OMCeO, Enti e Territori 10 Gennaio 2019

Nasce il Pelvic Center, centro per la diagnosi e la cura delle malattie pelvico-perineali e dei prolassi

Creare una sinergia tra i diversi specialisti per indicare la diagnosi più precisa e la terapia più completa per il paziente affetto da disturbi pelvico-perineali: è questo l’obiettivo del nuovo Centro di diagnosi e cura delle malattie del pavimento pelvico (Pelvic Center), realizzato presso gli Istituti Clinici Zucchi di Monza e tra i pochi in […]

Creare una sinergia tra i diversi specialisti per indicare la diagnosi più precisa e la terapia più completa per il paziente affetto da disturbi pelvico-perineali: è questo l’obiettivo del nuovo Centro di diagnosi e cura delle malattie del pavimento pelvico (Pelvic Center), realizzato presso gli Istituti Clinici Zucchi di Monza e tra i pochi in Italia ad affrontare le patologie in maniera integrata.

Il pavimento pelvico, o perineo, è l’insieme delle strutture muscolari e legamentose che delimitano inferiormente il bacino e comprendono l’area genito-urinaria e anale. Oltre a mantenere stabile il bacino e a consentirne i movimenti, il pavimento pelvico sostiene e partecipa alla funzione urinaria, fecale, sessuale e riproduttiva dell’organismo. La grande maggioranza dei pazienti che soffre di malattie pelvico-perineali è di sesso femminile (in media 9 pazienti su 10 sono donne): infatti, per ragioni congenite o acquisite – come le gravidanze e i parti, gli interventi chirurgici, la stitichezza cronica e la menopausa – molte donne subiscono un cedimento del pavimento pelvico, che determina diverse forme di prolasso, ossia scivolamento dei visceri verso il basso.

L’indebolimento del perineo può così causare prolassi della vescica, dell’utero e del retto. I sintomi sono molto diffusi e frequenti: oltre a un dolore addominale persistente, la patologia vescicale determina urgenza minzionale o il bisogno di alzarsi spesso durante la notte per urinare, fino all’incontinenza. Il prolasso genitale causa gravi problemi igienici e rende dolorosi o addirittura impossibili i rapporti sessuali, mentre il prolasso del retto causa grave stitichezza e favorisce le emorroidi. Si tratta di disturbi che, nonostante la loro diffusione e il loro grave impatto sulla quotidianità dei pazienti, sono spesso trascurati perché ritenuti imbarazzanti e non vengono riferiti al medico.

«Fino a poco tempo fa si tendeva a diagnosticare e a trattare separatamente i sintomi derivanti dalla disfunzione dei tre compartimenti – vescica, genitali e retto – interessati dall’indebolimento del pavimento pelvico. Ogni specialista, urologo, proctologo o ginecologo, valutava i propri pazienti solo secondo la propria specialità – spiega il professor Francesco Gabrielli, coordinatore del Centro, colo-proctologo e docente di Chirurgia Generale presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca. – Oggi, invece, il perfezionamento delle metodiche diagnostiche permette un più ampio e corretto studio delle patologie pelvico-perineali e la sinergia tra diversi specialisti – colon-proctologi, ginecologi, urologi, radiologi, fisioterapisti, psicologi, dietologi, terapisti del dolore – garantisce una valutazione multidisciplinare del paziente e un approccio terapeutico migliore. Sono le diverse professionalità a “ruotare” intorno al paziente in un unico centro, per offrire un approccio al problema sinergico e coordinato. La paziente viene rapidamente inquadrata nello stesso ambito ospedaliero, con netta riduzione dei disagi e dei tempi di attesa».

Il dottor Cristiano Fusi, responsabile della Riabilitazione Specialistica degli Istituti Clinici Zucchi sostiene: «Nella maggior parte dei casi basta impostare una fisioterapia mirata per irrobustire il perineo e ottenere un rapido e significativo miglioramento dei sintomi. Spesso, infatti, interveniamo prima della chirurgia per verificare se l’intervento sia evitabile o comunque per migliorare il pavimento pelvico prima di intervenire, ottimizzando il decorso operatorio e postoperatorio. Un programma di riabilitazione del pavimento pelvico ben strutturato può cambiare in maniera sorprendente la qualità della vita dei pazienti, recuperando l’attività e la soddisfazione nei rapporti sessuali, la continenza e in generale la naturale contrazione e tonicità dell’area. Alla fisioterapia possiamo abbinare anche l’utilizzo di apparecchiature per l’elettrostimolazione e la rieducazione con il biofeedback. Siamo inoltre in grado di potenziare i risultati dell’intervento chirurgico».

Il professor Stefano Salvatore, uro-ginecologo presso gli Istituti Clinici Zucchi dichiara: «Il buon funzionamento del complesso vescico-sfintero-perineale dipende dall’azione integrata di tutti i comparti che lo compongono, distrettuali e centrali. Le patologie derivate dal loro malfunzionamento hanno un impatto devastante sulla qualità della vita delle pazienti affette. Ritengo quindi che solo un approccio multidisciplinare possa correggere i diversi fattori eziopatogenetici e fisiopatologici, così da formulare un’adeguata e soddisfacente proposta terapeutica con i chirurghi specialisti che collaborino tra loro anche nella stessa sala operatoria».

Articoli correlati
Sensuability, a Roma la mostra di fumetti contro i pregiudizi su sesso e disabilità
Da Milo Manara a Mauro Biani, tanti gli illustratori famosi a partecipare, mentre in Italia stenta ad essere accettata la figura dell’assistente sessuale. L’intervista all’ideatrice Armanda Salvucci
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Prevenzione, il tir dello scompenso cardiaco nelle piazze italiane: sette tappe a settembre-ottobre
Secondo i dati più recenti, 14 milioni di persone in Europa e più di 1 milione in Italia convivono, oggi, con lo scompenso cardiaco (HF, Heart Failure), patologia che registra ogni anno l’insorgere di nuovi casi, indicativamente 20 ogni 1000 individui tra 65 e 69 anni e più di 80 casi ogni 1000 tra gli […]
Riniti non allergiche, la rivoluzione dell’oscillazione cinetica. Macchi (Ospedale Varese): «Il colpevole è il Sistema nervoso periferico, primi risultati molto positivi»
Alberto Macchi sta sperimentando in Italia questa nuova terapia. Attraverso il device K.O.S. prodotto dall’azienda svedese Chordate Medical AB si inserisce nella narice un catetere collegato a un dispositivo: «Sui primi 15 pazienti si è avuta remissione dei sintomi a due mesi nell’80% dei casi. Ho controlli a due mesi su questi pazienti con dei risultati eccezionali nel senso che i pazienti non hanno più utilizzato spray, decongestionanti, steroidei nasali»
Brasile, i morti per febbre dengue salgono del 163% in sei mesi
Il ministero della Salute brasiliano ha reso noto che, negli ultimi sei mesi, le morti per febbre dengue, malattia virale trasmessa dalle zanzare, sono aumentate del 163% rispetto al 2018. Il dicastero spiega che le motivazioni sono da ricercare nelle piogge più abbondanti e nelle temperature più alte, specificando che 366 persone sono morte dal […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali