Mondo 27 Ottobre 2020

In Giappone 1700 decessi per Covid-19 da inizio pandemia. Quale strategia di contenimento ha adottato?

Intervista al Professor Kentaro Iwata, Direttore di Malattie Infettive e Salute Pubblica del Policlinico di Kobe: «Non abbiamo fatto miracoli. È l’atteggiamento delle persone che conta»

di Peter D'Angelo
In Giappone 1700 decessi per Covid-19 da inizio pandemia. Quale strategia di contenimento ha adottato?

In Giappone si sono registrati 1.700 decessi da Covid-19, da inizio pandemia. In Germania 9 mila. In Italia 37 mila. Quali sono le differenze tra il gigante asiatico, che conta una popolazione di 120 milioni di abitanti – il doppio dell’Italia, e molto superiore agli 83 milioni di cittadini tedeschi -, e l’Europa? Come ha contenuto il Giappone questa pandemia? Quali strategie ha messo in campo? Sanità Informazione ha intervistato uno degli esponenti più autorevoli della comunità scientifica giapponese, il Professor Kentaro Iwata, Direttore di Malattie Infettive e Salute Pubblica del Policlinico ospedaliero universitario di Kobe.

Professore, come ha fatto il Giappone ad avere un tasso di mortalità così basso?

«La bassa mortalità si spiega principalmente con il basso numero di infezioni, circa 90 mila al momento in cui scrivo, e soprattutto il basso tasso di infezione tra gli anziani».

Come ha fatto il Giappone a contenere la diffusione di Sars-CoV-2? Qual è la strategia principale: la prevenzione?

«Non l’abbiamo ancora contenuta, ma siamo riusciti a mantenere basso il tasso di infezione cercando e distruggendo i cluster».

Il Giappone ha sviluppato particolari strategie di monitoraggio e tracciamento?

«Il sistema di monitoraggio funziona solo per chi viene dall’estero, ma al momento si tratta di una porzione molto piccola. Le PCR sono state fatte piuttosto ad hoc».

Come vengono “testati” le persone infette e i loro contatti?

«Principalmente tramite PCR (reazione a catena della polimerasi)».

Quanti tamponi vengono fatti al giorno? (in Italia circa 150 mila).

«Circa 20 mila al giorno, ma i test non ufficiali non sono inclusi».

Test molecolari, antigenici, sierologici?

«Anche noi facciamo test antigenici, ma la PCR (il molecolare) è il test principale».

Ci sono state epidemie nelle scuole? Sono stati determinati ad aumentare i contagi a luglio?

«Non molto. Sono stati osservati cluster sporadici, in particolare nei dormitori».

I bambini a scuola usano la maschera? Da 1 a 9 anni? Da 9 a 19 anni?

«Dentro e fuori la scuola. Sotto i 5 anni non è raccomandato, e non si usano maschere durante l’esercizio fisico».

Come proteggete gli anziani dal contagio?

«Finora non sono state prese misure specifiche. Si stanno isolando volontariamente in qualche modo».

Il Giappone è riuscito a limitare la circolazione del virus con le maschere e l’allontanamento sociale? Ci sono altri motivi?

«No. Questi sono i metodi più efficaci. L’adesione alla raccomandazione è la chiave».

Le terapie intensive del Giappone sono mai state sotto stress? Quanti posti letto ci sono?

«5.861».

Qual è la principale differenza di strategia tra il Giappone e altri Paesi come la Gran Bretagna, dove ci sono stati circa 40 mila morti, o la Francia, 33 mila morti?

«Non c’è molta differenza. Non credo dipenda dalla strategia, ma il diverso atteggiamento delle persone».

Si sta registrando una nuova ondata di contagio? Quanti nuovi casi ci sono al giorno all’incirca?

«743 ieri».

A luglio c’è stato il picco di contagio in Giappone, cosa hanno fatto le autorità sanitarie per fermare il picco?

«È stato proclamato lo stato di emergenza».

In Giappone vengono utilizzati farmaci precoci come l’idrossiclorochina?

«Sporadicamente».

Quali farmaci vengono utilizzati quando iniziano a manifestarsi i sintomi di Covid-19?

«Nessuno, a meno che il paziente non sia ipossico. Il desametasone è usato quando è ipossico».

Vuole aggiungere qualcos’altro?

«Il Giappone non ha fatto miracoli. Sta facendo meglio di molti Paesi europei e americani (del Sud e del Nord), ma sta facendo peggio della Cina e di altri Paesi asiatici o del Pacifico».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gestione dei pazienti Covid in casa, le indicazioni del Ministero a medici e pediatri
Firmata da Rezza e Urbani, la circolare del Ministero della Salute illustra a medici e pediatri come occuparsi di pazienti Covid in cura domiciliare. Elencati anche i criteri da adottare e le restrizioni sui farmaci da prescrivere (netto il "no" all'idrossiclorochina) per evitare un aggravarsi della malattia
Iss avverte: quasi 12mila operatori sanitari contagiati in due settimane
Oltre 66mila gli operatori sanitari contagiati da inizio epidemia, con un'età media di 47 anni. Virus meno letale rispetto alla popolazione
«Io, medico, ho sconfitto il virus e ora dono il plasma alla ricerca»
La storia del dottor Molino, già tornato in corsia al Cardarelli di Napoli. L’ospedale contribuisce alla produzione di plasma iperimmune per il protocollo sperimentale Tsunami
Vacanze di Natale, Fnomceo: «Non si ripetano gli errori dell’estate, siamo preoccupati»
Dal presidente Fnomceo Anelli: «I decessi e i contagi tra i medici hanno ricominciato a salire. Siamo tutti coinvolti in questa partita, solo impegnandoci nella stessa direzione possiamo abbassare la curva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 novembre:...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli