Politica 19 Febbraio 2019 10:51

Autonomia differenziata, nodo sanità. Michele Emiliano (Puglia): «Bloccare processo separatista e aumentare poteri di tutte le Regioni»

Il governatore della Puglia è favorevole ad un aumento dei poteri delle Regioni ma non al processo che vede coinvolte solo Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. Intanto è scontro nel governo tra Lega e M5S sul tema, nulla di fatto in Consiglio dei Ministri

Autonomia differenziata, nodo sanità. Michele Emiliano (Puglia): «Bloccare processo separatista e aumentare poteri di tutte le Regioni»

Il progetto di autonomia differenziata che il governo sta portando avanti continua ad agitare il mondo della politica e anche quello della sanità. Perché tra i punti su cui le tre regioni interessate (Veneto, Emilia Romagna e Lombardia) stanno trattando con l’esecutivo, la sanità racchiude una parte importante, tanto che i poteri che chiedono (dalla rimozione ai vincoli di spesa per il personale all’ampliamento della rete formativa delle specializzazioni mediche) rischiano davvero di creare 21 Sistemi sanitari differenti, come sostenuto da diversi sindacati (lo SMI in testa) e realtà come la Fondazione Gimbe secondo cui “il regionalismo differenziato mina il diritto alla salute”.

Il dibattito è in corso anche tra i presidenti di regione, con quelli del sud indecisi tra l’opporsi al progetto o chiedere anche loro di partecipare alla trattiva per una maggiore autonomia. «Io sono dell’idea che tutte le regioni a statuto ordinario dovrebbero chiedere l’autonomia differenziata – spiega a Sanità Informazione il governatore della Puglia Michele Emiliano – Bisognerebbe fermare questo processo separato di Lombardia, Veneto ed Emilia e decidere tutti insieme che effettivamente lo Stato centrale è inefficiente come tutti gli italiani sanno e bisogna aumentare i poteri delle regioni con un meccanismo differenziato tra le regioni più efficienti che inneschi una procedura che poi deve portare ad una eguaglianza di poteri tra tutte le regioni».

LEGGI ANCHE: AUTONOMIA DIFFERENZIATA, NORD AVANTI MA CRESCONO I DUBBI. LUCA ZAIA (VENETO):«GOVERNO HA RIBADITO PIU’ VOLTE CHE SI FARA’»

Il Presidente della Puglia non sarebbe contrario al progetto, ma ha dovuto fare i conti con la netta opposizione del centrosinistra pugliese al progetto e così ha fermato la richiesta della Puglia di aderire all’autonomia differenziata.

«Purtroppo il centrosinistra è confuso sia in Puglia che in altri luoghi – aggiunge Emiliano – Al nord chiede l’autonomia differenziata, al sud non sa che fare, non c’è un indirizzo politico generale. Noi non l’abbiamo nel programma e quindi molti ‘neoborbonici’, diciamo così, hanno immaginato di cavalcare questa cosa a fini elettorali: purtroppo la cosa non funziona».

La discussione sull’autonomia differenziata fa litigare anche gli azionisti della maggioranza di governo: nell’ultimo Consiglio dei ministri di fatto, nonostante il pressing della Lega, si è registrato uno stop e non è stato dato il via libera alle bozze di accordo con le regioni interessate, dati i dubbi formulati dagli esponenti del Movimento Cinque Stelle. La partita si preannuncia ancora lunga e complessa.

Articoli correlati
Premio “Leads – Donne Leader in Sanità”, Lorenzin: «Ai vertici sempre gli uomini, serve rapido cambio di passo»
L’iniziativa nasce per promuovere la leadership delle donne in ambito sanitario. «Per quanto le donne siano assoluta maggioranza – il 64,5% del SSN italiano secondo l’Oms – osservando le posizioni di leadership questa piramide si rovescia» specifica la presidente Patrizia Ravaioli
IV Congresso Big Data in Health, tra salute collettiva e rispetto della privacy
L’avvocato Luca Bolognini: «Necessario un bilanciamento per supportare la spinta all’innovazione senza perdere di vista l’etica del trattamento dati»
I ricercatori in sanità chiedono la stabilizzazione: «Così è difficile programmare l’attività scientifica»
L’ARSI, Associazione Ricercatori in Sanità, chiede che nell’articolo 92 della Legge di Bilancio che stabilizza i precari assunti durante l’emergenza Covid siano inseriti anche i ricercatori degli IRCSS e degli IZS
di Francesco Torre
«Tutti i professionisti sanitari siano coinvolti nelle Case di Comunità». Dal Congresso di Rimini l’appello della FNO TSRM PSTRP
Teresa Calandra, presidente della Federazione che rappresenta 19 professioni sanitarie, spiega: «In questo modo si farà meno fatica poi a trovare le eventuali figure professionali che non sono state inserite nei piani regionali»
di Francesco Torre
Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per l’aggiornamento dei LEA, tutte le misure per la sanità in legge di Bilancio
Confermata l’indennità di 90 milioni per i professionisti sanitari dell’emergenza urgenza e la proroga delle Usce fino al 30 giugno 2022. Destinati 500 milioni di euro all’abbattimento delle liste di attesa. Stanziati fondi per costituire una scorta nazionale di dispositivi di protezione individuale (DPI)
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 dicembre, sono 267.880.128 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.280.456 i decessi. Ad oggi, oltre 8,28 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi