Mondo 11 aprile 2018

Siria, OMS: «500 persone con segni di esposizione ad armi chimiche». USA pronti a colpire Assad

L’Organizzazione Mondiale della Sanità esprime «profondo allarme» per il sospetto utilizzo di armi chimiche nell’attacco di sabato scorso nella città di Douma a Ghouta Est. Trump promette di far pagare «un caro prezzo» ai responsabili

Il presunto attacco chimico dello scorso sabato a Douma, nella regione siriana di Ghouta est, avrà serie conseguenze. Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha promesso di far pagare «un caro prezzo» ai responsabili dell’utilizzo di armi chimiche, a partire dal regime di Damasco. E mentre Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna si stanno infatti consultando sulla possibilità di sferrare un attacco militare contro la Siria nei prossimi giorni (eventualità che ha spinto l’Agenzia europea per la sicurezza area a diramare un’allerta sulle rotte aeree del Mediterraneo orientale a causa del possibile lancio di raid aerei), media israeliani rivelano che il Presidente siriano Bashar al-Assad avrebbe lasciato il palazzo presidenziale di Damasco insieme alla sua famiglia con un convoglio militare russo per timore di un attacco americano. Intanto, l’Organizzazione Mondiale della Sanità riporta i numeri e le conseguenze dell’attacco di sabato, esprimendo «profondo allarme» per il sospetto utilizzo di armi chimiche.

Secondo i rapporti dei partner dell’Organizzazione presenti in loco, durante i bombardamenti a Douma di sabato scorso circa 500 pazienti si sono recati presso strutture sanitarie con segni e sintomi che indicano l’esposizione a sostanze chimiche. In particolare, i pazienti presentavano gravi irritazioni delle membrane mucose, difficoltà respiratorie e problemi al sistema nervoso centrale. Più del 70% della popolazione che si riparava negli scantinati dei palazzi è morto. 43 di questi decessi sono collegabili all’esposizione a gas tossici. Anche due strutture sanitarie sono state colpite dai bombardamenti.

«Dovremmo essere tutti indignati per i rapporti e le immagini che arrivano da Douma – ha dichiarato Peter Salama, Vice Direttore Generale dell’OMS per la Preparazione e Risposta alle Emergenze -. L’Organizzazione Mondiale della Sanità richiede immediato accesso alla zona colpita per fornire assistenza a chi ne ha bisogno, valutare i danni per la salute ed assicurare una risposta sanitaria pubblica esauriente».

L’OMS ricorda inoltre alle parti in conflitto il divieto di attaccare strutture e personale sanitari, come disposto dalla Risoluzione 2286 del 2016 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Inoltre, ricorda che l’utilizzo di armi chimiche è vietato dal diritto internazionale, che riflette «la particolare avversione ai danni sproporzionati che queste armi causano nei confronti dei più anziani, i più malati ed i più giovani».

LEGGI ANCHE: GHOUTA ORIENTALE, LA VOCE DEI MEDICI SENZA FRONTIERE SOTTO I BOMBARDAMENTI

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Tabagismo: una malattia contagiosa e mortale. Al via il congresso nazionale Sitab
L’epidemia da tabacco continua inesorabilmente a mietere vittime in Italia (80mila/anno), in Europa (600mila/anno) e nel mondo (>7 milioni/anno), senza contare l’incremento della cronicità che penalizza fortemente l’economia nazionale e mondiale. I decessi da fumo di tabacco avvengono soprattutto per tumori, malattie cardiovascolari e pneumologiche, con la malattia polmonare cronica ostruttiva (BPCO) in forte aumento, […]
Il 93% dei bambini respira aria tossica. I dati OMS
Ogni giorno, sulla Terra, 1,8 miliardi di bambini e ragazzi al di sotto dei 15 anni respira aria talmente inquinata da mettere seriamente a rischio la loro salute ed il loro sviluppo. Parliamo del 93% del totale. Una percentuale che raggiunge il 98%, se si considerano solo i bambini di meno di 5 anni che […]
Cure palliative, accesso solo per 5% bimbi italiani. L’appello della Fondazione Maruzza: «Applichiamo Legge contro dolore»
Presentate al Congresso internazionale sulle cure palliative pediatriche le nuove linee guida OMS, redatte dalla dottoressa Joan Marston: «Aiutano a creare una rete che possa mettersi a disposizione di ognuno dei 21 milioni di bambini che, nel mondo, ne hanno bisogno»
Alcol, il report OMS: uccide 3 milioni di persone l’anno. E il 44% degli adolescenti europei beve abitualmente
I tre quarti dei decessi dovuti a incidenti, violenze o malattie legati all’abuso di alcol colpisce gli uomini. Nel Vecchio Continente le percentuali più alte. Tutti i dati emersi dal “Global status report on alcohol and health 2018”
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...