Mondo 19 Maggio 2021 15:42

Missili, carenza di strutture sanitarie e personale, Covid. Il punto sulla sanità in Palestina

Teresa Leone, Responsabile Progetti Internazionali di Medu: «Stiamo facendo pressioni per poter entrare nel territorio palestinese e portare medici e farmaci». Ma Gaza al momento è blindata

Missili, carenza di strutture sanitarie e personale, Covid. Il punto sulla sanità in Palestina

La Striscia di Gaza è chiusa. Blindata. Le forze israeliane hanno tagliato l’elettricità che rende operative le strutture ospedaliere, le quali stanno collassando a causa della carenza degli approvvigionamenti, dei farmaci essenziali e delle cure specialistiche. Il mondo esterno, le associazioni benefiche e sanitarie internazionali non riescono ad entrare per dare un po’ di respiro al personale del luogo e ai loro pazienti. Se già di solito, in tempi meno tragici di questo, è difficile entrare o uscire, adesso è praticamente impossibile. «Stiamo tentando di organizzare una delegazione di medici da far entrare nella Striscia di Gaza. Stiamo provando ad avere il permesso per far passare personale palestinese per portare aiuti sotto forma di risorse umane e farmaci», spiega a Sanità Informazione Teresa Leone, Responsabile Progetti Internazionali di Medici per i diritti umani.

L’attività di Medu e delle altre associazioni

Medu, insieme ad altre associazioni (come Medici Senza Frontiere e la Croce Rossa Internazionale), collabora con organizzazioni locali. Il loro referente principale è Physicians for Human Rights, che a sua volta fa parte di un collettivo di associazioni palestinesi ed israeliane che si occupano di diritti umani e di sanità. Questa rete, oltre a portare aiuto materiale alla popolazione palestinese, vuole creare una massa critica che possa incidere sulle decisioni di apertura/chiusura dei varchi, anche solo per qualche ora, per motivi umanitari o per approvvigionamento di farmaci e cure mediche.

«Stiamo poi provando a spingere le autorità israeliane ad aprire il varco di Erez – spiega ancora la dottoressa Leone – per permettere l’uscita almeno dei pazienti più gravi. Al momento, però, la situazione è completamente fuori controllo, visto che la Striscia di Gaza è completamente chiusa e asserragliata. Lo era anche prima ma ogni tanto si riusciva ad ottenere qualche permesso per uscire». Perché anche per motivi umanitari o sanitari, specialmente in caso di pazienti gravi o che hanno bisogno di essere ricoverati presso strutture specialistiche sia a Gerusalemme Est che in Cisgiordania, per ottenere i permessi necessari si deve passare per una trafila molto lunga. «Ora però non c’è alcun coordinamento per fare uscire i pazienti, neanche quelli che versano in condizioni gravi».

Palestina, Covid e malati gravi

Pochi giorni fa le forze israeliane hanno distrutto l’unico laboratorio Covid palestinese. Ma il Covid-19, in questo periodo, «non fa altro che aggravare ulteriormente una situazione di per sé già molto complicata – spiega ancora Leone –. La disparità nella distribuzione dei vaccini è stata enorme: la campagna è iniziata tardi e la popolazione palestinese ha ricevuto molte meno dosi rispetto a quella israeliana. È stato grazie al programma Covax se è stato possibile effettuare le vaccinazioni finora».

Altro grosso problema di Gaza riguarda i pazienti più gravi, come i malati oncologici che molto spesso non riescono ad ottenere i permessi necessari per andare a curarsi negli ospedali, soprattutto a Gerusalemme Est. «A volte ci riescono con notevole ritardo, e un ritardo nei cicli di radioterapia o chemioterapia aumenta di molto la possibilità che il paziente muoia. Questo è un altro aspetto del lavoro di denuncia e pressione sulle autorità israeliane per permettere l’evacuazione, per motivi umanitari, almeno di questo tipo di pazienti».

Le attività portate avanti finora

«Da anni portiamo avanti un progetto per portare assistenza sanitaria alla popolazione palestinese in zone che non vengono raggiunte dal servizio sanitario nazionale. La questione – continua Leone – è abbastanza complessa dal punto di vista del settore sanitario: secondo gli accordi di Oslo la gestione del servizio sanitario è affidata all’autorità nazionale palestinese ma, allo stesso tempo, la maggior parte dei settori pubblici della Palestina dipende dagli aiuti internazionali. Succede dunque che si debba tornare alle convenzioni internazionali secondo cui la forza occupante dovrebbe garantire la tutela della salute dell’occupato».

Tutto ciò porta ad un servizio sanitario frammentato e con poche risorse, ufficialmente pubblico ma inefficiente ed inefficace. E in più le cure e i farmaci costano molto. «Cerchiamo di supportare il sistema di cliniche mobili per portare assistenza sanitaria, sia medicina di base che specialistica, in giro per le strade e per assistere gratuitamente le persone più indigenti e vulnerabili. Donne e bambine in primis. In questi camper possono esserci pediatri, ginecologi e così via».

Ma anche girare con un camper per quelle terre martoriate per fornire assistenza sanitaria a chi ne ha più bisogno è tutt’altro che facile: «Per entrare a Gaza è necessario avere un permesso. Bisogna dunque coordinarsi con le autorità israeliane, e per far questo serve diverso tempo. Il lasciapassare, quando lo si ottiene, dura solo pochi giorni. Noi entravamo con una equipe composta di professionisti israeliani e palestinesi residenti in Israele». Non a Gaza, però, in cui gli israeliani non possono entrare. «L’ultima missione di questo tipo risale a marzo – conclude la Responsabile Progetti Internazionali di Medu –, quando abbiamo portato squadre di specialisti che hanno supportato il personale degli ospedali, attrezzature mediche e farmaci». Da allora, dopo il rinfocolarsi degli scontri, più nulla.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, ecco i criteri di appropriatezza per i setting assistenziali di gestione ospedaliera dei pazienti
L’Agenas pubblica l’aggiornamento del documento elaborato dal gruppo di lavoro coordinato dal professor Matteo Bassetti
Variante Delta, l’ECDC: «A fine agosto costituirà il 90% dei virus in Europa. Non protetti i vaccinati con una dose»
La Direttrice del Centro Europeo per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie Andrea Ammon: «Ridurre l’intervallo tra la prima e la seconda somministrazione»
Draghi taglia corto: «Ora tutto roseo, ma Italia non era preparata. Individuare focolai ed evitare tamponi ai bambini»
Nelle comunicazioni alla Camera in vista del prossimo Consiglio europeo, il presidente del Consiglio ha ribadito l'impegno dell'Italia per i vaccini ai Paesi più poveri: 15mila le dosi da donare. Ma nel nostro Paese non dobbiamo fare errori: la prima volta non eravamo preparati
Covid-19, Aiop e Unione Italiana Food siglano accordo per agevolare i lavoratori delle aziende associate a ricevere i vaccini
«È un supporto con il quale garantiamo un contributo significativo nella comune lotta alla pandemia, con la prospettiva condivisa di un Paese che possa ripartire in tempi brevi in sicurezza» sottolinea Barbara Cittadini, Presidente AIOP
Come ottenere la Certificazione verde Covid-19. La guida completa
In Italia è il Ministero della Salute a rilasciare la Certificazione verde Covid-19 attraverso la Piattaforma nazionale, sulla base dei dati trasmessi dalle Regioni e Pa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM