Mondo 27 Maggio 2021 15:51

Nepal, tassi di infezione da Covid-19 aumentati fino al 550%

L’appello di ActionAid: «È in corso un’altra crisi umanitaria come quella che ha colpito l’India. Garantire accesso equo e rapido ai vaccini»

di Isabella Faggiano

In Nepal l’aumento dei casi di Covid-19 è allarmante. In questi giorni è stato raggiunto il picco massimo di contagi giornalieri: i tassi di infezione sono aumentati fino al 550%. «La nostra paura più grande si sta trasformando in realtà: sapevamo che era solo questione di tempo prima che la catastrofe dell’India coinvolgesse anche il Nepal», dice Marco De Ponte, Segretario Generale ActionAid Italia.

Covid-19 in Nepal, l’impegno di ActionAid

In Nepal, ActionAid ha svolto un ruolo fondamentale già durate la prima fase pandemia. «Abbiamo fornito kit alimentari, prodotti per l’igiene e altre risorse a circa 100 mila persone e la nostra programmazione di sensibilizzazione ha raggiunto i 4 milioni», aggiunge il Segretario Generale.

Proclamare un lockdown per arginare i contagi, come è stato fatto in molti Paesi sviluppati, in luoghi poveri come il Nepal non è possibile. «Gli uomini e le donne devono continuare a lavorare senza nessun dispositivo individuale di protezione che possa limitare la trasmissione dell’infezione. Devono farlo per impedire che i propri figli muoiano di fame, anche mentre le strade si riempiono di cadaveri», spiega il responsabile dell’associazione umanitaria.

Sanità al collasso

In Nepal non esiste un sistema sanitario in grado di curare un numero così elevato di pazienti. Per una popolazione di 30 milioni di persone ci sono solo 1.600 posti letto di terapia intensiva e meno di 600 ventilatori. Nemmeno un medico (solo 0,7) ogni mille abitanti. «Non ci sono ospedali a sufficienza – racconta De Ponte -. Gli ammalati restano in casa contagiando il resto della famiglia. Altri, non trovando assistenza in alcun luogo, muoiono per strada. I centri di cremazione di tutto il Paese continuano a riempirsi velocemente e ininterrottamente».

Il fungo nero

Ad aggravare la situazione c’è il “fungo nero”, una complicazione che nei pazienti Covid potrebbe essere provocata dall’abuso di farmaci steroidei usati per curare l’infezione. Secondo i dati diffusi da ActionAid, sarebbero migliaia le persone che nelle ultime settimane hanno sviluppato la micosi, solitamente molto rara, ma che porta alla morte in un caso su due. La malattia è molto aggressiva e i chirurghi a volte sono costretti a interventi estremamente invasivi per impedire che le spore raggiungano il cervello dei pazienti, rimuovendo in alcuni casi gli occhi, il naso, la mascella. Prima della pandemia di coronavirus, erano a rischio solo le persone con il sistema immunitario gravemente compromesso, come quelli affetti da Aids o i trapiantati. L’acqua contaminata nelle bombole di ossigeno o negli umidificatori d’aria degli ospedali è un veicolo per il fungo, che riesce a diffondersi rapidamente.

Le crescenti segnalazioni di casi e richieste di aiuto, tramite call center e social media in India e in Nepal, negli ultimi giorni, hanno fatto allarmare gli operatori umanitari di ActionAid. «Per questo – conclude il Segretario Generale – non c’è altro tempo da perdere e garantire a queste popolazioni un accesso equo e rapido alle vaccinazioni».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»
Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM