OMCeO, Enti e Territori 29 settembre 2015

Anzio-Nettuno, un reparto pediatrico nuovo di zecca

Attrezzature rinnovate grazie alle donazioni benefiche di Consulcesi Onlus e Aisic

Immagine articolo

Svariati reparti e una mole enorme di pazienti. E’ questa la realtà degli ospedali polivalenti, e sono questi i motivi per cui tali istituti risentono spesso di carenze strutturali e organizzative maggiori rispetto alle strutture specialistiche.


Un paradosso, se si pensa che sono le prime ad offrire, in prima istanza, cure e aiuto ai cittadini. Supportare le strutture ospedaliere polivalenti sul territorio, attraverso l’implementazione dei servizi e dei macchinari, è l’obiettivo di un progetto portato avanti da associazioni benefiche come Consulcesi Onlus e Aisic (Associazione Italiana contro lo Stress e l’Invecchiamento Cellulare), i cui sforzi congiunti si sono indirizzati, proprio di recente, per aiutare gli Ospedali Riuniti di Anzio e Nettuno. Con il supporto delle due organizzazioni, il suo reparto pediatrico è stato appena dotato di attrezzature nuove di zecca.

«Questi aiuti e queste donazioni sono una manna del cielo – afferma il dott. Michele Di Paolo, direttore sanitario -. Per noi è difficile dover accettare, a volte, di non poter offrire agli utenti un servizio all’altezza della domanda. La nostra è infatti l’unica struttura del litorale, è facile capire come d’estate la domanda sanitaria aumenti in modo esponenziale. E’ importante che le strutture polivalenti dimostrino eccellenza su tutte le linee di attività».

«Il reparto pediatrico dell’ospedale di Anzio ha un enorme numero di accessi – spiega il primario, dottor Mauro Persiani – e questo richiede una particolare attenzione. Adesso arriverà il picco epidemico e la popolazione locale, di 150mila abitanti, avrà bisogno di un’assistenza adeguata».

«Ci tengo a ringraziare la Consulcesi Onlus per il suo appoggio fondamentale in questo progetto – interviene Cinzia de Vendictis, presidente dell’associazione Aisic, protagonista di questa bella iniziativa che ha aiutato a colmare una lacuna delicata. Il nostro motto è ‘Andiamo dove serve, portiamo cosa serve’. Quello che ci gratifica in particolar modo è che ora sono gli ospedali a chiamare noi, a cercarci e a chiederci di andare da loro. Significa che il nostro progetto sta lasciando un segno importante. Le strutture polivalenti sono più numerose di quelle specialistiche ma meno strutturate, soprattutto in periodi come questo, di tagli e fondi che vengono meno. Interveniamo per aiutare queste strutture a garantire ai cittadini un servizio uniforme e di qualità, in tutti i reparti».

Articoli correlati
Catania, al DSM arriva “Liber a mente”. Quando la terapia sta negli scaffali dei libri!
Domani, 15 dicembre, alle ore 10.00, presso la sede del Dipartimento di Salute Mentale (DSM) situato in Corso Italia, 234 a Catania, sarà inaugurato “Liber a mente” mercatino di libri usati. Il progetto, ideato dal modulo DSM di Catania nord, è dedicato agli utenti del Centro Diurno del modulo dipartimentale con l’obiettivo di avvicinare gli […]
Napoli, in tremila in fila per aiutare Alex
Oltre 1650 tamponi salivari e 340 prelievi di sangue. È stata questa la grande risposta della città di Napoli all’appello sui social della famiglia di Alessandro Maria Montresor, un bambino che soffre di una rara malattia ed ha urgente bisogno di un trapianto di midollo. La famiglia del piccolo è alla ricerca un donatore di midollo osseo compatibile: la […]
Il 14 giugno sarà il World Blood Donor Day: in Italia, mai così pochi donatori in 10 anni
Continua a calare nel 2017 il numero dei donatori di sangue in Italia, dopo aver già toccato il record negativo dal 2009 lo scorso anno. Lo certificano i dati raccolti dal Centro Nazionale Sangue e presentati – insieme a una campagna di sensibilizzazione realizzata con il CIVIS, il Coordinamento delle Associazioni di volontari del dono […]
Centro Nazionale Sangue, 27 milioni di unità di farmaci esportati nei paesi in difficoltà
27 milioni di unità di farmaci, ottenuti dal plasma dei donatori italiani, esportati per finalità umanitarie. Questo è reso possibile dal Centro Nazionale Sangue che coordina da sempre progetti internazionali di grande rilevanza per lo sviluppo delle reti assistenziali nel mondo. Il sangue e il plasma donati dagli italiani dal 2013 sono diventati aiuti concreti […]
Carenze sangue in tutta Italia, a rischio le terapie salvavita e gli interventi chirurgici
Molte regioni italiane richiedono sangue, soprattutto nel periodo estivo che è già caratterizzato da un calo delle donazioni. Lo scorso 4 luglio è stato raggiunto il “picco” con conseguente rischio per le terapie salvavita, gli interventi chirurgici già programmati e per le emergenze. Le associazioni di volontari e gli ospedali hanno fatto diversi appelli invitando […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...