Mondo 11 Aprile 2018 13:57

Siria, OMS: «500 persone con segni di esposizione ad armi chimiche». USA pronti a colpire Assad

L’Organizzazione Mondiale della Sanità esprime «profondo allarme» per il sospetto utilizzo di armi chimiche nell’attacco di sabato scorso nella città di Douma a Ghouta Est. Trump promette di far pagare «un caro prezzo» ai responsabili

Il presunto attacco chimico dello scorso sabato a Douma, nella regione siriana di Ghouta est, avrà serie conseguenze. Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha promesso di far pagare «un caro prezzo» ai responsabili dell’utilizzo di armi chimiche, a partire dal regime di Damasco. E mentre Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna si stanno infatti consultando sulla possibilità di sferrare un attacco militare contro la Siria nei prossimi giorni (eventualità che ha spinto l’Agenzia europea per la sicurezza area a diramare un’allerta sulle rotte aeree del Mediterraneo orientale a causa del possibile lancio di raid aerei), media israeliani rivelano che il Presidente siriano Bashar al-Assad avrebbe lasciato il palazzo presidenziale di Damasco insieme alla sua famiglia con un convoglio militare russo per timore di un attacco americano. Intanto, l’Organizzazione Mondiale della Sanità riporta i numeri e le conseguenze dell’attacco di sabato, esprimendo «profondo allarme» per il sospetto utilizzo di armi chimiche.

Secondo i rapporti dei partner dell’Organizzazione presenti in loco, durante i bombardamenti a Douma di sabato scorso circa 500 pazienti si sono recati presso strutture sanitarie con segni e sintomi che indicano l’esposizione a sostanze chimiche. In particolare, i pazienti presentavano gravi irritazioni delle membrane mucose, difficoltà respiratorie e problemi al sistema nervoso centrale. Più del 70% della popolazione che si riparava negli scantinati dei palazzi è morto. 43 di questi decessi sono collegabili all’esposizione a gas tossici. Anche due strutture sanitarie sono state colpite dai bombardamenti.

«Dovremmo essere tutti indignati per i rapporti e le immagini che arrivano da Douma – ha dichiarato Peter Salama, Vice Direttore Generale dell’OMS per la Preparazione e Risposta alle Emergenze -. L’Organizzazione Mondiale della Sanità richiede immediato accesso alla zona colpita per fornire assistenza a chi ne ha bisogno, valutare i danni per la salute ed assicurare una risposta sanitaria pubblica esauriente».

L’OMS ricorda inoltre alle parti in conflitto il divieto di attaccare strutture e personale sanitari, come disposto dalla Risoluzione 2286 del 2016 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Inoltre, ricorda che l’utilizzo di armi chimiche è vietato dal diritto internazionale, che riflette «la particolare avversione ai danni sproporzionati che queste armi causano nei confronti dei più anziani, i più malati ed i più giovani».

LEGGI ANCHE: GHOUTA ORIENTALE, LA VOCE DEI MEDICI SENZA FRONTIERE SOTTO I BOMBARDAMENTI

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
L’Oms inaugura il Centro mondiale di formazione a Lione
Dotata di tecnologie pedagogiche di punta, l'Accademia punta a formare milioni di sanitari
La doppia dose di AstraZeneca è meno efficace del mix con altri vaccini?
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbe inoltre «plausibile il nesso tra AstraZeneca e casi di trombosi»
Variante Delta, OMS: «Nessun calo significativo della protezione dei vaccini da esiti gravi»
L’Organizzazione Mondiale della Sanità ricorda che è «già previsto che si verifichi una quota di casi anche fra vaccinati»
Nel 2020 23 milioni di bambini non hanno ricevuto i vaccini di routine. L’allarme Oms-Unicef
23 milioni di bambini hanno saltato almeno una dose di un vaccino di base nel 2020, 17 milioni probabilmente non ne hanno ricevuta nemmeno una. Oms e Unicef chiedono ai paesi di tornare a impegnarsi per evitare focolai multipli
Mi sono vaccinato e non ho avuto effetti collaterali, vuol dire che il vaccino non ha funzionato?
Esiste una correlazione tra effetti collaterali e risposta immunitaria? Ecco cosa dice l'Organizzazione Mondiale della Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...