Formazione 7 Maggio 2021 12:51

Test corso Medicina generale, prime irregolarità. Avv. Tortorella: «I posti sono troppo pochi»

Dopo il concorso per l’ingresso al Corso di Formazione in Medicina Generale, le prime segnalazioni parlano di numeri decisamente troppo ridotti rispetto al fabbisogno del Ssn. L’avvocato Tortorella spiega cosa può fare chi vuol fare ricorso

Test corso Medicina generale, prime irregolarità. Avv. Tortorella: «I posti sono troppo pochi»

A una settimana dalla prova di ingresso al Corso di Formazione in Medicina Generale, cominciano ad emergere le prime criticità riscontrate durante i test. Segnalate da alcuni dei partecipanti, possono essere impugnate per provare un ricorso in caso di mancata ammissione, in attesa dei risultati previsti a fine mese.

Con l’avvocato Marco Tortorella abbiamo esaminato i prossimi step. «Adesso – spiega – stiamo raccogliendo le criticità emerse durante il concorso e valutando se potranno essere tramutate in motivi di illegittimità. Uno dei problemi principali è, a nostro avviso, il numero ridotto dei posti messi a concorso vista la dimostrata strutturale carenza dei medici di base e l’importanza che hanno per il Ssn».

Se un candidato fosse interessato a presentare ricorso, cosa dovrebbe fare? «Rivolgersi a un legale e impugnare dinanzi al tribunale amministrativo la sua esclusione o la sua non ammissione al concorso. Se il ricorso dovesse essere accolto dovrebbe ottenere o l’ammissione e quindi il superamento del concorso, oppure a seconda delle criticità emerse, il rifacimento della prova».

Medici di “serie B”? Un annoso problema

Oltre alle irregolarità riscontrate, l’argomento più affrontato dai dottori presenti ha un’origine antica. Quella della connotazione “di serie B” per chi sceglie la strada della medicina generale. Non solo per vecchi retaggi della professione, ma manifesta anche nella diversa remunerazione per chi sceglie questo tipo di specializzazione.

«Si tratta di un problema storico dei corsi di formazione in medicina generale – conferma l’avvocato – perché hanno un trattamento economico, ma anche giuridico, differente. Sebbene sia previsto il corso a tempo pieno, per molti aspetti analogo a quello di specializzazione medica, coloro che fanno il corso prendono una borsa di studio determinata nel 1991 e così rimasta. Sappiamo che adesso i medici specializzandi prendono quasi il triplo e gli vengono riconosciuti alcuni diritti come l’anzianità di carriera e i contributi previdenziali. Non solo, la borsa di studio per i mmg è anche sottoposta a tassazione».

Qualcuno sta reagendo: «Alcuni medici – conclude – stanno agendo e hanno cause in corso per far valere questa disparità di trattamento sotto l’aspetto della non corretta applicazione delle direttive comunitarie. I medici che hanno svolto i corsi di medicina generale in passato possono ancora agire per far valere questo diritto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Smi, Cgil Medici e Simet a Speranza: «Rilanciare medicina generale con contratto innovativo e dignitoso»
Pina Onotri, Andrea Filippi e Mauro Mazzoni, in rappresentanza dei tre sindacati, scrivono una lettera al Ministro della Salute sul contratto dei MMG e sul Pnrr
Domande sbagliate al test di Medicina, sui social la rabbia dei candidati
Annullare le domande sbagliate non è la soluzione più corretta secondo i candidati: la disparità verrebbe a crearsi comunque
Carenza medici di famiglia, la Lombardia preme sul Governo per avere più borse di studio per MMG
Monti (presidente Commissione Sanità): «Dialogo aperto con il Ministro Messa. In Consiglio regionale approvata la delibera per aumentare il numero dei pazienti di medici in formazione»
di Federica Bosco
Ricorsi contro l’obbligo vaccinale respinti in tutta Europa. No della CEDU ai pompieri francesi
La Corte europea dei diritti umani ha respinto il ricorso dei pompieri francesi contro l'obbligo vaccinale. Nessuna causa vinta neppure in Italia dai ricorrenti al TAR contro le sospensioni. E intanto si parla di prolungare la durata del Green pass da 9 a 12 mesi (solo per i vaccinati)
Mmg minacciati per le esenzioni dal vaccino, cosa si rischia e cosa si può fare
Sono sempre più i medici di famiglia che ricevono via PEC dai propri assistiti richieste di prescrivere esami specifici finalizzati a evitare il vaccino, pena ripercussioni legali. Ma come comportarsi in questi casi? Ne parliamo con il segretario Fimmg Silvestro Scotti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco