Voci della Sanità 23 Giugno 2020 11:22

Grande successo per la virtual run “Corri il Solstizio per AISLA Firenze”

Circa 200 persone hanno partecipato da tutta Italia e non solo

Firenze, Mazara del Vallo, Milano, Trieste e persino Bruxelles. Città diverse, paesi diversi uniti da un grande spirito di solidarietà in occasione della Giornata Mondiale sulla SLA. «L’evento “Corri il Solstizio per AISLA Firenze” – spiega l’Aisla in una nota – ha raccolto adesioni da tutta Italia e anche dall’estero per un totale di circa 200 persone. Una partecipazione transnazionale che fa apprezzare ulteriormente il senso della Giornata Mondiale».

LEGGI ANCHE: UNA VASCHETTA CON AISL: IL RICAVATO DELLE CONSEGNE A DOMICILIO DEI GELATI AI MALATI DI SLA

Per Barbara Gonella, presidente di AISLA Firenze si tratta di un «successo straordinario costruito in appena 15 giorni merito della sinergia nata tra i volontari dell’associazione, la Polisportiva Oltrarno insieme agli sponsor Decathlon e UISP Firenze. Indispensabile – aggiunge – il supporto del Comune di Firenze che, dopo aver concesso il patrocinio all’iniziativa, ha dimostrato una vicinanza concreta e tangibile alla causa e ai bisogni delle persone con SLA e attenzione alle attività promosse da AISLA Firenze».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, #DISTANTIMAVICINI PER I CENTRI NEMO: DONATE 21.000 MASCHERINE ALLE PERSONE CON SLA, SMA E DISTROFIE MUSCOLARI

«Oltre a Podistica Oltrarno – prosegue – hanno partecipato tante società sportive da tutta la Regione: Podistica Val di Pesa ASD, Firenze Social Runner, Isolotto APD, A.S.D. Silvano Fedi di Pistoia, Gruppo Podisti Resco 1909 A.S.D. e molte altre. Nei prossimi giorni saranno comunicati tutti i dettagli delle società vincitrici, tutte le foto e la cifra raccolta che andrà interamente in beneficenza ad AISLA Firenze per finanziare le terapie domiciliari ai propri assistiti».

«La virtual run ha concluso una tre giorni dedicata alla SLA. Il 19 e 20 giugno infatti si sono svolti due webinar, organizzati da AISLA Firenze e ARS Toscana, sulla SLA. Anche in questo caso – conclude l’Aisla – la presenza è stata eccezionale con oltre 200 iscritti per ogni incontro, che hanno ascoltato gli interventi di un novero di relatori molto prestigiosi quali il Prof. Sorbi, il Prof. Sabatelli, il Dott. Cincotta, il Dott. Zuppiroli, il Dott. Francesconi, la Dott.ssa Rossi».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
NeMO: importanti informazioni dal sistema immunitario per la cura della SLA
Uno studio internazionale a cui ha preso parte il centro NeMO di Milano ha scoperto, grazie ad una famiglia italiana con diversi membri affetti da SLA con la mutazione della senataxina, il coinvolgimento del sistema immunitario nella diagnosi e nel trattamento della forma genetica rara di SLA di tipo 4
SLA: e se fosse “colpa” dei batteri intestinali?
Individuato, dai microbiologi del Gemelli, in un 69enne affetto da SLA un batterio Gram positivo anaerobio. Il ricercatore: «Il microbiota intestinale potrebbe essere coinvolto nella disfunzione dei linfociti T regolatori che, in pazienti con SLA, sarebbero una concausa di questa patologia multifattoriale. L’obiettivo futuro è cercare di rallentare la progressione della patologia agendo sulla modulazione del microbiota»
SLA: tra le cause un accumulo eccessivo di ferro nel cervello
Uno studio di Università di Milano, Policlinico e Istituto Auxologico italiano riconosce, con una risonanza magnetica nucleare, nell’accumulo di ferro nella corteccia motoria la causa di alterazione del primo motoneurone
di Federica Bosco
Sla, sì unanime della Camera per tre mozioni a sostegno di pazienti e familiari
Ogni anno 2 mila nuove diagnosi di Sclerosi laterale amiotrofica. Governo impegnato a creare Registro nazionale e ad assicurare l'accesso permanente delle associazioni dei pazienti ai tavoli istituzionali. Soddisfatta la deputata della Lega Arianna Lazzarini, la prima a presentare una mozione sul tema: «Maggioranza ed esecutivo si sono impegnati, su questi temi non bisogna dividersi. Ora lotta a burocrazia»
Covid-19, al San Salvi di Firenze attivata centrale operativa per gestione integrata delle attività con tutte le professioni sanitarie
A capo il Dipartimento delle Professioni Tecnico Sanitarie dell’Ausl Toscana Centro, ogni giorno in prima linea a sostegno di medici e infermieri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...