disponibili ad andare a lavorare nei quartieri periferici e nelle zone più svantaggiate. Mentre è fondamentale aumentare le borse di studio e dare più utenti a chi è in fase di specializzazione per poi aumentare i posti di formazione universitaria per medici di medicina generale, specialistiche e professioni sanitarie. Questa sarebbe l’operazione immediata da fare, col tempo sarebbe utile far diventare la professione del medico di medicina generale appetibile in modo che il suo ruolo venga riconosciuto. Per concludere ritengo che il numero chiuso andrebbe abolito, ma siccome questo scatenerebbe la reazione di molti, dico che si potrebbe mediare, ampliando il numero dei posti disponibili».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina territoriale, cosa prevede la riforma del Pd. Lacarra: «Serve rivoluzione culturale»
Il disegno di legge prevede una delega al Governo sul tema. Tra i punti qualificanti, un vincolo alle regioni per destinare almeno il 5 per cento della spesa sanitaria annua per la promozione e lo sviluppo di attività di screening e di prevenzione e il graduale passaggio degli MMG alla dipendenza
di Francesco Torre
Congresso MMG, Cricelli: «Organizzare conferenza della medicina generale e delle cure territoriali nel SSN»
«Il Congresso SIMG cade in un momento cruciale della vita del nostro SSN e della nostra professione. Sarà l’occasione per proporre entro il primo semestre del 2022 l’organizzazione della prima Conferenza nazionale della medicina generale e delle cure territoriali nel SSN e nel sistema Paese Italia» sottolinea il Prof. Claudio Cricelli, Presidente SIMG
Crisi sistema emergenza territoriale, le soluzioni del 78° congresso nazionale Fimmg
Fimmg Es lancia la propria proposta per rivedere le modalità di accesso al Sistema di Emergenza Sanitaria Territoriale
Congresso Fimmg, l’appello dei medici in formazione: «Vogliamo essere protagonisti del cambiamento»
Schembri (Fimmg Formazione): «Rivedere programma formativo integrando la formazione-lavoro, ma no alla trasformazione del corso in specializzazione»
MMG, Anelli (FNOMCeO): «Devono lavorare con altri professionisti sanitari, come accade negli ospedali»
Il presidente della Federazione degli Ordini dei medici commenta l’intervento di Speranza al Congresso Fimmg: «Rappresenta tappa miliare nel processo di riforma della sanità territoriale. Mantenere capillarità e rapporto di fiducia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano