Mondo 19 Maggio 2020

Dall’assemblea Oms Risoluzione per accesso universale al vaccino. Conte: «In Italia risultati incoraggianti, ma lotta non è finita»

Il presidente del Consiglio è intervenuto alla 73esima Assemblea mondiale della Sanità, chiedendo la collaborazione di tutti i Paesi membri per fare della salute globale una priorità. «In fase 2 Ssn al centro, cauto ottimismo»

«Non dovremmo lasciare indietro nessuno». L’intervento del presidente Giuseppe Conte alla 73esima edizione dell’Assemblea mondiale della Sanità parte con un invito perentorio. Ricalcando così quella che tutti Paesi membri dell’Oms hanno definito la «priorità globale», ovvero la disponibilità a buon mercato di qualsiasi futuro farmaco o vaccino contro il Covid-19.

Con questo obbiettivo è stata adottata una Risoluzione, accettata all’unanimità, che chiede ufficialmente da parte dei membri «accesso universale, tempestivo e equa distribuzione» di qualunque prodotto efficace contro il coronavirus, invitando industria farmaceutica e ricercatori a condividere strumenti e scoperte. Il premier ha poi ribadito l’esistenza di “Act Tools Accelerator”, una piattaforma lanciata con Oms e i principali attori sanitari in cui condividere globalmente gli sforzi per una soluzione.

LEGGI ANCHE: ASSEMBLEA MONDIALE DELLA SANITÀ, IL DIRETTORE OMS: «SOLO 20% DEL MONDO HA ANTICORPI COVID, STRADA E’ LUNGA»

«Come Paese impegnato in un efficace multilateralismo, l’Italia ritiene che dovremmo migliorare la nostra architettura sanitaria globale, anche rafforzando il ruolo dell’Oms – ha rimarcato il presidente del Consiglio –. Stiamo vivendo una crisi globale senza precedenti, una crisi che non conosce confini e non risparmia regione: possiamo solo superarla insieme, attraverso la solidarietà, la cooperazione e la responsabilità reciproca».

Dell’Italia in uscita alla prima fase di lotta alla pandemia, Conte ha parlato come di uno dei Paesi più colpiti e pronti ad adottare misure drastiche. «Dopo due mesi – ha continuato – i dati epidemiologici sono incoraggianti: confermano che i nostri sforzi e i sacrifici collettivi hanno dato i loro frutti». Le misure prese nella fase 2 vedono il personale sanitario al centro di nuove assunzioni e il Sistema sanitario nazionale in via di rafforzamento, cui il presidente del Consiglio guarda «con cauto ottimismo e senso di responsabilità».

«Sappiamo che la nostra lotta è lungi dall’essere finita – ha concluso – e a tal fine, abbiamo ancora bisogno l’uno dell’altro. La salute globale è la nostra priorità condivisa e deve essere la nostra responsabilità comune. Oggi più che mai, crediamo che insieme ce la faremo».

 

Articoli correlati
Covid-19, Boldrini (Pd): «Criticità sistema sanitario dipendono anche da Regioni»
«La medicina di base potrebbe forse utilmente tornare alle dirette dipendenze del Sistema sanitario», spiega la vicepresidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama
Coronavirus e influenza, la sfida della diagnosi differenziale fra urgenze e necessità di precisione
Cauda (Gemelli): «Secondo uno studio il 25% dei francesi non ha alcuna intenzione di sottoporsi alla vaccinazione contro il coronavirus. Servirà uno sforzo importante da parte di infettivologi e medici di famiglia»
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 647.674 (31.084 in più rispetto a ieri). 215.085 i […]
Identificato e colpito il tallone di Achille del SARS-CoV-2. Lo studio della Sapienza
I risultati del lavoro, in pubblicazione sulla rivista Pharmacological Research, aprono la strada a strategie innovative per la terapia medica di questo tipo di infezioni virali
Oms: «Apprezziamo paesi come l’Italia e la Spagna, con misure per proteggere i più vulnerabili»
Nel mondo il maggior numero di casi segnalati finora, terapie intensive in difficoltà in Europa e Nord America. Dalla conferenza Oms di Ginevra, il dg Ghebreyesus si complimenta con l'Italia per le misure per ridurre il contagio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...