Salute 5 Aprile 2018 13:00

Mirko De Maldè (COO Lynkeus): «Come proteggere i nostri dati sanitari? Con la blockchain»

L’intervista all’esperto a margine di un evento di Wired: «Questa tecnologia consentirà a medici e pazienti di tracciare le informazioni personali per migliorare diagnosi, cure e terapie»

Privacy e tutela dei dati degli utenti. Un argomento molto delicato e più attuale che mai, a pochi giorni dalla notizia dell’uso scorretto di un’enorme quantità di dati prelevati da Facebook – si parla di 87 milioni di utenti coinvolti – da parte della Cambridge Analytica, un’azienda britannica di consulenza e marketing on line. Argomento ancora più delicato se si parla di dati sensibili sanitari. La domanda è: esistono metodi più efficaci di quelli che abbiamo a disposizione per proteggere i dati di un paziente in modo che possano essere utilizzati, scambiati e valorizzati in modo sicuro, condiviso e anonimo?

Quanto il digitale stia trasformando il settore della salute era il tema dell’evento Wired Health – Innovazione per la Vita – organizzato da Wired a Milano. Oggi le strategie aziendali si indirizzano sempre di più sulla raccolta, l’analisi e l’utilizzo dei dati per capire in modo approfondito i bisogni e le esigenze dei clienti. Quest’approccio basato sui dati, applicato all’ambito sanitario, offre tanti vantaggi ma espone anche ai rischi, legati soprattutto alla sicurezza dei dati sensibili dei pazienti. La soluzione? «Passa per la blockchain, che sta abilitando nuove tecnologie in ambito sanitario» sostiene Mirko De Maldè, Coo di Lynkeus – azienda attiva nel campo dei big data – ai microfoni di Sanità informazione:

La blockchain come cambierà la sanità mondiale?

«Rendendo i dati disponibili a tutti, in maniera sicura, condivisa ed aperta. Come? Spostandoci da questa logica proprietaria, chiusa, di gestione e di conservazione del dato e rendendo possibile il suo utilizzo in tutti i contesti dove l’innovazione, la tecnologia, l’intelligenza artificiale potranno fare la differenza per il paziente e, soprattutto, per i medici. Questo è il più grande impatto e la missione blockchain nel futuro della sanità».

Prima parlava di una doppia prospettiva: quella della sicurezza del dato –  tramite il dispositivo Wearable e il paziente –  ma anche all’inverso, attraverso la possibilità di mettere questi dati a disposizione della statistica e della epidemiologia anonimamente.

«Questa è la bellezza della tecnologia blockchain: da un lato consente di avere trasparenza e visibilità di ciò che accade nel network e rende disponibili in maniera anonima una serie di “digital asset” tra cui possono essere annoverati anche i dati sanitari; dall’altro, la grande innovazione sarà permettere al paziente di gestire i propri dati in maniera univoca, privata, anonima ma allo stesso tempo aperta all’innovazione e alla ricerca. Cosa vuol dire? Oggi il paziente per tenere il dato sicuro, lo tiene anche chiuso; in un prossimo futuro sarà possibile tenerlo sicuro e aperto, così da poter essere utilizzato per l’accesso quando serve, per contribuire alla ricerca, per condivisione, ed anche per richiedere una second opinion per la diagnosi e conferma della propria condizione patologica. Queste sono le nuove strade che la blockchain sta abilitando».

LEGGI ANCHE: LA BLOCKCHAIN CAMBIERÀ LA SANITÀ? SCOTTI (LINK CAMPUS): «TECNOLOGIA APPLICABILE SU PIÙ FRONTI, FONDAMENTALE SEGUIRNE L’EVOLUZIONE»  

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sanità, ambiente e territorio: nasce l’Associazione Terra e Vita, trait d’union tra cittadinanza e istituzioni
I fondatori Cappiello e Rostan: «Mettiamo a sistema idee e competenze in un’ottica di salute globale»
Piano di Ripresa e Resilienza, via libera definitivo al Senato. La politica dà i voti alle misure sulla sanità
Il rafforzamento della medicina territoriale convince tutti i partiti, ma non mancano i distinguo. Castellone (M5S): «Grande assente la riforma del 118». Binetti (Udc): «Guai a dimenticare le patologie non Covid». Bocciatura da Fratelli d’Italia
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Donne in sanità, sondaggio Fials fotografa condizione femminile nelle Aziende sanitarie
“Quale parità di genere sui luoghi di lavoro in sanità” il sondaggio di Fials
Valerii (Censis): «Servono 58mila medici e 72mila infermieri per rafforzare la sanità del futuro»
I cantieri per la sanità del futuro: presentato il progetto Censis in collaborazione con Janssen Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...