Voci della Sanità 17 Ottobre 2018 16:13

Assisi, il metodo WAL (walk and learn) entra a scuola. Massimo Paggi: «Abbiamo aperto una porta sul futuro»

Imparare in movimento è una formula vincente: la studiosa Carla Hannaford ha da tempo confermato l’efficacia del movimento nel processo di apprendimento e nell’educazione infantile. In uno studio fra 500 bambini esaminati, coloro che praticavano più di un’ora di movimento al giorno presentavano un rendimento scolastico migliore di bambini meno attivi.

I benefici dell’attività fisica a livello cognitivo valgono ugualmente per gli adulti. Lo stesso studio ha esaminato infatti uomini e donne fra i 50 e 60 anni, notando un incremento del 10% nei risultati di test cognitivi da parte di coloro che si erano impegnati in un programma di camminata veloce per quattro mesi. Da questo presupposto nasce il Metodo WAL che oggi entra a scuola, precisamente è stato inserito nel programma di Scienze Motorie dell’Istituto di Istruzione Superiore Polo – Bonghi di Assisi.

«Inserire il Metodo WAL oggi nel programma scolastico di una Scuola Media Superiore significa aprire una porta verso il futuro, offrendo agli studenti un’opportunità unica di apprendimento, che segue i suggerimenti più accreditati a livello scientifico internazionale in fatto di prevenzione e di salute fisica, mentale e psichica» afferma il Dottor Massimo Paggi, medico chirurgo già Direttore dei Dipartimenti di Chirurgia e Materno Infantile della Usl 2 Umbria e Assessore al Sociale di Assisi.

Il principio del Walk and Learn (impara e cammina) si basa sulla plasticità neurale, facoltà cerebrale che permette al cervello di auto-rigenerarsi nel tempo, anche a seguito di lesioni gravi come ictus o derivanti dall’invecchiamento. Ma il metodo è per le sue caratteristiche, utile anche allo sviluppo fisico e mentale dall’infanzia all’adolescenza in quanto la sua struttura integra e supera l’apprendimento istituzionale, frontale, con uno dinamico: imparo ‘meglio’ mentre mi muovo. E il Metodo ideato dalla dottoressa Annamaria Crespi diventerà una scuola di formazione per operatori che si vogliano dedicare all’apprendimento del Metodo.

Spiega Annamaria Crespi: «L’idea è nata durante gli anni in cui sono stata insegnante di filosofia e psicologia nelle scuole secondarie superiori. E il suo sviluppo è stato agevolato dalle solide basi scientifiche e dall’incoraggiamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia che ha sostenuto e finanziato il progetto. E a gennaio 2019 partirà la prima Scuola WAL per formare gli operatori che si occupano del metodo. Un corso di 5 week end immersivi che fonderanno teoria e pratica».

Si tratta di un tipo di studio davvero innovativo, gradevole, che migliorerà non solo le performance di tipo attentivo/cognitivo, ma anche l’equilibrio psicofisico e il benessere dei ragazzi in senso olistico. «Abbiamo deciso di integrare nei programmi scolastici un metodo innovativo che si ispira ai più moderni studi di neuroscienze» dichiara Paggi.

La Dottoressa Crespi ha anche specificato brevemente le modalità di utilizzo del metodo: «Parte delle ore destinate all’educazione fisica (settimanalmente o bi-settimanalmente, a seconda delle classi e delle esigenze) saranno dedicate alla speciale pratica di apprendimento del Metodo WAL, tenendo conto degli argomenti del programma scolastico e riservando un po’ di tempo allo stretching emozionale, prima e dopo. Lo Staff dell’associazione WAL e i docenti di Scienze Motorie della Scuola collaboreranno in questo. I ragazzi risponderanno a un breve questionario-test all’inizio e alla fine del periodo dedicato alla pratica (novembre-maggio), che servirà a monitorare i loro miglioramenti».

Articoli correlati
Recovery Plan, per la sanità 20 miliardi. Come verranno utilizzati
Cosa prevede il capitolo "Salute" del Recovery Plan approvato ieri dal Consiglio dei Ministri
Robotica per la salute, Campus Biomedico-Inail-S. Anna avviano tre progetti innovativi
Caratterizzati dal forte approccio multidisciplinare di “WiFi-MyoHand”, “RGM5” e “3D-AID” puntano su soluzioni tecnologiche innovative e personalizzate per il recupero delle funzionalità motorie in persone amputate di arto superiore
DSA, l’idea di due giovani romani: un sito web per studenti con disturbi specifici dell’apprendimento
Uno studente con Dsa ha intelligenza e capacità cognitive adeguate alla sua età: può apprendere e imparare al pari dei suoi compagni utilizzando strumenti compensativi e dispensativi. La storia di Giuseppe e Pietrosilvio
di Isabella Faggiano
Healthy lifespan, Della Morte Canosci: «Essere longevi non basta. Puntiamo a vivere senza malattie croniche»
Il professore dell’università di Miami: «Per una vita in salute è necessario ripristinare i meccanismi di difesa compromessi dall’età. Fondamentale il ruolo delle sirtuine: restrizione calorica, attività fisica e integratori naturali sono in grado di riattivarle»
di Isabella Faggiano
Migranti e salute, presentata l’edizione 2020 del Corriere della Salute di Sanità di Frontiera
Siamo davvero invasi dai migranti? Chi viene nel nostro Paese ci ruba il lavoro? Sono dei privilegiati e hanno accesso a servizi preclusi, invece, agli italiani? Sono queste alcune delle domande a cui l’edizione 2020 de “Il Corriere della Salute di tutti”, la rivista di Sanità di Frontiera, intende dare una risposta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...