Mondo 8 Febbraio 2018 20:00

La storia di Jerome, l’uomo dai tre volti. È il primo ad aver subito due trapianti di faccia

A causa della neurofibromatosi, il primo intervento nel 2010. Poi il rigetto cronico e, dopo un mese e mezzo senza volto, il secondo trapianto

Jerome è il primo uomo al mondo ad aver avuto, nella sua vita, tre volti. Dopo aver subito il primo trapianto nel 2010, un rigetto lo ha costretto al secondo trapianto di faccia. L’intervento, eseguito all’Hopital Européen Georges Pompidou di Parigi, è stato eseguito tre settimane fa dall’equipe del Professor Laurent Lantieri, di cui fa parte anche il chirurgo italiano trentaquattrenne Francesco Wirz.

È la prima volta in assoluto che un paziente subisce un secondo trapianto di faccia, a distanza di sette anni dal primo.

Jerome soffriva di neurofibromatosi, una malattia degenerativa, conosciuta anche per il film “The Elephant Man”, che deforma il volto in modo tale da non permettere di uscire di casa e di condurre uno stile di vita normale. Da lì la necessità del primo trapianto che è durato per sette anni.

Poi, il corpo di Jerome ha reagito con quello che l’equipe del Professor Lantieri ha definito “rigetto cronico”. L’anno scorso si sono presentati i primi sintomi e, al moltiplicarsi delle zone con necrosi, per evitare ulteriori rischi al paziente lo scorso 30 novembre il viso è stato asportato. Da allora, fino al 15 gennaio, è rimasto “senza viso” in rianimazione, guardato a vista dai chirurghi per il rischio di infezioni. Trovato il donatore, si è proceduto con il secondo trapianto.

L’organismo di Jerome accetterà un nuovo corpo estraneo? «Il rischio di rigetto c’è, così come in tutti i trapianti, ed in questo caso è anche più importante», ha commentato al quotidiano francese Liberation Olivier Bastien dell’Agenzia di Biomedicina. Per questo motivo i medici hanno prescritto farmaci anti rigetto particolarmente aggressivi che potrebbero causare degli effetti collaterali non indifferenti: diabete, insufficienza renale, ipertensione arteriosa, osteoporosi solo per citarne alcuni. Inoltre, come accade ai pazienti che subiscono trapianti di cuore o di rene, i farmaci anti rigetto hanno reso Jerome più fragile e quindi più vulnerabile al rischio di infezioni e tumori.

Attualmente il paziente è in osservazione e sta bene. Nonostante l’intervento sia riuscito, i chirurghi sono ancora prudenti.

Articoli correlati
Trapianti a cuore fermo: in Italia sono il 5%, ma potrebbero dimezzare le liste di attesa
Cardillo (CNT): «La diffusione dei trapianti a cuore fermo stenta a decollare perché più complessi da gestire e organizzare di quelli a cuore battente (per morte cerebrale)». A Roma il primo caso del Policlinico Umberto I
Trapianto di rene da vivente, nuova strategia nazionale approvata in Conferenza Stato-Regioni
Recepito con un accordo il documento elaborato dal Centro nazionale trapianti: obiettivo quello di incrementare la donazione da vivente e aumentare le possibilità di trapianto per gli oltre 6mila nefropatici in lista d’attesa
Al Meyer bimba positiva al Covid-19 con grave leucemia riceve trapianto di cellule staminali
Una storia di grande coraggio da parte dell'equipe dell'ospedale fiorentino, che andava incontro a un caso senza precedenti in Italia. La bimba era positiva a Covid da marzo e ha ricevuto un trapianto di cellule staminali dal padre
Dal trapianto arrivano più certezze per la cura del tumore al fegato
Lo studio dell’Istituto dei Tumori di Milano, guidato dal professor Mazzaferro ha evidenziato che il 76,8% dei pazienti epatici, a cinque anni dall’intervento, è libero da tumore e recidive, mentre solo il 18,3% di chi ha continuato con le cure convenzionali è sopravvissuto
di Federica Bosco
Ortopedia, ecco perché il trapianto di osso da cadavere è da preferire alle protesi
Alla Clinica Ortopedica del Policlinico Vanvitelli di Napoli eseguito con successo un raro trapianto di intero emipiatto tibiale da cadavere. Gli esperti: «Migliora la qualità della vita del paziente ed evita la sostituzione della protesi ogni 10 anni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali