Voci della Sanità 10 Gennaio 2019 16:23

Nasce il Pelvic Center, centro per la diagnosi e la cura delle malattie pelvico-perineali e dei prolassi

Creare una sinergia tra i diversi specialisti per indicare la diagnosi più precisa e la terapia più completa per il paziente affetto da disturbi pelvico-perineali: è questo l’obiettivo del nuovo Centro di diagnosi e cura delle malattie del pavimento pelvico (Pelvic Center), realizzato presso gli Istituti Clinici Zucchi di Monza e tra i pochi in […]

Creare una sinergia tra i diversi specialisti per indicare la diagnosi più precisa e la terapia più completa per il paziente affetto da disturbi pelvico-perineali: è questo l’obiettivo del nuovo Centro di diagnosi e cura delle malattie del pavimento pelvico (Pelvic Center), realizzato presso gli Istituti Clinici Zucchi di Monza e tra i pochi in Italia ad affrontare le patologie in maniera integrata.

Il pavimento pelvico, o perineo, è l’insieme delle strutture muscolari e legamentose che delimitano inferiormente il bacino e comprendono l’area genito-urinaria e anale. Oltre a mantenere stabile il bacino e a consentirne i movimenti, il pavimento pelvico sostiene e partecipa alla funzione urinaria, fecale, sessuale e riproduttiva dell’organismo. La grande maggioranza dei pazienti che soffre di malattie pelvico-perineali è di sesso femminile (in media 9 pazienti su 10 sono donne): infatti, per ragioni congenite o acquisite – come le gravidanze e i parti, gli interventi chirurgici, la stitichezza cronica e la menopausa – molte donne subiscono un cedimento del pavimento pelvico, che determina diverse forme di prolasso, ossia scivolamento dei visceri verso il basso.

L’indebolimento del perineo può così causare prolassi della vescica, dell’utero e del retto. I sintomi sono molto diffusi e frequenti: oltre a un dolore addominale persistente, la patologia vescicale determina urgenza minzionale o il bisogno di alzarsi spesso durante la notte per urinare, fino all’incontinenza. Il prolasso genitale causa gravi problemi igienici e rende dolorosi o addirittura impossibili i rapporti sessuali, mentre il prolasso del retto causa grave stitichezza e favorisce le emorroidi. Si tratta di disturbi che, nonostante la loro diffusione e il loro grave impatto sulla quotidianità dei pazienti, sono spesso trascurati perché ritenuti imbarazzanti e non vengono riferiti al medico.

«Fino a poco tempo fa si tendeva a diagnosticare e a trattare separatamente i sintomi derivanti dalla disfunzione dei tre compartimenti – vescica, genitali e retto – interessati dall’indebolimento del pavimento pelvico. Ogni specialista, urologo, proctologo o ginecologo, valutava i propri pazienti solo secondo la propria specialità – spiega il professor Francesco Gabrielli, coordinatore del Centro, colo-proctologo e docente di Chirurgia Generale presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca. – Oggi, invece, il perfezionamento delle metodiche diagnostiche permette un più ampio e corretto studio delle patologie pelvico-perineali e la sinergia tra diversi specialisti – colon-proctologi, ginecologi, urologi, radiologi, fisioterapisti, psicologi, dietologi, terapisti del dolore – garantisce una valutazione multidisciplinare del paziente e un approccio terapeutico migliore. Sono le diverse professionalità a “ruotare” intorno al paziente in un unico centro, per offrire un approccio al problema sinergico e coordinato. La paziente viene rapidamente inquadrata nello stesso ambito ospedaliero, con netta riduzione dei disagi e dei tempi di attesa».

Il dottor Cristiano Fusi, responsabile della Riabilitazione Specialistica degli Istituti Clinici Zucchi sostiene: «Nella maggior parte dei casi basta impostare una fisioterapia mirata per irrobustire il perineo e ottenere un rapido e significativo miglioramento dei sintomi. Spesso, infatti, interveniamo prima della chirurgia per verificare se l’intervento sia evitabile o comunque per migliorare il pavimento pelvico prima di intervenire, ottimizzando il decorso operatorio e postoperatorio. Un programma di riabilitazione del pavimento pelvico ben strutturato può cambiare in maniera sorprendente la qualità della vita dei pazienti, recuperando l’attività e la soddisfazione nei rapporti sessuali, la continenza e in generale la naturale contrazione e tonicità dell’area. Alla fisioterapia possiamo abbinare anche l’utilizzo di apparecchiature per l’elettrostimolazione e la rieducazione con il biofeedback. Siamo inoltre in grado di potenziare i risultati dell’intervento chirurgico».

Il professor Stefano Salvatore, uro-ginecologo presso gli Istituti Clinici Zucchi dichiara: «Il buon funzionamento del complesso vescico-sfintero-perineale dipende dall’azione integrata di tutti i comparti che lo compongono, distrettuali e centrali. Le patologie derivate dal loro malfunzionamento hanno un impatto devastante sulla qualità della vita delle pazienti affette. Ritengo quindi che solo un approccio multidisciplinare possa correggere i diversi fattori eziopatogenetici e fisiopatologici, così da formulare un’adeguata e soddisfacente proposta terapeutica con i chirurghi specialisti che collaborino tra loro anche nella stessa sala operatoria».

Articoli correlati
Tumori: IFO, “La medicina è personalizzata se prevede un approccio di sesso e genere”
I tumori oltre a essere differenti tra di loro, possono avere caratteristiche diverse a seconda del sesso, maschio o femmina, e anche del genere, uomo o donna che rappresenta il contesto sociale, culturale ed economico all’interno del quale vivono gli individui. Alla luce delle evidenze scientifiche è quindi fondamentale capire e individuare queste differenze per poter pianificare dei percorsi di diagnosi e terapia mirati
di V.A.
Sesso: giovani confusi, 1 su 2 si informa online, a scuola nascono i “tutor della fertilità”
I giovani italiani sono affamati di informazioni circa la loro sessualità, ma uno su due si affida al web. Lo mostra una ricerca presentata al congresso della SIRU Lazio, nell'ambito del quale è stato lanciato il progetto di Formazione nelle scuole
Sesso e cancro: a Londra la campagna shock per rompere i tabù
“Il cancro non sarà l’ultima cosa che mi fott*rà” (Cancer won’t be the last thing that f*cks me) è il titolo della provocatoria campagna pubblicitaria che sta tappezzando le strade di Londra in questi giorni. L’obiettivo è aiutare le sopravvissute al cancro a sentirsi degne di piacere sessuale
Long Covid: rischio sovrastimato? Comunità scientifica divisa
Tracy Beth Høeg dell’Università della California, San Francisco, e il suo team di ricerca hanno affermato che c'è una buona probabilità che il Long Covid sia stato sovrastimato. Le conclusioni del loro lavoro hanno sollevato un polverone di polemiche all'interno della comunità scientifica
Nella classifica mondiale sulle dimensioni del pene, gli italiani al 19esimo posto. La sessuologa: «Così si alimentano falsi miti»
Non è affatto una cattiva posizione quella raggiunta dall'uomo italiano medio nella classifica mondiale sulle dimensioni del pene. Il nostro paese appare al 19esimo posto ed è il terzo paese europeo per lunghezza dei genitali. Prima degli uomini italiani ci sono gli olandesi e i francesi. A mettere a confronto le dimensioni del pene di quasi 90 paesi di tutto il mondo è stato un gruppo di ricercatori tedeschi su World Data
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...