Mondo 18 Maggio 2020

Assemblea mondiale della Sanità, il direttore Oms: «Solo 20% del mondo ha anticorpi Covid, strada è lunga»

Rassicurazioni dal presidente cinese: «Disponibili per un’indagine». Speranza: «Vaccino bene pubblico globale e diritto per tutti»

Immagine articolo

«Più di 4 milioni e mezzo di casi di Covid-19 e oltre 300 mila morti sono state segnalati all’Oms. Ma i numeri non riescono a raccontare la storia della pandemia: ogni perdita di vite umane lascia una cicatrice per famiglie, comunità e nazioni». Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha iniziato così la 74esima Assemblea mondiale della Sanità a Ginevra.

Il Dg ha messo in luce quanto il contagio abbia mostrato le disuguaglianze, le ingiustizie e le contraddizioni del mondo moderno, sottolineando: «Centinaia di milioni di persone hanno perso il lavoro. La paura e l’incertezza abbondano. L’economia globale si dirige verso la sua più forte contrazione dalla Grande Depressione. Gli impatti sulla salute della pandemia di Covid-19 si estendono ben oltre la malattia e la morte causate dal virus stesso. Questa è molto più di una crisi sanitaria».

La porzione di popolazione che ha sviluppato anticorpi non supera il 20% nel mondo, ha fatto presente guardando ai primi studi di sieroprevalenza. Dunque la maggioranza è ancora suscettibile al virus. «La strada da fare è ancora lunga», ha sottolineato Ghebreyesus. «Oggi chiedo a tutte le nazioni – ha continuato – di investire nel rafforzamento e nell’attuazione dei numerosi strumenti a nostra disposizione, in particolare del trattato globale che sostiene la sicurezza sanitaria globale: il Regolamento sanitario internazionale».

LEGGI ANCHE: COVID-19, L’AVVERTIMENTO DELL’OMS: «IL VIRUS POTREBBE NON SPARIRE MAI»

Agli oltre 100 Paesi che hanno richiesto un’inchiesta indipendente sulla pandemia da coronavirus, il dirigente ha risposto di essere disponibile a iniziare non appena opportuno. «L’Independent Oversight Advisory Committee – ha aggiunto – ha pubblicato oggi la sua prima relazione sulla pandemia, con diverse raccomandazioni sia per il segretariato che per gli Stati membri. In questo spirito, accogliamo con favore la risoluzione proposta dinanzi a questa Assemblea, che richiede un processo graduale di valutazione imparziale, indipendente e globale. Per essere veramente globale, tale valutazione deve comprendere l’insieme della risposta di tutti gli attori, in buona fede».

E in buona fede si è dichiarata la Cina, dichiarando di aver agito «in modo aperto, trasparente e responsabile» nella lotta al coronavirus. Nel suo intervento, il presidente cinese Xi Jinping ha parlato di disponibilità a un’indagine quando il virus «sarà posto sotto controllo». «Questo lavoro – ha aggiunto – dovrà essere basato sulla scienza, dovrà essere guidato dall’Organizzazione mondiale della sanità e condotto in modo oggettivo e imparziale». In arrivo due miliardi di dollari per lo sviluppo economico e sociale dei Paesi colpiti, ha ribadito.

«Il vaccino sarà un bene pubblico globale», ha concluso infine, unendosi all’appello di Medici senza Frontiere e alla richiesta del presidente francese Emmanuel Macron. Nel suo intervento all’Assemblea Macron ha parlato di una pandemia che può essere affrontata solo unendo le forze. Ha chiesto quindi una «Oms forte che possa fare vero coordinamento» e «più trasparenza nel valutare cosa ha e non ha funzionato».

Intervenuto anche il ministro della Salute Roberto Speranza, che nel suo messaggio ha voluto sottolineare «l’importanza dell’Oms e la necessità di rafforzare il suo ruolo centrale, soprattutto in tempi di crisi». «Ma questo vuol dire – spiega in una nota – lavorare insieme per costruire un’Agenzia più forte, ripensando il suo ruolo e le sue funzioni. Dobbiamo assicurarci che sia completamente indipendente da influenze esterne, politiche o finanziarie, e che sia guidata solo dalla scienza. In questo senso è importante che gli Stati contribuiscano con risorse umane e finanziarie con l’unico obiettivo di aumentare la preparazione e la risposta dei singoli Paesi con il supporto di alto livello tecnico e scientifico dell’Agenzia al servizio di tutti gli individui. Una sfida fondamentale – prosegue – è rappresentata dallo sviluppo di un vaccino per il Covid-19 sicuro ed efficace. Dobbiamo impegnarci perché il vaccino sia considerato un bene pubblico globale, un diritto di tutti e non un privilegio per pochi».

Per il Dg dell’Oms «il mondo non ha bisogno di un altro piano, un altro sistema, un altro meccanismo, un altro comitato o un’altra organizzazione. Deve rafforzare, attuare e finanziare i sistemi e le organizzazioni di cui dispone, incluso l’Oms. Molti leader che hanno parlato oggi hanno sollevato questi problemi: attuare, sostenere l’Oms e finanziare». Tra gli inviti quello a fare del mondo un luogo diverso per sempre, meno vulnerabile e meno impreparato.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
L’Africa ha “schivato” il Coronavirus? Le spiegazioni degli esperti
I numeri ormai lo dimostrano: il continente ha meno casi e meno malati. Quali le ragioni? Gli studiosi si interrogano
di Tommaso Caldarelli
Emofilia: Csl Behring mette a disposizione servizio per consegna a domicilio dei farmaci
La pandemia di Covid-19 ha messo in evidenza l’esigenza di servizi sul territorio, non solo per i soggetti Covid positivi ma per tutti quelli considerati ‘fragili’ a causa di una condizione patologica preesistente. «Oggi CSL Behring ha deciso di rinnovare ‘sine die’ – per i pazienti emofilici trattati con i suoi prodotti – un servizio […]
Andreoni (Tor Vergata): «Con lattoferrina i tempi di eliminazione del Sars-Cov-2 si accorciano»
«La lattoferrina ha un doppio meccanismo d’azione dimostrato scientificamente: non solo agisce sull’immunità naturale ma impedisce “fisicamente” al virus di entrare nella cellula». Ma non è tutto. Massimo Andreoni illustra i primi dati dello studio pilota dell’università di Tor Vergata sui contagiati da Sars-CoV-2
«Stanchi, depressi e con la paura che l’incubo ritorni». Gli internisti tracciano identikit sopravvissuti al Covid
Presentato al Congresso FADOI il modello di day hospital per gli ex pazienti Covid già adottato da Liguria e Toscana, ma che potrebbe essere esteso al resto d’Italia
Nuovo report cabina di regia: «Ancora un aumento dei casi. Mantenere misure di precauzione ed evitare assembramenti»
«Il grande impegno di tutta la popolazione nella fase di riapertura ed il mantenimento di misure rigorose permette oggi di avere un impatto più contenuto sulla salute della popolazione e sul sistema sanitario rispetto ad altri paesi europei»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...