Voci della Sanità 28 Luglio 2021 15:57

Cure palliative, AISLA Firenze: «Un diritto del malato grave»

Il racconto di un malato grave di SLA che ha scelto le Cure Palliative è disponibile al sito di AISLA Firenze 

«Le Cure Palliative sono un presidio di dignità per il malato grave e devono essere garantite a tutti attraverso il sistema sanitario regionale». Così Barbara Gonella Presidente di AISLA Firenze in seguito all’emendamento alla legge sostegni bis (2-bis e 2-quinquies all’art. 35) che si inserisce nel filone normativo inaugurato dalla Legge 38/2010, rimasta, però, inattuata.

«Questo emendamento – spiega – che ha trovato un largo consenso parlamentare rende obbligatoria l’implementazione di una rete territoriale per le Cure Palliative, che sono un diritto, ancora troppo misconosciuto, del malato grave, nel quadro di un programma attuativo triennale».

L’impegno di AISLA Firenze, che da sempre si batte per il diritto alle Cure Palliative, si è sostanziato nella collaborazione al PDTAS SLA dell’Area Fiorentina dell’AUSL Toscana Centro approvato a fine giugno. «Abbiamo ottenuto un’ampia valorizzazione delle Cure Palliative all’interno della Pianificazione Condivisa delle Cure. Il paziente può ricorrere alle Cure Palliative qualora rifiuti la terapia ventilatoria coinvolgendo il medico palliativista e può scegliere di proseguire le cure sia presso il proprio domicilio sia in hospice».

La scelta dipende solo ed esclusivamente dalla volontà del malato grave ed è volta alla piena valorizzazione della sua libera scelta e della sua dignità personale. «L’obiettivo – rimarca – è solo e soltanto il raggiungimento di una qualità della vita ottimale, per il paziente come per i familiari caregiver, che hanno un ruolo essenziale in tutto il percorso, al netto dell’incedere di una malattia, che ha esito infausto». Il percorso di dialogo e di scelta condivisa prosegue fino alla fine perché il paziente può «sempre e comunque, perché la vita è sua, modificare le proprie decisioni. Anche per questo – conclude – il pieno godimento di questo diritto è un atto di libertà».

Non mancano i casi concreti di scelta di cure palliative da parte degli assistiti di AISLA Firenze come quello di Fiorenza Sassi che, di concerto ai familiari, ha scelto di affidarsi alle Cure Palliative e all’Hospice dell’Ospedale San Giovanni di Dio, dove optato per la sedazione profonda morendo serenamente tra l’affetto dei suoi cari. Fiorenza ha redatto un diario “Lasciatemi andare tenendomi per mano”, disponibile al sito di AISLA Firenze, nel quale racconta il decorso della malattia ma anche il rapporto con il personale sanitario, con i familiari e la comunità di AISLA.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
Cure palliative: solo 1 paziente con ictus su 5 riceve consultazione
Rosaria Alvaro (SISI): «Necessaria maggiore cultura di questi trattamenti». Con il nuovo corso Consulcesi Club i camici bianchi ampliano il loro sguardo su cure palliative
Fine vita: via libera alla Camera. Ora serve il sì del Senato
Il disegno di legge sul fine vita è stato approvato alla Camera. Ora spetterà al Senato esprimersi
Si vive di più ma si muore male, nuovo report boccia cure palliative
Un report pubblicato su The Lancet ha concluso che i sistemi sanitari di tutto il mondo fanno troppo per prolungare la vita delle persone e fanno troppo poco per rendere la morte meno dolorosa. Questa carenza di attenzione verso le cure palliative sarebbe la causa di molte sofferenze
Terapia del dolore e cure palliative, Cuomo (Progetto Relief): «Servono coordinamenti regionali»
Il progetto Relief nasce in Campania con l’obiettivo di creare un coordinamento regionale pe garantire la presa in carico e il monitoraggio dei processi di cura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...