Voci della Sanità 20 Maggio 2022 19:06

Covid, Regimenti (FI): «La pandemia è un’opportunità per l’ammodernamento della sanità»

Secondo l’eurodeputata azzurra, che ha parlato alla convention di Forza Italia a Napoli,, «con i fondi erogati dall’Ue è stato anche dato un grande impulso alla ricerca scientifica, raggiungendo nuove frontiere nella cura ai tumori»

«Trasformiamo in opportunità la gravissima crisi pandemica dalla quale stiamo pian piano uscendo. La piaga del Covid sta già rappresentando un importante momento di crescita, dando vita a quello che oggi possiamo definire una nuova sanità, l’Unione europea della Salute». Lo afferma l’europarlamentare Luisa Regimenti, componente della commissione Sanità al parlamento europeo e componente del dipartimento Sanità di Forza Italia, nel corso del suo intervento alla convention azzurra di Napoli: “L’Italia del futuro, la forza che unisce”.
«L’Europa – sottolinea – è pronta con progetti, idee e finanziamenti per migliorare la vita dei malati e portare la sanità italiana al livello dei paesi più avanzati. Questo grazie ai fondi destinati dall’Ue al nostro Paese. In ambito sanitario, oggi non si può non pensare in termini europei e pensare europeo significa dare ai cittadini ospedali nuovi, puliti ed efficienti, accesso ai nuovi farmaci, ad apparecchiature moderne che consentano diagnosi più precise e rapide, a strumentazioni avanzate che consentano di intervenire chirurgicamente a distanza e alla possibilità di dotarci di cartelle cliniche elettroniche».
Secondo la Regimenti, «con i fondi erogati dall’Ue è stato anche dato un grande impulso alla ricerca scientifica, raggiungendo nuove frontiere nella cura ai tumori. La tecnologia ad Rna usata per i vaccini oggi è protagonista nelle terapie tumorali personalizzate, che danno speranza e guarigione a tante persone. Sono stati compiuti grandi sforzi e ottenute esaltanti vittorie anche per i tumori pediatrici, le malattie rare e le malattie cardiovascolari. Questa è la strada che dobbiamo continuare a percorrere».
Articoli correlati
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali