Mondo 4 Marzo 2021 12:34

La Gran Bretagna si prepara a riaprire, previsto per il 21 giugno il liberi tutti

La scelta di vaccinare più persone con una sola dose sembra essere vincente; il Canada invece ci ripensa e rimanda la seconda somministrazione

di Federica Bosco
La Gran Bretagna si prepara a riaprire, previsto per il 21 giugno il liberi tutti

Crescono i numeri dei contagi e mezza Italia rischia di diventare zona rossa. La variante inglese preoccupa e si pensa alle possibili strategie da adottare per arginarne le conseguenze. Tra queste, accelerare la campagna vaccinale. E c’è allora chi pensa di vaccinare più persone con una dose, anche se la copertura sarebbe parziale, rimandando la seconda ad un momento successivo. Il quesito divide virologi e opinione pubblica. Per dissipare qualche dubbio abbiamo interpellato chi, all’estero, ha deciso di puntare su questa strategia, che tuttavia non convince l’Agenzia europea del farmaco perché non supportata da evidenze scientifiche.

In Gran Bretagna un terzo della popolazione ha ricevuto la prima dose

Per prima a virare in questa direzione è stata la Gran Bretagna. A due mesi dall’avvio delle vaccinazioni ha deciso di somministrare la prima dose al maggior numero di persone possibile piuttosto che rispettare l’intervallo di tempo richiesto tra la prima e la seconda dose. Una scelta che sembra essere premiante e le parole di Francesco Logiudice, cardiologo italiano da anni in servizio all’Hammersmith hospital di Londra, lo confermano: «Oggi stiamo vedendo la luce in fondo al tunnel – ci dice -. A due mesi dall’avvio della campagna vaccinale anti-Covid, sono state vaccinate tutte le categorie a rischio: anziani nelle case di riposo e con più di 80 anni, personale sanitario, forze dell’ordine, ma anche giovani con patologie pregresse. I prossimi saranno gli insegnanti perché l’8 marzo riaprono le scuole. Di fatto oltre un terzo della popolazione sopra i 16 anni oggi ha ricevuto almeno una dose. Nel frattempo, però, ai soggetti a rischio e ai sanitari sono state somministrate anche le seconde dosi».

Comunità musulmana autorizza il vaccino durante il ramadan

Una decisione che sembra aver messo tutti d’accordo, compresa la comunità musulmana: «È la notizia del giorno – sottolinea Francesco – anche chi sta facendo il ramadan sarà vaccinato. Non era scontato che ciò potesse verificarsi, invece tutti hanno capito l’importanza della vaccinazione. E coloro che avevano delle riserve su AstraZeneca hanno cambiato idea».

Ed è proprio il vaccino al centro di polemiche anche in Italia ad aver più consenso che sarà somministrato alla maggior parte delle persone. «Fortunatamente è rientrata la polemica sulla validità di AstraZeneca rispetto a Pfizer. In un primo momento si diceva che fosse meno efficace, ma in realtà la differenza è minima. Dall’analisi dei dati è emerso che copre al 75%, riduce l’infezione e la trasmissibilità. Non c’è presupposto scientifico per rifiutarla, si conserva in frigorifero e costa meno».

In due mesi, dunque, tutto sembra essere cambiato in Gran Bretagna, che ha messo l’acceleratore e sta già organizzando il ritorno alla normalità. «Entro giugno tutta la popolazione sopra i 16 anni sarà vaccinata ed allora è stato preparato un piano per la graduale riapertura. Si comincia lunedì 8 marzo con le scuole che riapriranno le porte agli studenti in presenza, il 21 marzo sarà la volta delle attività commerciali non essenziali, il 29 ristoranti e bar potranno aprire i dehors ai clienti mentre si potranno fare piccoli eventi all’aperto. Il 12 aprile sarà la volta di parrucchieri, estetiste, palestre per nuclei famigliari, drive in e vacanze locali. Il 17 maggio riapriranno invece pub e ristoranti anche all’interno, palestre per tutti e viaggi internazionali. Il 21 giugno, se i numeri continueranno a scendere e la campagna vaccinale andrà avanti senza intoppi, sarà il giorno del “liberi tutti”».

In Canada sei settimane tra la prima e la seconda dose

Dall’altra parte dell’Oceano in Canada, dove si è scelto di seguire una strategia vaccinale simile, la situazione apparentemente sotto controllo in realtà denuncia alcuni problemi comuni all’Italia. «I vaccini dovrebbero essere sufficienti – spiega Francesco Macrì, radiologo a Vancouver -. Il governo ha comprato molte dosi di Pfizer e Moderna, non di AstraZeneca, ma la campagna vaccinale è in ritardo».

«In un primo momento si era ipotizzato di allargare a più persone la copertura, non facendo la seconda dose, poi la questione si è risolta con un ritardo nella somministrazione della seconda dose che comunque è prioritaria. Di fatto passano sei o sette settimane prima che venga fatto il secondo vaccino. Per ora è stato vaccinato il personale sanitario. Eccezion fatta per l’Ontario che è ancora sotto stress per i contagi e i ricoveri in terapia intensiva, nel resto del paese i numeri sono in calo e si respira aria di normalità».

Bar e ristoranti continuano ad essere aperti, mentre sono limitati gli assembramenti tra le mura domestiche. Il numero verde attivato per segnalare i vicini che non rispettano le regole sembra funzionare, ma occorre velocizzare la vaccinazione. «Ad un certo punto si è pensato di far rientrare una parte delle dosi destinate ai paesi del terzo mondo – ammette sottovoce Francesco -, ma l’idea è subito stata bocciata».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La vaccinazione nei bambini è raccomandabile o meno? Le considerazioni della Simedet
L'opinione di Alberto Ferrando del Comitato Scientifico della Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Covid e bambini, la denuncia dei TNPEE: «Aumentano casi di disagio e di disturbi dell’apprendimento, lavorare su variabili ambientali»
Molte regioni stanno implementando la figura del Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva. Il Presidente Bonifacio: «Intercettare rapidamente disagio prima che possa svilupparsi una difficoltà più grave». La teleriabilitazione, esplosa con il Covid, sempre più essenziale nella trasformazione della professione
di Francesco Torre
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
Dati ISS: Rt a 1,20 e incidenza in salita. Forte aumento casi non associati a catene già note
Ancora in salita Rt e incidenza sul territorio nazionale. Diminuiscono i casi rilevati tramite tracciamento contatti e anche l'Rt ospedaliero, che arriva a 1,09
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...