Mondo 19 Maggio 2020

Dall’assemblea Oms Risoluzione per accesso universale al vaccino. Conte: «In Italia risultati incoraggianti, ma lotta non è finita»

Il presidente del Consiglio è intervenuto alla 73esima Assemblea mondiale della Sanità, chiedendo la collaborazione di tutti i Paesi membri per fare della salute globale una priorità. «In fase 2 Ssn al centro, cauto ottimismo»

«Non dovremmo lasciare indietro nessuno». L’intervento del presidente Giuseppe Conte alla 73esima edizione dell’Assemblea mondiale della Sanità parte con un invito perentorio. Ricalcando così quella che tutti Paesi membri dell’Oms hanno definito la «priorità globale», ovvero la disponibilità a buon mercato di qualsiasi futuro farmaco o vaccino contro il Covid-19.

Con questo obbiettivo è stata adottata una Risoluzione, accettata all’unanimità, che chiede ufficialmente da parte dei membri «accesso universale, tempestivo e equa distribuzione» di qualunque prodotto efficace contro il coronavirus, invitando industria farmaceutica e ricercatori a condividere strumenti e scoperte. Il premier ha poi ribadito l’esistenza di “Act Tools Accelerator”, una piattaforma lanciata con Oms e i principali attori sanitari in cui condividere globalmente gli sforzi per una soluzione.

LEGGI ANCHE: ASSEMBLEA MONDIALE DELLA SANITÀ, IL DIRETTORE OMS: «SOLO 20% DEL MONDO HA ANTICORPI COVID, STRADA E’ LUNGA»

«Come Paese impegnato in un efficace multilateralismo, l’Italia ritiene che dovremmo migliorare la nostra architettura sanitaria globale, anche rafforzando il ruolo dell’Oms – ha rimarcato il presidente del Consiglio –. Stiamo vivendo una crisi globale senza precedenti, una crisi che non conosce confini e non risparmia regione: possiamo solo superarla insieme, attraverso la solidarietà, la cooperazione e la responsabilità reciproca».

Dell’Italia in uscita alla prima fase di lotta alla pandemia, Conte ha parlato come di uno dei Paesi più colpiti e pronti ad adottare misure drastiche. «Dopo due mesi – ha continuato – i dati epidemiologici sono incoraggianti: confermano che i nostri sforzi e i sacrifici collettivi hanno dato i loro frutti». Le misure prese nella fase 2 vedono il personale sanitario al centro di nuove assunzioni e il Sistema sanitario nazionale in via di rafforzamento, cui il presidente del Consiglio guarda «con cauto ottimismo e senso di responsabilità».

«Sappiamo che la nostra lotta è lungi dall’essere finita – ha concluso – e a tal fine, abbiamo ancora bisogno l’uno dell’altro. La salute globale è la nostra priorità condivisa e deve essere la nostra responsabilità comune. Oggi più che mai, crediamo che insieme ce la faremo».

 

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 7 luglio, sono 11.626.265 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 538.079 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 6 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 6 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Cronaca di un weekend al mare ai tempi del Covid. Che non è mai sembrato così lontano
Due giorni a Sperlonga sono sufficienti per tornare alla normalità: poche mascherine, distanziamento non rispettato, assembramenti inevitabili. Ma basta un bambino con una maschera da snorkeling per ricordare cosa è accaduto 100 giorni fa
L’appello dell’Oms: «Approccio giusto è quello globale, come Italia e Spagna. Nuovo virus in Cina sotto controllo»
Dal direttore generale un invito a imitare il comportamento del nostro Paese per capovolgere situazioni complesse come quella di marzo. Il virus dei maiali in Cina è una vecchia conoscenza del 2011
Cina, primo vaccino per i militari. Oms manda un team per trovare l’origine di Covid-19, mentre si parla di un nuovo virus
Il primo vaccino cinese viene somministrato ai militari, su cui la sperimentazione durerà un anno. Ma non è sicuro che il prodotto sarà poi commercializzato. Intanto, un virus simile alla suina è stato trovato nei maiali da allevamento
Il virus è più debole? L’emergenza è finita? Le risposte dagli Stati Generali dell’Infettivologia, ma è scontro tra gli esperti
Secondo la Simit, se il virus continuerà a circolare una nuova ondata è molto probabile. Ranieri Guerra (Oms) paragona il Covid con la spagnola, che tornò in autunno uccidendo 50 milioni di persone. Ma dieci esperti sostengono l'indebolimento del virus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 7 luglio, sono 11.626.265 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 538.079 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 6 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)