Formazione 7 Maggio 2021 12:51

Test corso Medicina generale, prime irregolarità. Avv. Tortorella: «I posti sono troppo pochi»

Dopo il concorso per l’ingresso al Corso di Formazione in Medicina Generale, le prime segnalazioni parlano di numeri decisamente troppo ridotti rispetto al fabbisogno del Ssn. L’avvocato Tortorella spiega cosa può fare chi vuol fare ricorso

Test corso Medicina generale, prime irregolarità. Avv. Tortorella: «I posti sono troppo pochi»

A una settimana dalla prova di ingresso al Corso di Formazione in Medicina Generale, cominciano ad emergere le prime criticità riscontrate durante i test. Segnalate da alcuni dei partecipanti, possono essere impugnate per provare un ricorso in caso di mancata ammissione, in attesa dei risultati previsti a fine mese.

Con l’avvocato Marco Tortorella abbiamo esaminato i prossimi step. «Adesso – spiega – stiamo raccogliendo le criticità emerse durante il concorso e valutando se potranno essere tramutate in motivi di illegittimità. Uno dei problemi principali è, a nostro avviso, il numero ridotto dei posti messi a concorso vista la dimostrata strutturale carenza dei medici di base e l’importanza che hanno per il Ssn».

Se un candidato fosse interessato a presentare ricorso, cosa dovrebbe fare? «Rivolgersi a un legale e impugnare dinanzi al tribunale amministrativo la sua esclusione o la sua non ammissione al concorso. Se il ricorso dovesse essere accolto dovrebbe ottenere o l’ammissione e quindi il superamento del concorso, oppure a seconda delle criticità emerse, il rifacimento della prova».

Medici di “serie B”? Un annoso problema

Oltre alle irregolarità riscontrate, l’argomento più affrontato dai dottori presenti ha un’origine antica. Quella della connotazione “di serie B” per chi sceglie la strada della medicina generale. Non solo per vecchi retaggi della professione, ma manifesta anche nella diversa remunerazione per chi sceglie questo tipo di specializzazione.

«Si tratta di un problema storico dei corsi di formazione in medicina generale – conferma l’avvocato – perché hanno un trattamento economico, ma anche giuridico, differente. Sebbene sia previsto il corso a tempo pieno, per molti aspetti analogo a quello di specializzazione medica, coloro che fanno il corso prendono una borsa di studio determinata nel 1991 e così rimasta. Sappiamo che adesso i medici specializzandi prendono quasi il triplo e gli vengono riconosciuti alcuni diritti come l’anzianità di carriera e i contributi previdenziali. Non solo, la borsa di studio per i mmg è anche sottoposta a tassazione».

Qualcuno sta reagendo: «Alcuni medici – conclude – stanno agendo e hanno cause in corso per far valere questa disparità di trattamento sotto l’aspetto della non corretta applicazione delle direttive comunitarie. I medici che hanno svolto i corsi di medicina generale in passato possono ancora agire per far valere questo diritto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Turni massacranti, Avv. Tortorella: «Italia ha violato normativa europea, via alle diffide»
«Prima del 2015, quando è stata recepita la direttiva tantissimi medici hanno subìto dei danni a causa della violazione degli obblighi comunitari»
Terza dose dal medico di famiglia, Testa (Snami): «Con quali mezzi?»
Il ministro Speranza parla di un ritorno alla medicina ordinaria, mantenendo alta l'attenzione su Covid-19. L'autunno dei professionisti sanitari come sarà? Ai mmg verrà affidato il terzo richiamo e ai pediatri la vaccinazione dei giovani
Case di Comunità e dipendenza MMG da SSN, tutti i rischi della riforma della medicina di famiglia
Le opinioni di Pina Onotri (SMI), Domenico Crisarà (FIMMG) e Angelo Testa (SNAMI) sul progetto contenuto nel Recovery Plan che punta al riassetto della medicina del territorio con le Case di Comunità
Vaccinazioni, Figliuolo alle Regioni: «Coinvolgere di più MMG e farmacisti». Plauso FIMMG, no dello SNAMI
Il Commissario all’emergenza ha stilato le “Linee guida per la prosecuzione della campagna vaccinale”. Anelli (FNOMCeO): «Medici pronti a contribuire di più alle vaccinazioni»
Cure domiciliari, Nicastri (Spallanzani): «Antivirali, cortisone ed eparina solo in ospedale»
Il corso Fad realizzato dal provider di Consulcesi Club affronta gli aspetti relativi all’assistenza domiciliare dei positivi al Sars-Cov-2, dalla diagnosi alla negativizzazione. Rossi (Uscar Lazio): «Terapie inappropriate possono causare un peggioramento della patologia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM