Voci della Sanità 23 Novembre 2020 17:00

Ospedale San Camillo: «Nessuna chiusura di cardiologia a causa di operatori positivi Covid-19»

La dichiarazione del Direttore generale dell’ospedale romano Fabrizio d’Alba: «Titolo sparato per diffondere fake news»

La direzione generale dell’Ospedale San Camillo smentisce l’articolo del Messaggero dal titolo “Si ferma la Cardiologia: troppi contagi in corsia” e richiama i mezzi d’informazione a non prestarsi al ruolo di diffusori di notizie non verificate che contribuiscono all’insicurezza dei cittadini e degli utenti.

«In un momento in cui è necessaria la massima attenzione e la coesione di tutti per sconfiggere il COVID 19  – dichiara Fabrizio d’Alba, direttore generale del San Camillo – suscita amarezza oltre che indignazione il tono ed il titolo di un grande quotidiano romano che, per raccontare le difficoltà comune a tutti gli ospedali italiani con operatori sanitari e medici  colpiti dal virus, sceglie di fare un titolo durissimo che annuncia la chiusura dell’intero reparto, cosa mai prospettata e avvenuta».

«Una notizia non veritiera – spiega il direttore – rilanciata da molti motori internet, che ha provocato vero allarme sociale con pazienti e utenti preoccupati dall’annunciata chiusura della “loro” cardiologia. Le attività del reparto sono state esclusivamente rimodulate senza mai nessuna interruzione del servizio. Intempestiva e fuori tempo massimo perché superata dagli eventi, anche la notizia relativa al numero di operatori sanitari e medici colpiti da Covid e per questo assenti dal loro reparto. Ad oggi, e sono i dati ufficiali a dirlo, risulta essere solo uno il cardiologo assente per Covid» conclude.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»
Consulcesi lancia il corso ECM su vaccini e anticorpi monoclonali: una sfida aperta per scienza, politica ed economia. Il presidente Massimo Tortorella: «Solo con la formazione, punto chiave del nuovo Piano Pandemico, sarà possibile arginare l'attuale nuova ondata di fake news»
«Un quarto dei pazienti che hanno avuto un infarto interrompe le terapie per il colesterolo»
Campo (Università Ferrara): «Implicazioni drammatiche in termini di mortalità e di recidive cardiovascolari. E spesso è colpa dei medici»
Sanità digitale, grandi opportunità per la Cardiologia. Valente: «Utili controllo e monitoraggio dei pazienti a distanza»
Innovazione digitale e nuove tecnologie rappresentano le frontiere in ambito cardiovascolare, soprattutto in questi mesi di emergenza sanitaria. Serafina Valente, direttore della cardiologia dell’AOU di Siena, illustra a Sanità Informazione i vantaggi della digital health in cardiologia
Il contraccolpo indiretto del Covid sul SSN e sulle altre patologie
La sanità oltre il Covid-19: ridotti del 50% gli interventi cardiologici, crollo negli screening, visite specialistiche con picchi del -70%, aumento della natimortalità
di Peter D'Angelo
Rimedi contro lo stress da Covid? Gli italiani scelgono gli integratori: +30% di vendite
D’Avolio (farmacologo): «Vitamina C, multivitaminici e vitamina D tra i più richiesti. Redatto un documento che raccoglie oltre 300 studi su interazione tra Covid-19 e vitamina D: il 95% ne dimostra l’efficacia»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»