OMCeO, Enti e Territori 14 novembre 2017

No a violenza su persone vulnerabili: la donna ed il bambino. Il convegno dell’ISS

In vista del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, si terrà oggi a Roma il convegno conclusivo del progetto CCM REVAMP (Repellere Vulnera Ad Mulierem et Puerum) sulla violenza verso le donne, condotto dall’ISS, con la collaborazione dei Pronto Soccorso italiani coordinati dall’Ospedale Galliera di Genova. L’evento si svolgerà al Ministero della Salute […]

In vista del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, si terrà oggi a Roma il convegno conclusivo del progetto CCM REVAMP (Repellere Vulnera Ad Mulierem et Puerum) sulla violenza verso le donne, condotto dall’ISS, con la collaborazione dei Pronto Soccorso italiani coordinati dall’Ospedale Galliera di Genova. L’evento si svolgerà al Ministero della Salute presso l’Auditorium “Cosimo Piccinno”.

Il convegno illustrerà i dati che emergono dal progetto REVAMP: Controllo e risposta alla violenza su persone vulnerabilila donna e il bambino, modelli d’intervento nelle reti ospedaliere e nei servizi socio-sanitari in una prospettiva europea”, coordinato dall’ISS e dall’Ospedale Galliera di Genova, che fa parte della rete ospedaliera che raccoglie i dati sulla violenza nell’ambito dell‘Injury Database europeo (IDB). L’apertura è affidata alla Ministra della Salute Beatrice Lorenzin e l’introduzione ai lavori al Dott. Nando Minnella, Capo Segreteria Tecnica del Ministro (Ministero della Salute) con la premessa: “Le azioni per la salute delle persone vittime di violenza”.

Al centro del dibattito la presentazione del Progetto REVAMP attraverso la spiegazione del Prof. Paolo Cremonesi – referente scientifico del progetto e Direttore S.C. Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza (E.O. Ospedali Galliera, Genova) – a cui seguiranno analisi dei risultati e dibattito sugli sviluppi futuri.

Parteciperanno numerosi medici che affronteranno le tematiche correlate ad ogni forma di violenza con particolari focus su: sorveglianza ed epidemiologia, riconoscimento, diagnosi e presa in carico e violenza sessuale.

Alla Dott.ssa Serena Battilomo, Direttore Ufficio Tutela della salute della donna, dei soggetti vulnerabili e contrasto alle diseguaglianze sono affidati saluti e conclusioni.

QUI IL PROGRAMMA

 

Articoli correlati
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Aggressioni ai medici, Francesca Perri (Ares 118 Lazio): «Problema culturale. Veniamo colpiti perché rappresentiamo uno Stato assente o che non aiuta abbastanza»
Nell’intervista esclusiva a Sanità informazione Francesca Perri, medico 118 e sindacalista Anaao-Assomed, reclama interventi concreti dalle istituzioni: «Noi facili bersagli della rabbia sociale». L’operatore del territorio è più esposto: «Noi siamo tre-quattro persone sull’ambulanza, la prima cosa che ci viene detto appena arriviamo è sempre: ‘Quanto ci avete messo!’»
Violenza in corsia, parla AMA la ‘FNOMCeO’ americana: «In 14 anni, nei nostri ospedali 200 sparatorie e 275 vittime»
L’American Medical Association a Sanità Informazione: «Le istituzioni federali devono agire per proteggere gli operatori sanitari, gli ospedali devono adottare piani di prevenzione e i medici devono seguire corsi di formazione per imparare a reagire nel modo corretto alle aggressioni»
Violenza in corsia, nasce il “Telefono Rosso” per i medici aggrediti
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Il caso della dottoressa di Crotone è solo l’ultimo di una lunga serie di violenze fisiche, verbali e anche sui social network. Con il nuovo servizio supporto umano e legale alle vittime: prossimo passo il Tribunale del Medico da affiancare a quello del Malato»
Violenza sulle donne, il ruolo del dentista “sentinella”. Santaniello (ANDI): «Se formato può intercettare segni di maltrattamenti»
«Se sa riconoscere la violenza attraverso dei segnali come una ferita, un dente fratturato o un’ecchimosi, il dentista può indirizzare la vittima verso strutture assistenziali di competenza». Così la presidente Andi Sabrina Santaniello
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...