Mondo 15 Novembre 2017

Divorzio Brexit e trasloco Ema: «Ecco cosa succederà ai medici italiani in UK». L’intervista a un medico italiano a Londra

«Il National Health Service è già fiaccato dal taglio degli investimenti voluti dal precedente Primo Ministro David Cameron. La Brexit è il colpo di grazia per tutti i professionisti sanitari italiani in Gran Bretagna… speriamo che gli accordi mitighino la forza di questo tsunami» così Luca Molinari, pediatra italiano che da 15 anni lavora a Londra

Immagine articolo

A marzo 2019 la Gran Bretagna uscirà dall’Unione Europea. Theresa May lo ha scritto in un emendamento del Withdrawal Bill (o Repeal Bill), la legge quadro sul divorzio dall’Ue. Il Primo Ministro spiega la sua decisione in un intervento sul Daily Telegraph in cui afferma che «non intende tollerare» alcun tentativo di bloccare l’uscita dall’Unione, a prescindere dai negoziati in atto. Immediato l’allarme di alcune frange della politica ma soprattutto del mondo accademico inglese che, forse ancora speranzoso in un dietrofront dell’UK sull’addio alla UE, come riferisce il Corriere Della Sera, pubblica un rapporto che mette in allarme le università inglesi: la Brexit potrebbe portare ad una fuga inarrestabile di cervelli dal Paese, soprattutto di menti scientifiche. Su questo tema Sanità Informazione ha intervistato il Dottor Luca Molinari, pediatra italiano che da 15 anni lavora a Londra, attualmente presso il Guy’s and St.Thomas’ Hospital e DottoreLondon, prima clinica italiana nella Capitale inglese.

Il 29 marzo 2019 il Regno Unito uscirà dall’Unione Europea. Qual è la previsione degli italiani che vivono in Inghilterra? Qual è lo stato d’animo prevalente?

«Attualmente è l’incertezza il sentimento che serpeggia fra gli italiani che vivono in Gran Bretagna: uno stato d’animo inquieto, reale, comune alla maggioranza di noi. Io lavoro in una clinica italiana a Londra, dunque m’interfaccio con molti italiani ogni giorno e di recente ho notato una grande amarezza nei confronti di un Paese in cui ci si sentiva ben accolti e che adesso non riserva più questa ospitalità. In fondo, nonostante non si sappia che verso prenderanno le negoziazioni, il sentimento è un po’ quello di un giocattolo che si è rotto: lo si potrà aggiustare ma non tornerà mai più quello di prima. Gli italiani sono preoccupati e gli inglesi per adesso stanno a guardare, forse non proprio consapevoli di quello che succederà».

In Inghilterra le percentuali di medici locali, ma soprattutto operatori sanitari (infermieri in particolare) sono basse e c’è effettiva necessità di professionisti dall’estero. Dopo l’annuncio della Brexit già sono diminuiti i numeri di personale sanitario emigrante in Inghilterra: dopo il divorzio UK-UE, cosa succederà?

«Il rapporto medici e infermieri/pazienti è assai diverso rispetto all’Italia. Se a questo aggiungiamo che il numero degli infermieri che hanno fatto richiesta nell’ultimo anno (dopo il referendum) di lavorare in Gran Bretagna è crollato (si parla del 90% , mentre di medici non abbiamo dati precisi ma è verosimile un calo anche per loro) è evidente che la prospettiva è un acuirsi della crisi del già sofferente NHS, sofferente già dalla riforma Cameron che ha avuto come carattere distintivo il sotto-finanziamento del sistema sanitario che ha comportato un sovraffollamento dei posti letto e una enorme difficoltà della medicina del territorio nel gestire le richieste».

Dopo la Brexit si parla di un effettivo rischio di accesso ai farmaci: infatti tra le industrie del farmaco c’è il timore che il nuovo assetto europeo blocchi i medicinali al confine. Cosa potrebbe succedere?

«Secondo alcuni è una possibilità (ne ha parlato in un interessante approfondimento su ecancer.org Anthony Hatswell, giornalista di economia sanitaria). Tuttavia non penso che la Gran Bretagna possa privarsi dei farmaci a cui ha accesso l’Unione Europea, passando di conseguenza in secondo piano rispetto ad altri Paesi. Bisognerà aspettare e vedere le negoziazioni a quali conclusioni arrivano».

Spia del cambiamento del sistema è il trasloco dell’Ema. Dove l’Agenzia si trasferirà lo deciderà la Commissione Affari Generali a Bruxelles il 20 novembre. A pochi giorni dalla decisione, Londra come vive la ‘perdita’ di un ente importante come l’Agenzia Europea del Farmaco?

«Probabilmente la maggior parte degli inglesi non vive questo cambiamento in maniera angosciante perché non percepisce le conseguenze, che invece sono importanti dal punto di vista soprattutto politico ed economico. Ho come l’impressione che gli inglesi si stiano lasciando trascinare in maniera passiva da una Brexit ancora poco compresa, le cui conseguenze future sono poco delineabili».

Con la Brexit i britannici rischiano di perdere la copertura sanitaria UE, nello specifico perderebbero la tessera europea di assicurazione malattia che, in caso di cure somministrate in un Paese UE diverso da quello di cittadinanza, consente al cittadino europeo di ricevere le prestazioni alle stesse condizioni degli assistiti del Paese in cui ci si trova. Che ne pensa?

«Su questo argomento la situazione è ancora molto confusa, quello che si sa è che chi possiede tuttora la tessera per la copertura sanitaria in Europa, dopo il 2019 la copertura dovrebbe essere comunque mantenuta. Credo che la Gran Bretagna stabilirà dei deals con gli altri Stati per la copertura sanitaria dei propri cittadini così come fa con altri Paesi non europei».

 

Articoli correlati
Coronavirus, Brancaccio (Università del Sannio): «Acquisire e rendere subito pubblici i brevetti di ricerca delle aziende farmaceutiche»
Insieme ad altri colleghi, l’economista ha firmato un piano di rilancio “anti-virus”, pubblicato sul Financial Times: «Combattere i “free riders” che speculano e intervenire, con forti investimenti, sul settore sanitario e sulla ricerca»
Coronavirus: il SSN e i suoi professionisti, i nostri eroi
di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno
di Filippo Marco Tambasco, Segretario Ordine TSRM e PSTRP di Salerno
Fondo sanitario, Bonaccini: «Regioni danno il via al riparto di oltre 113 miliardi. 116 i miliardi previsti per il 2020»
Il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome ha dichiarato: «Segnale importante per il Paese, di attenzione concreta in un momento così grave per la salute dei cittadini»
Coronavirus, Collina: «Epidemia è stress test per sistema. Regionalismo sanitario inadeguato ad affrontare emergenza»
Parla il Presidente della Commissione Sanità del Senato Stefano Collina (PD): «Gratitudine e sostegno a operatori in prima linea». Poi promuove le norme dell’esecutivo. Commissione per ora non convocata: «Ogni giorno salta fuori un eletto positivo, attività Parlamento non centrale in questa fase. Ma bisogna pensare alla gestione della partecipazione democratica in queste situazioni»
La sanità è ancora pubblica: una lezione dal Covid-19
La recente insorgenza pandemica del Covid-19 ha mostrato, nei Paesi più colpiti quali l’Italia, l’importanza del sistema pubblico sanitario e della ricerca. Ciò, a dispetto della recente direzione verso il servizio privatizzato, o a prestazione, che aveva messo in dubbio l’efficacia del sistema di “welfare state”
di Luca Mazzacane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 marzo, sono 533.416 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 24.082 i decessi e 122.710 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...