Contributi e Opinioni 10 Agosto 2022 12:05

La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana

Di Bruno Nicora, Medico palliativista

di Bruno Nicora, Medico palliativista
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana

Gentile Direttore,

La vicenda di Elena riportata nelle cronache nazionali rileva un’assenza delle cure palliative nel percorso terapeutico. Nell’analisi della video testimonianza (emersa post-mortem) affiorano angoscia, disperazione, paura e come unica soluzione, senza alternative, il suicidio assistito: “Avrei sicuramente preferito finire la mia vita nel mio letto, nella mia casa, tenendo la mano di mia figlia e la mano di mio marito. Purtroppo, questo non è stato possibile e, quindi, ho dovuto venire qui da sola”. Le cure palliative si articolano proprio in questa fase di comunicazione di diagnosi e di prognosi mettendo in campo diverse professionalità tra cui anche quella di psicologi competenti per quanto riguarda la terminalità. Di casi come quello di Elena ve ne sono tantissimi e, come Elena, esprimono il desiderio di concludere il proprio ciclo biologico vicino ai propri cari ed è proprio questo che permettono le cure palliative, allontanando lo spettro di quell’ inevitabile inferno citato dalla paziente. Le dichiarazioni di staccarsi dalla propria famiglia per proteggerla risuonano come una mancata occasione di attivazione del “early palliative home care” che in questo caso avrebbe permesso di contenere l’angoscia e i sintomi fisici della malattia ed Elena sarebbe stata nel proprio letto, tenendo la mano dei propri cari, fino all’ ultimo. Le cure palliative, quindi, prendono in carico anche i bisogni della sfera psichica del paziente coordinandosi con le altre specialità mediche ormai in maniera consolidata. Nel rispetto delle scelte personali e della normativa vigente noi palliativisti dobbiamo convincere l’opinione pubblica dell’efficacia della medicina palliativistica e della necessità di intercettare precocemente i gridi di aiuto dei pazienti.

 

Bruno Nicora, Medico palliativista

Articoli correlati
Nasce “A Call for women”, progetto web di ricerca e prevenzione delle malattie cardiovascolari
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
50° Congresso SIRM. Con l’imaging ibrido i vantaggi di medicina nucleare e radiologia in un unico esame
Tra le tavole rotonde in programma, la presentazione di un’indagine condotta dalla SIRM e dal Censis sulla percezione del ruolo del radiologo nella popolazione, un incontro sulla responsabilità amministrativo-contabile e una sessione dedicata alle donne radiologo che rappresentano oltre il 50% della categoria professionale
Tumore al seno, dopo la diagnosi 1 donna su 4 smette di lavorare e rinuncia alla possibilità di avere figli
Fondazione Onda fotografa il vissuto e i bisogni delle donne con la malattia HER2+. Cambia inoltre la percezione del tempo: il 37 per cento da più valore alle piccole cose e al tempo in generale (30 per cento), ma quasi la metà dichiara di aver paura per il futuro e di percepire negativamente il tempo dedicato alla cura della malattia (20 per cento)
Inquinamento atmosferico, il killer silenzioso che uccide più del Covid (ma fa meno rumore)
Miani (SIMA): «Ogni anno in Italia circa 80mila persone muoiono prematuramente per inquinamento atmosferico». E i tumori pediatrici aumentano a velocità doppia rispetto alla media UE
La pandemia ha cambiato le nostre personalità?
Una nuova ricerca suggerisce che siamo meno aperti, piacevoli e coscienziosi. Ma possiamo tornare a come eravamo prima?
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola