Politica 13 Luglio 2020

Camera, 40 milioni di restituzioni dal bilancio al personale sanitario in prima linea contro il Covid

A stabilirlo un ordine del giorno al Decreto Rilancio a prima firma del deputato questore M5S Francesco D’Uva, con l’adesione dei membri dell’Ufficio di Presidenza di Montecitorio. L’altra metà delle restituzioni alle popolazioni terremotate del Centro Italia

Immagine articolo

Una buona notizia per gli operatori sanitari impegnati nell’emergenza Covid-19 arriva dalla Camera dei deputati. Quaranta milioni di euro delle restituzioni dal bilancio della Camera per l’anno 2020 saranno destinati alle gratifiche economiche per il personale sanitario che ha lottato contro il Covid. A stabilirlo un ordine del giorno al Decreto Rilancio a prima firma del deputato questore M5S Francesco D’Uva, con l’adesione dei membri dell’Ufficio di Presidenza di Montecitorio appartenenti alle altre forze politiche.

Le somme, già destinate a forme di remunerazione per gli operatori sanitari, transiteranno nel fondo ad hoc predisposto dal Governo dopo l’approvazione del bilancio interno della Camera (prevista per il prossimo 30 luglio) e l’inserimento della disposizione nella legge di Bilancio o in uno dei prossimi provvedimenti sottoposti al vaglio del Parlamento.

«Al centro dell’emergenza ci sono state persone che non vogliono essere chiamate ‘eroi’. Sono persone normali, che hanno fatto sacrifici straordinari per tutelare la salute dei loro concittadini. Quest’anno vogliamo impiegare 40 milioni restituiti dal bilancio della Camera per dire grazie alle donne e agli uomini del personale sanitario, che hanno lottato per noi contro il Covid» ha spiegato su Facebook il deputato questore M5S Francesco D’Uva.

L’altra metà delle restituzioni di Montecitorio (40 milioni di euro) andranno alle popolazioni terremotate del Centro Italia, come annunciato dal presidente della Camera Roberto Fico.

Complessivamente, le restituzioni effettuate dalla Camera a partire dal 2013 ammontano a 465 milioni di euro, di cui 200 restituiti nella scorsa legislatura e 265 in quella in corso.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»
Situazione preoccupante secondo gli esperti del Centro europeo per il controllo delle malattie: le misure sono arrivate in ritardo e l'adesione non è stata ottimale
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
«Futuri medici o solo studenti senza voce?»
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
Cos’è la pandemic fatigue? L’esperto ci spiega perché ne soffre il 60% degli europei
Spossatezza e sfiducia nelle regole, nella seconda ondata tanti sentono la pandemic fatigue. Cosa succede nel nostro cervello? Il professor Vitiello (coordinatore "Lavoro" OdP Lazio) spiega come contrastarla
Covid-19, Ricciardi: «Possiamo evitare lockdown ma non con coprifuoco. Politica in ritardo»
Il consulente del ministro Speranza: «Il coprifuoco non è stato efficace in Francia e in Spagna. Il Covid lo portano le masse di persone che si addensano nei locali o sui trasporti pubblici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...