Politica 25 Febbraio 2019

Autonomia differenziata, Anelli (FNOMCeO): «Necessario ponderare scelte e verificare conseguenze con professionisti salute»

Il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici e degli odontoiatri sulla prima assemblea nazionale di tutte le professioni sanitarie e sociali: «Segno di maturità. Mettiamo nostre competenze a disposizione di società civile e politica»

È stato Filippo Anelli, presidente della FNOMCeO, a volere fortemente la prima assemblea di tutte le professioni sanitarie e sociali. Prontamente hanno risposto tutti in modo positivo al suo appello, e pochi giorno dopo si sono ritrovati seduti fianco a fianco sul palco del teatro Argentina di Roma a discutere delle sfide che il Servizio sanitario nazionale vede all’orizzonte. Prima tra tutte, l’autonomia differenziata.

«La cura delle persone non può prescindere da una visione multi-professionale dell’assistenza – dichiara Anelli ai nostri microfoni a margine dell’assemblea – e questo incontro è un grande segnale di maturità da parte delle professioni, che intendono far da ponte tra politica e società civile, mettendo a disposizione tutte le nostre competenze anche per la riorganizzazione del servizio sanitario».

«Ciò che ci preoccupa – prosegue Anelli commentando il progetto di autonomia differenziata – è che se imbocchiamo una strada nuova e lasciamo da parte questo sistema, che tutto il mondo ci invidia e che nonostante tutto riesce a produrre livelli di salute incredibili grazie ai professionisti e al suo carattere solidaristico e universale, non sappiamo se le cose miglioreranno. Siamo persone di scienza, e pensiamo che i cambiamenti debbano essere ponderati e verificati. Poi se il sistema nuovo è migliore di quello attuale, saremo i primi ad adottarlo».

GUARDA L’INTERVISTA INTEGRALE

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Conferenza Regioni approva documento sul riconoscimento delle competenze avanzate
Gli infermieri: «Un passo avanti importante con qualche ombra, che andrà ben declinato a livello locale». E i medici chiedono di poter contribuire
“No alla violenza sui camici bianchi”. Anelli (Fnomceo): «L’attività parlamentare vada di pari passo con quella delle Regioni»
«È proprio a livello regionale che potranno essere portati avanti quegli interventi a livello organizzativo e strutturale che sono rimasti in secondo piano nel Disegno di Legge - continua Filippo Anelli -. Penso all’installazione degli impianti di videosorveglianza e all’istituzione di presidi di pubblica sicurezza nei pronto soccorso»
Suicidio assistito, FNOMCeO: «Medici non più punibili se rispettate condizioni Corte Costituzionale»
Il Consiglio nazionale della Federazione degli Ordini dei Medici aggiorna il codice deontologico
Presentato alla Camera “Notturno”, il docufilm contro la violenza sui medici
Il Presidente FNOMCeO Anelli: «L’obiettivo è quello di far riflettere tutti sullo stato in cui versa la professione»
Violenza negli ospedali: l’OMCeO Milano lancia un grido d’allarme. Rossi: «Emergenza autentica»
Al dibattito sul pericoloso fenomeno, in programma sabato 1 febbraio a Palazzo Marino a Milano, parteciperà la Federazione dei Medici e degli Odontoiatri (FNOMCeO) e l'ex Prefetto Francesco Paolo Tronca che dichiara: «I medici e gli operatori sanitari hanno necessità di svolgere il proprio lavoro in un clima disteso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio 2020 sono 81.005 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 30.116 mentre i morti sono 2.762. I CASI IN ITALIA Bollettino delle o...