Voci della Sanità 14 Novembre 2017 14:15

No a violenza su persone vulnerabili: la donna ed il bambino. Il convegno dell’ISS

In vista del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, si terrà oggi a Roma il convegno conclusivo del progetto CCM REVAMP (Repellere Vulnera Ad Mulierem et Puerum) sulla violenza verso le donne, condotto dall’ISS, con la collaborazione dei Pronto Soccorso italiani coordinati dall’Ospedale Galliera di Genova. L’evento si svolgerà al Ministero della Salute presso l’Auditorium “Cosimo Piccinno”.

Il convegno illustrerà i dati che emergono dal progetto REVAMP: Controllo e risposta alla violenza su persone vulnerabilila donna e il bambino, modelli d’intervento nelle reti ospedaliere e nei servizi socio-sanitari in una prospettiva europea”, coordinato dall’ISS e dall’Ospedale Galliera di Genova, che fa parte della rete ospedaliera che raccoglie i dati sulla violenza nell’ambito dell‘Injury Database europeo (IDB). L’apertura è affidata alla Ministra della Salute Beatrice Lorenzin e l’introduzione ai lavori al Dott. Nando Minnella, Capo Segreteria Tecnica del Ministro (Ministero della Salute) con la premessa: “Le azioni per la salute delle persone vittime di violenza”.

Al centro del dibattito la presentazione del Progetto REVAMP attraverso la spiegazione del Prof. Paolo Cremonesi – referente scientifico del progetto e Direttore S.C. Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza (E.O. Ospedali Galliera, Genova) – a cui seguiranno analisi dei risultati e dibattito sugli sviluppi futuri.

Parteciperanno numerosi medici che affronteranno le tematiche correlate ad ogni forma di violenza con particolari focus su: sorveglianza ed epidemiologia, riconoscimento, diagnosi e presa in carico e violenza sessuale.

Alla Dott.ssa Serena Battilomo, Direttore Ufficio Tutela della salute della donna, dei soggetti vulnerabili e contrasto alle diseguaglianze sono affidati saluti e conclusioni.

QUI IL PROGRAMMA

 

Articoli correlati
Denatalità record in Italia, Istat: «Causa Covid-19 ulteriore crollo nascite di oltre 10 mila unità»
Il 2019 conferma il trend negativo degli ultimi anni: la popolazione italiana continua a invecchiare e fa sempre meno figli. Aumenta l’età delle donne al parto, mentre il numero di figli medio per donna si attesta a 1,29. Alcuni degli aspetti emersi nel corso della presentazione del Libro bianco realizzato da Fondazione Onda
Colpisce 3 donne su 10 ma non ci sono cure. Cos’è l’endometriosi e perché se ne parla troppo poco
In Italia ne soffrono 3 milioni di donne, in occidente circa 200. Signorile (Presidente della Fondazione Italiana Endometriosi): «Patologia dagli effetti invalidanti, come danni seri all’apparato renale o intestinale, dolori cronici, problemi di fertilità e pesanti risvolti personali, sociali e lavorativi». Il racconto di una ragazza che ne soffre
Tumore al seno, il 13 ottobre sarà la Giornata Nazionale. Lorefice: «Accesso a terapie sia uniforme da nord a sud»
Alla Camera conferenza stampa per sensibilizzare sul tema. Europa Donna Italia presenta un manifesto in sette punti che prevede, tra le altre cose, la presa in carico da parte di un team di specialisti, lo psiconcologo e l’accesso ai farmaci innovativi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»