Sanità internazionale 19 Marzo 2018

Ghouta Orientale, la voce dei Medici Senza Frontiere sotto i bombardamenti

Ghouta Orientale è una regione vicina a Damasco. Dopo un lungo controllo dei ribelli, nei giorni scorsi il 70% del territorio è stato riconquistato, anche grazie ad intensi attacchi e bombardamenti, dalle forze governative del Presidente Assad e dai suoi alleati. L’organizzazione Medici Senza Frontiere, presente nella zona per garantire ai feriti le cure e […]

Ghouta Orientale è una regione vicina a Damasco. Dopo un lungo controllo dei ribelli, nei giorni scorsi il 70% del territorio è stato riconquistato, anche grazie ad intensi attacchi e bombardamenti, dalle forze governative del Presidente Assad e dai suoi alleati. L’organizzazione Medici Senza Frontiere, presente nella zona per garantire ai feriti le cure e l’assistenza di cui hanno bisogno, riporta il racconto della direttrice di uno degli ospedali gestiti da MSF nella regione.

«La maggior parte della popolazione di Ghouta Est vive sottoterra. L’assistenza sanitaria è fornita nei seminterrati. Gli ultimi cinque anni di continui bombardamenti sono stati molto difficili, ma niente in confronto all’ultimo mese. Nel seminterrato in cui lavoriamo abbiamo creato diverse sale operatorie, ma il reparto di terapia intensiva più vicino è a molti chilometri e la strada per raggiungerlo è troppo pericolosa. Qualche giorno fa un bombardamento ha colpito un’area molto vicina all’ospedale, causando sette morti, tre dei quali erano bambini. Nelle ultime 24 ore abbiamo eseguito 17 operazioni chirurgiche importanti avendo a disposizione macchinari e forniture limitati. Uno dei problemi principali è la trasfusione di sangue. La banca del sangue dista solo sette chilometri, ma con i continui bombardamenti è come se fossero 70. È impossibile arrivarci.

Nelle prime due settimane dell’offensiva, ogni giorno più di 300 feriti e 70 morti venivano portati nelle strutture di Medici Senza Frontiere. 15 di queste strutture sono state colpite dai bombardamenti. Quattro dei medici con cui collaboriamo sono stati uccisi, 20 sono stati feriti. Non sappiamo se i sintomi dei pazienti che arrivano con difficoltà respiratorie sono causati da agenti chimici, né possiamo verificare le storie dei civili con ferite da arma da fuoco che dicono di essere stati bersaglio dei cecchini nell’area controllata dai ribelli. Quello che possiamo fare è continuare a cercare di utilizzare nel modo più efficiente possibile le forniture sanitarie che ci rimangono; e possiamo ripetere alle parti combattenti che i civili intrappolati a Ghouta Est non sono né obiettivi né vittime sacrificabili in nome di una vittoria militare.

La situazione è estremamente critica. I medici e gli operatori sanitari presenti sul campo sono esausti e non riescono a dormire, perché vengono continuamente svegliati dai combattimenti o dall’arrivo di feriti. Hanno tutti perso peso in modo preoccupante, visto che si mangia poco, o addirittura niente. Tutto questo deve finire. Non possiamo continuare a vedere bambini morire».

Articoli correlati
Migranti Diciotti, Medici Senza Frontiere: «Al Baobab negato diritto a cure mediche»
Alcuni degli ospiti del centro Caritas di Rocca di Papa rintracciati a Roma al centro sociale del Tiburtino. L’Ong: «L'operazione ha anche violato confidenzialità medica»
Medici Senza Frontiere, parla la neo Presidente Lodesani: «Non associateci solo ai migranti, siamo in campo su guerre e disastri naturali»
Eletta alla guida di MSF Italia da un mese, la dottoressa ricorda il suo impegno sul campo, elenca le aree più calde del mondo e pone dei paletti ben chiari: «Non dobbiamo diventare un movimento troppo grande, altrimenti diventa ingestibile»
Siria, OMS: «500 persone con segni di esposizione ad armi chimiche». USA pronti a colpire Assad
L'Organizzazione Mondiale della Sanità esprime «profondo allarme» per il sospetto utilizzo di armi chimiche nell'attacco di sabato scorso nella città di Douma a Ghouta Est. Trump promette di far pagare «un caro prezzo» ai responsabili
Nuovo codice di condotta per il salvataggio dei migranti: non tutte le Ong firmano
Tra le Ong presenti all’incontro, solo Save the Children ha firmato il codice. Da segnalare, tra coloro che si oppongono, Medici Senza Frontiere. Il Viminale: «Chi non accetta il codice è fuori dal sistema organizzato per il salvataggio in mare»
Emergenza Sorrisi in Siria, Abenavoli: «Formare i medici. Ci vuole grande volontà»
Prosegue la missione dei medici volontari di Emergenza Sorrisi. Il presidente Abenavoli: «Il nostro obiettivo primario è formare i medici locali per renderli autonomi nell’affrontare le emergenze. Da parte nostra occorre un forte spirito di partecipazione, ma anche un po’ di incoscienza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «Alzare il limite da 45 a 50 anni o molti resteranno fuori»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone