Voci della Sanità 19 Aprile 2019

Assistenza specialistica pediatrica, Improta (Simpef): «Da governatore De Luca solo propaganda politica»

«Simpef Campania – spiega Improta – ha evidenziato sin da subito una serie di aspetti negativi, rifiutandosi di sottoscrivere la proposta CO.S.PED»

«Una polemica inutile per un provvedimento sbagliato e semplicemente frutto di propaganda politica». Antonio Improta, Segretario regionale Simpef-Sindacato medici pediatri di famiglia, bolla con queste parole il provvedimento “CO.S.PED.”, adottato dalla regione Campania per l’integrazione dell’assistenza specialistica pediatrica allo scopo di ridurre il ricorso ai pronto soccorso pediatrici durante le festività tra il 20 aprile e il 1 maggio.

«Simpef Campania – spiega Improta – ha evidenziato sin da subito una serie di aspetti negativi, rifiutandosi di sottoscrivere la proposta del governatore De Luca di dare vita ad un progetto sperimentale di continuità assistenziale, volontario e retribuito, dal 20 aprile al 1 maggio, reclutando i pediatri, in primis, tra quelli di famiglia, poi tra gli specialisti in graduatoria e infine tra gli specialisti non in graduatoria. Le ragioni, fatte mettere a verbale, sono molteplici: dalla ristrettezza temporale che di fatto sta impedendo alle stesse ASL di dare corso all’iniziativa ai criteri di selezione più che discutibili».

«Mi sento anche di contestare, in maniera amichevole, alcune affermazioni dei colleghi della medicina generale circa la creazione di disparità salariali e di trattamento tra medici, ingenerate dal provvedimento in favore dei pediatri. Il Progetto CO.S.PED. crea solo confusione ed è uno specchietto per le allodole, in prossimità delle elezioni», conclude il Segretario Simpef.

Articoli correlati
La nuova sanità pediatrica tra telemedicina e implementazione reti ospedaliere hub e spoke. Le possibilità per il post Covid-19
D'Avino (FIMP): «Pediatri devono poter prescrivere tamponi rapidi. Impensabile riammettere un bambino a scuola senza certezza della diagnosi»
I pediatri: «Serve pediatria di comunità. A scuola fondamentale educazione sanitaria»
Il contributo di Giuseppe Mele, Presidente della Società italiana medici pediatri
di Giuseppe Mele, Presidente Simpe
Bambini e lockdown, i pediatri: «Prevedere piano per riapertura scuole in sicurezza»
Il pediatra e deputato Paolo Siani (Pd): «Assenza da scuola tutela la salute, ma mina tutti gli altri diritti dell’infanzia». La psicologa Confalonieri (Università Cattolica Milano): «Monitorare segnali di scarso riadattamento sociale»
Pediatri, Biasci (Fimp): «Chiediamo l’estensione del vaccino antinfluenzale ai bambini e di poter prescrivere i tamponi per Sars-Cov-2»
«Se rileviamo casi sospetti dobbiamo avere la certezza dell’effettuazione del tampone diagnostico. Senza una diagnosi precisa non potremo far tornare i bambini a scuola». E su Kawasaki: «Abbiamo raccolto un’anomala frequenza di manifestazioni cutanee simil geloni ma è ancora presto per correlazione con Covid-19». Così il presidente della Federazione italiana medici pediatri
I pediatri di famiglia chiedono chiarezza a Regione Lombardia. Missaglia (SiMPeF): «Inaccettabile ipotesi di farci diventare dipendenti del SSR»
La replica di Monti (Presidente commissione Sanità): «Nessun cambiamento giuridico ma collaborazione e gioco di squadra. Tamponi e DPI di competenza del governo centrale. Regione Lombardia ha sopperito dove lo Stato è mancato»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...