Mondo 7 Febbraio 2019

Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»

Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

Immagine articolo

Le percentuali di bambini europei vaccinati contro il morbillo non sono mai state così alte. Al contempo, non ci sono mai stati tanti casi di morbillo quanti quelli registrati nel 2018 (82.596 in 47 dei 53 Paesi della regione europea dell’OMS), che hanno causato la morte di 72 persone. Numeri che triplicano quelli registrati nel 2017 e che sono superiori di 15 volte rispetto a quelli del 2016.

Sono i dati pubblicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ad evidenziare questa contraddizione, dovuta ai risultati non omogenei ottenuti nei vari Paesi della regione per quanto riguarda l’immunizzazione. «L’aumento dei casi di morbillo – si legge in una nota – si è verificata nonostante nel 2017 si fosse registrata la copertura più alta mai registrata per la seconda dose di vaccino (90%), mentre la prima dose è stata somministrata quasi al 95% dei bambini. Tuttavia – continua l’OMS – i progressi della regione, basati sui dati raccolti dai singoli Paesi, possono mascherare dei gap esistenti a livello nazionale, difficilmente registrati prima della nascita del focolaio».

«Dal quadro emerso – dichiara Zsuzsanna Jakab, direttrice dell’OMS Europa – è chiaro che questo ritmo di crescita delle coperture vaccinali non sarà sufficiente per fermare la circolazione del morbillo. I gap esistenti a livello locale lasciano ancora le porte aperte al virus. E non possiamo avere popolazioni più in salute, come promesso dall’OMS, se non lavoriamo anche sui territori. Dobbiamo fare di più e meglio – conclude – per proteggere ogni singola persona dalle malattie facilmente prevenibili».

LEGGI ANCHE: UNIVAX DAY. I PIU GIOVANI NON CASCANO NELLE FAKE NEWS SUI VACCINI. DUSE (SIICA): «MESSAGGI DI SPERANZA PER IL FUTURO»

Articoli correlati
Vaccini, aumentano coperture. Allarme su morbillo: «Non si raggiunge il 95%». Ecco tutti i dati 2018
«Migliorano nel 2018 le coperture vaccinali dei bambini e degli adolescenti in Italia. Continua a destare preoccupazione il mancato raggiungimento dell’obiettivo del 95% per la vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia in tutte le fasce d’età considerate». È quanto riportato dal Ministero della Salute
Calendario per la Vita 2019, le Società Scientifiche del Board continuano la loro opera di aggiornamento “scientifico” sulle vaccinazioni
SIP, FIMMG, SITI e FIMP continuano la loro opera di informazione verso i cittadini sull'importanza della protezione vaccinale. «Sosteniamo gli sforzi per colmare le sacche di suscettibilità per morbillo e rosolia, chiediamo particolare attenzione ad elevare le coperture per varicella nelle Regioni che hanno introdotto la vaccinazione di recente per evitare spostamenti della malattia verso l’età adulta», sottolinea Paolo Bonanni, Coordinatore Scientifico
Vaccini, OMS e UNICEF: «20 milioni di bambini non sono immunizzati»
Sono venti milioni i bambini che, in tutto il mondo, nel 2018 non hanno ricevuto i vaccini salvavita, come quelli contro il morbillo, la difterite o il tetano. Oltre il 10% della popolazione infantile mondiale. Secondo quanto emerso dai nuovi dati pubblicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’UNICEF, dal 2010 le percentuali di copertura delle […]
Vaccini: niente obbligo dei certificati alle scuole entro domani. La SIPPS invita a non abbassare la guardia
Una nota congiunta del Ministero della Pubblica Istruzione e del Ministero della Salute ha precisato che, essendo stata attivata l’Anagrafe Nazionale Vaccinale, istituita con DM del 17 settembre 2018, i genitori non hanno più l’obbligo di presentare alle Scuole, entro domani, mercoledì 10 luglio, la documentazione attestante lo stato vaccinale dei propri figli, poiché è […]
Vaccini, scontro Cunial-Bella alla Camera su studio Corvelva: «Stato non fa analisi». «Davvero pensi ci sia il Viagra?»
Alla fine della conferenza stampa dell’associazione Corvelva alla Camera dei deputati acceso diverbio tra i due ex compagni di partito Sara Cunial (Misto) e Marco Bella (M5S) che ha contestato la validità scientifica dello studio presentato dai no vax
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...