Voci della Sanità 21 Gennaio 2021 17:12

Il diabetologo del post Covid? Sempre più manager della sanità

Al via nuovi percorsi formativi dedicati per la certificazione delle competenze per il profilo di medico diabetologo esperto nella presa in carico del paziente cronico

In Italia sono oltre 4 milioni le persone con diabete, patologia che assorbe circa il 10% del totale della spesa sanitaria. Per impatto epidemiologico e assistenziale, complessità di gestione e grado di interdisciplinarità tra i diversi specialisti coinvolti, il diabete rappresenta a pieno titolo il prototipo della cronicità, pertanto l’implementazione di un efficace modello di presa in carico delle persone con diabete può essere considerato un indicatore della corretta gestione delle malattie croniche. Va in questa direzione il nuovo percorso formativo promosso dall’Associazione Medici Diabetologi (AMD), con il contributo non condizionante di MSD, che punta a far emergere e condividere gli aspetti cruciali ai fini di una corretta organizzazione e gestione della cronicità, anche in considerazione delle criticità messe in evidenza dal Covid, e in particolare la mancata integrazione ospedale-territorio.

«Oggi più che mai, alla luce dell’esperienza della pandemia, riteniamo che il medico diabetologo non possa più guardare esclusivamente alla pratica clinica, ma debba acquisire la formazione e le competenze necessarie per diventare un manager della sanità, in grado di interfacciarsi con molteplici figure professionali e di gestire un modello assistenziale complesso, dettato dalla necessità di un’integrazione sempre più puntuale e sinergica tra ospedale e territorio». Così Graziano Di Cianni, Vice Presidente AMD e Responsabile Scientifico del percorso formativo “Cronicità”, che sarà propedeutico alla certificazione delle competenze per il profilo di “medico diabetologo esperto nella presa in carico del paziente cronico”.

«Altro aspetto centrale del percorso formativo, in quanto essenziale nella gestione del diabete, è quello dell’approccio comunicazionale del diabetologo con il paziente, che, sin dal momento della diagnosi, deve puntare a trasferire al paziente che dovrà convivere con una condizione gestibile, ma non curabile, che avrà un impatto inevitabile sulla quotidianità e sulle abitudini di vita consolidate», continua Di Cianni. «In questo senso, è fondamentale che il medico diabetologo acquisisca le competenze per coinvolgere attivamente la persona con diabete all’interno del percorso di cura, per far comprendere al paziente il suo ruolo di “protagonista” nella gestione della terapia e l’importanza della prevenzione e dell’aderenza per evitare lo sviluppo di complicanze».

«Come AMD da anni ci impegniamo per avviare i nostri iscritti verso una formazione altamente qualificante e che tenga sempre più conto dell’importanza dell’aspetto manageriale e comunicazionale in campo medico e sanitario – commenta Paolo Di BartoloPresidente AMD -. Oltre ai percorsi formativi specifici avviati negli ultimi mesi, l’Associazione ha voluto arricchire il progetto di certificazione delle competenze AMD con un percorso dedicato specificatamente alle cronicità affinché il diabete venga messo al centro dei processi decisionali per la presa in carico di questi pazienti». 

Articoli correlati
Diabete e obesità in aumento, colpa dell’inquinamento e del Covid
Presentato a Milano il programma Cities Changing Diabetes action plan 2022-2025 per invertire la curva di crescita della malattia e porre la salute dei cittadini al centro dello sviluppo urbano
Talent Identification cycling Camp, in Toscana per scoprire giovani talenti del ciclismo con diabete
Novo Nordisk, prima squadra internazionale composta interamente da atleti con diabete, ha convocato 25 giovani ciclisti tra i 15 e i 18 anni provenienti da tutto il mondo per misurare le loro capacità sportive ma anche per valutare la loro tenuta psicologica e scegliere i campioni di domani
Diabete, al via il corso di formazione per medici libici della Società Italiana di Diabetologia
Il corso a distanza prenderà il via il 16 maggio. Il diabete è in aumento esponenziale soprattutto nei paesi in via di sviluppo come quelli africani affacciati sul Mediterraneo
Diabete e Sars-CoV-2: una relazione pericolosa. Con la minaccia del Long Covid
L’intervista al presidente della Società Italiana di Diabetologia (SID): «Le persone con diabete e obese che contraggono l‘infezione hanno un rischio di andare in ospedale, in rianimazione e morire dalle 2 alle 4 volte più alto. Il Long Covid può aumentare i livelli di glucosio nel sangue tra le persone con diabete di tipo 1 e 2». Vediamo perché
Giulio Gaetani, campione di scherma con diabete, racconta la sua battaglia per entrare nei gruppi sportivi militari
Lo scorso 6 aprile ha preso parte ad un incontro con società scientifiche, associazioni di pazienti, il sottosegretario Valentina Vezzali e l’onorevole Roberto Pella per cercare di superare l’ostacolo. «È un punto di partenza per trovare la soluzione migliore per riuscire a cambiare il sistema. Se così fosse, sarebbe una grande svolta»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 agosto, sono 584.602.136 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.418.111 i decessi. Ad oggi, oltre 12,00 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale