Mondo 3 Settembre 2018

Sicurezza, accessibilità e tracciabilità dei dati in sanità? La risposta potrebbe essere nella blockchain

Dalle cartelle cliniche alla filiera del farmaco, passando per le assicurazioni sanitarie ed i trial clinici, gli ambiti di applicazione della nuova tecnologia sono innumerevoli, così come infiniti sono i vantaggi che promette al mondo sanitario

Immagine articolo

Quanto costa la violazione dei dati contenuti nella cartella clinica di un paziente? 325 euro. I dati sanitari sono, per ovvie ragioni, tra i più sensibili, e si calcola che la loro violazione sia più cara di circa due volte e mezzo rispetto ad altri settori. E se pensiamo che il costo medio della violazione dei dati di una grande compagnia avvenuto nel 2017 è di 3,62 milioni di dollari, è chiaro che stiamo parlando di cifre molto alte. Sono i risultati di uno studio condotto dall’IBM e dal Ponemon Institute e riportato da Forbes, che propone una possibile soluzione al rischio di violazione di dati sanitari e cartelle cliniche: la blockchain.

CLICCA QUI PER ESSERE AGGIORNATO SULLA RIVOLUZIONE BLOCKCHAIN IN SANITÀ

La nuova tecnologia a blocchi consente infatti di coniugare accessibilità e sicurezza dei dati. Se le informazioni vengono archiviate nella blockchain, una rete di blocchi immutabili e collegati tra loro ai quali si accede solo con dei codici, i vantaggi per medici, pazienti, istituzioni e aziende sono quindi innumerevoli. Ed è proprio Forbes ad elencarne i principali, che vanno dalla sicurezza e tracciabilità delle cartelle cliniche alla lotta contro i farmaci contraffatti, passando per i risvolti assicurativi e i trial clinici.

LEGGI ANCHE: MIRKO DE MALDÈ (COO LYNKEUS): «COME PROTEGGERE I NOSTRI DATI SANITARI? CON LA BLOCKCHAIN»

CARTELLE CLINICHE SICURE E CONSULTABILI OVUNQUE

Probabilmente l’esempio più calzante e più vicino a tutti è quello che riguarda le cartelle cliniche: la blockchain ne assicurerebbe infatti la sicurezza e l’inalterabilità; al contempo, tuttavia, consentirebbe a diversi medici o ospedali di averne accesso, se precedentemente autorizzati dai pazienti. Se, ad esempio, un paziente deve essere trasferito da una struttura ospedaliera all’altra, la blockchain permetterebbe alla nuova equipe che lo prende in cura di consultare tutti i suoi dati sanitari e avere facilmente a portata di mano la sua storia clinica completa. Inoltre, eliminerebbe qualunque trasferimento di dati tradizionale e maggiormente rischioso: può essere sufficiente che un impiegato lasci acceso il suo computer per esporre al rischio di violazione l’intero database. Eventualità che non può verificarsi con la blockchain.

LA SICUREZZA DELLA FILIERA DEL FARMACO  

Le aziende farmaceutiche devono costantemente tracciare gli spostamenti dei medicinali. Se tali spostamenti sono registrati sulla blockchain, la possibilità che vengano rubati è infinitamente inferiore. Al contempo, la tecnologia attesterebbe a chi assumerà quel farmaco la provenienza ed il percorso fatto prima di arrivare sullo scaffale della farmacia. Ovviamente, questo ha importanti risvolti anche nella riduzione dei farmaci contraffatti.

TRIAL CLINICI TRACCIABILI

I trial clinici sono spesso condotti in diversi Paesi del mondo. Tuttavia, il più delle volte gli studi non vengono inseriti in un unico database. La blockchain, invece, assicurerebbe non solo la disponibilità dei risultati, ma anche la possibilità di combinarli in modo sicuro e dimostrarne l’efficacia in modo più semplice.

LA LOTTA CONTRO LE FRODI ASSICURATIVE

Si calcola che nei soli Stati Uniti le frodi sulle assicurazioni sanitarie costino 60 miliardi di dollari l’anno. Si verificano ogni volta che operatori e pazienti poco onesti richiedono il rimborso di prestazioni che in realtà non hanno effettuato o la dichiarazione della necessità di un accertamento medico di cui in realtà non si ha bisogno. Gran parte di questi problemi potrebbe essere superato con la blockchain: operatori e pazienti inseriscono i loro dati e informazioni nella catena per essere verificate e registrate, quindi le compagnie assicurative vi accedono e provvedono al rimborso delle prestazioni effettivamente eseguite o necessarie.

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, OLIVETI (ENPAM): «CON QUESTA TECNOLOGIA GIUSTO RICONOSCIMENTO E REMUNERAZIONE (ANCHE PREVIDENZIALE)»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Farmaci contraffatti, Lusi (NAS): «Lotta dura ma siamo sempre più attrezzati con nuove tecnologie contro traffici illeciti»
Dalla blockchain alla bollinatura, sono tanti gli strumenti messi in campo dalle forze dell’ordine per contrastare il fenomeno: «Ormai bisogna essere veramente esperti per riuscire a contraffare una confezione. Purtroppo però di casi ce ne sono ancora…»
di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Procreazione medicalmente assistita, Baldini (Pma Italia): «Educazione, informazione, preservazione e prevenzione: così si combatte calo demografico»
Il 20% delle coppie lamenta problemi di infertilità e sterilità; tra le cause, la mancanza di prevenzione ed educazione sui temi della fertilità. È nata, per questo, “La campagna del Cavolo” di Pma Italia (Procreazione Medicalmente Assistita)
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Blockchain e sanità, Montigiani (JSB Solution): «Grandi vantaggi per i cittadini/pazienti, protocolli e prescrizioni saranno ‘tracciati’»
«Stiamo sperimentando l’uso della Blockchain in molti settori oltre alla sanità, nell’industria farmaceutica e nella ricerca clinica», sottolinea il manager a Sanità Informazione, a margine di Wired Health 2019
Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»
Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»
Cybersecurity, Albanese (Aiop): «In un anno + 36% di attacchi informatici. Nel mirino anche Asl e ospedali». E per la sicurezza dei dati si guarda alla Blockchain
Nel mondo iperconnesso i pericoli sono dietro l’angolo, l’esperto: «Alla rete sono collegati anche gli apparecchi medicali, come un pacemaker impiantato in un paziente. Gli attacchi possono rendere pericoloso qualsiasi dispositivo del quale si perda il pieno controllo». L’Associazione Italiana Ospedalità Privata ha dato il via alla V Scuola di formazione rivolta ai dirigenti, ai responsabili del trattamento dei dati personali e dei servizi informatici delle strutture sanitarie associate
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone