Politica 8 Settembre 2021 13:10

Accordo sul Green pass e lo strappo della Lega, cosa succede in Aula

La Lega ha votato contro il Green pass nei ristoranti al chiuso insieme a Fratelli d’Italia ed ha aperto una frattura

Accordo sul Green pass e lo strappo della Lega, cosa succede in Aula

Quando arriva l’accordo sul Green pass? Se lo stanno chiedendo tutti, in Aula e fuori, dopo i tumulti avvenuti ieri e lo strappo della Lega. La decisione è prevista (e certamente ci sarà) oggi e il decreto sarà approvato, ma il governo potrebbe uscirne indebolito più del necessario.

Cosa è successo allora? La Lega ieri si è separata dalla maggioranza di cui fa parte e ha votato con Fratelli d’Italia l’emendamento per eliminare il Green pass dai ristoranti al chiuso. Con 134 voti a favore e 270 contrari non è passato, ma si è comunque aperta una voragine che già era minacciosa. Specie dopo l’accordo che ha permesso di scongiurare la votazione sul Green pass con la fiducia, che invece si era prefigurata prima che la Lega ritirasse tutti gli emendamenti che aveva proposto sul decreto.

Le reazioni

La reazione è stata quella che ci si aspettava: il PD ha tuonato contro un atteggiamento controproducente della Lega, che terrebbe il piede in due scarpe (maggioranza e opposizione). Il capopartito Matteo Salvini ha sempre tenuto a confermare la sua fiducia in Mario Draghi e lo stesso presidente del Consiglio, durante la sua ultima conferenza stampa, si è detto sereno a proposito.

Tuttavia Salvini ha tenuto subito a ribadire che non accetterà alcuna proposta di obbligo vaccinale, di cui «non vuole nemmeno sentir parlare». Anche se il ministro della Salute Roberto Speranza da qualche mese ribadisce che se sarà necessario non esiterà a proporlo al Governo e a mandarlo avanti. Intanto la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, che è attualmente la vera opposizione di Draghi, si è detta soddisfatta che una parte del centrodestra coinvolto nella maggioranza sostenga le loro battaglie.

La maggioranza può reggere?

Quel che tutti si chiedono è quanto ancora riuscirà a reggere un Governo di larghe intese che “se la intende” così poco. Il decreto Green pass è inoltre una pietra miliare di questa coalizione, essendo contemporaneamente anche il motivo principale di discussione. È chiaro che Salvini non desidera perdere la parte di elettorato “no vax” che si sente tradita quando la Lega approva questo genere di misure. Contemporaneamente sa che non ha senso separarsi da Mario Draghi prima che la situazione del Paese risulti più stabile e si configuri la possibilità di nuove elezioni in sicurezza.

«Il nostro obiettivo è garantire salute e lavoro e penso che in queste ore si stia trovando una soluzione soddisfacente sui minorenni, sulle famiglie, sui tamponi gratuiti, sull’allungamento della durata del green pass. Se alzare i toni ci permette di avere dei risultati, allora vuol dire che stiamo facendo il nostro mestiere» ha detto il leader della Lega a margine della sua visita al supersalone, alla Fiera di Rho (Milano).

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Green Pass obbligatorio a colf, badanti e assistenti familiari. FederAnziani: «Plauso a Governo, accolta nostra richiesta»
«Non possiamo che esprimere il nostro plauso a questo provvedimento - spiega Messina - A nome della nostra organizzazione e di tutti gli anziani che finalmente si sentiranno più tutelati»
Green Pass bis e ter, novità sui tamponi molecolari: validità estesa da 48 a 72 ore
Terminato in commissione Affari sociali alla Camera l’esame degli ultimi due decreti sulla certificazione Covid. Il provvedimento, che estende il Pass a scuole, università e mezzi di trasporto a lunga percorrenza, andrà in Aula lunedì 20 settembre. Scatta obbligo vaccinale per sanitari che operano nelle RSA
di Francesco Torre
Dal 15 ottobre Green pass obbligatorio per tutti i lavoratori. Ecco cosa prevede il decreto
Calmierati i prezzi dei tamponi e gratuità per gli esenti, sanzioni fino a 1500 euro per chi non rispetta la norma
Decreto Green pass, Lega: «Approvato nostro odg per incrementare uso anticorpi monoclonali»
I senatori della Lega in commissione Affari costituzionali, firmatari del testo approvato, Luigi Augussori, capogruppo, Roberto Calderoli, Ugo Grassi, Alessandra Riccardi e Daisy Pirovano segnalano che «la Lega è contro il virus e lavora con impegno alla tutela della salute della nostra comunità nazionale: bene, dunque – continuano i parlamentari in una nota – che […]
No Green pass in Uk, Andreoni (Tor Vergata): «Scelta rischiosa». Le novità su test salivari e vaccinazioni
Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma, spiega a Sanità Informazione come sta evolvendo la lotta al Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco