Sanità internazionale 25 Luglio 2017

Brexit, i britannici rischiano di perdere la copertura sanitaria nei Paesi UE

Tra le possibili conseguenze dell’uscita del Regno Unito dall’UE c’è anche il rischio che i cittadini britannici perdano il diritto alla Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), nient’altro che il retro della nostra tessera sanitaria, che, in caso di cure somministrate in un Paese UE diverso da quello di cittadinanza, consente al cittadino europeo di […]

Tra le possibili conseguenze dell’uscita del Regno Unito dall’UE c’è anche il rischio che i cittadini britannici perdano il diritto alla Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), nient’altro che il retro della nostra tessera sanitaria, che, in caso di cure somministrate in un Paese UE diverso da quello di cittadinanza, consente al cittadino europeo di ricevere le prestazioni alle stesse condizioni e allo stesso costo degli assistiti del Paese in cui ci si trova. Se un cittadino UK, ad esempio, si sente male in vacanza in Italia, potrà essere visitato e curato in un ospedale pubblico al solo prezzo del ticket. Forse, però, fino al 29 marzo 2019. I funzionari della Commissione Europea, infatti, hanno messo sul tavolo dei negoziati per la Brexit anche la TEAM: «Brexit significa questo», commentano fonti dell’Unione. David Davis, che guida la delegazione del Regno Unito nei negoziati, replica: «Stiamo cercando di trovare un modo per mantenere l’attuale sistema della TEAM anche dopo la fuoriuscita del Regno Unito dall’Unione», facendo magari pesare il fatto che anche i cittadini di Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera godono di questo diritto pur non essendo Paesi UE. Senza la TEAM i turisti, ad esempio, dovranno pagare di tasca propria le spese sanitarie o stipulare un’assicurazione. Ma il problema toccherà più da vicino il milione di britannici che risiede in altri Stati membri che, se la misura dovesse passare, dovranno adeguarsi in qualche modo alla novità.

«Quello che stiamo cercando di fare sul tema dei diritti di cittadinanza è di arrivare a un accordo reciproco che porti alla conservazione dei diritti esistenti», ha dichiarato al Telegraph un funzionario che si occupa dei negoziati per parte europea. «Quello che stiamo offrendo ai cittadini europei che vivono nel Regno Unito è giusto – continua il funzionario -. Ci aspettiamo che i nostri cittadini che vivono nei Paesi membri vengano trattati con lo stesso rispetto».

Il dibattito è vivace, i punti di vista sono ovviamente diversi. I negoziati procederanno nei prossimi mesi, quando verranno discusse e affrontate anche queste questioni. Sicuramente, qualunque sarà il risultato delle trattative, il Regno Unito ha dinanzi a sé un periodo di forti e importanti cambiamenti che riguarderanno gli aspetti più diversi della vita dei suoi cittadini.

Per approfondire l’argomento, leggi l’articolo sul Telegraph.

Articoli correlati
A Londra i numeri del Covid-19 non spaventano. Un cardiologo italiano racconta come viene gestita la pandemia
Francesco Logiudice: «Ospedali pronti per tempo, buoni margini in terapia intensiva. 70% dei pazienti curato a casa con paracetamolo, 30% in ospedale con ossigeno, tra 5 e 10% in terapia intensiva». E si inizia a pensare alla riapertura
di Federica Bosco
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli
In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori
Brexit, rapporto National Audit Office mette in guardia: fornitura medicinali a rischio con no deal
Con l’avvicinarsi del 31 ottobre, data prevista per la Brexit, non è chiaro se il sistema sanitario nazionale (Nhs) britannico riuscirà a gestire l’impatto di un possibile no-deal. È quanto sottolineato nel rapporto del National Audit Office, citato dal Guardian, secondo il quale ci sono ancora rischi dal momento che il Dipartimento della Salute ha […]
Regno Unito, l’annuncio di Boris Johnson: «1,8 miliardi di sterline alla sanità pubblica»
Il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha annunciato uno stanziamento di 1,8 miliardi di sterline (circa 1.960 milioni di euro) per introdurre miglioramenti al Servizio sanitario nazionale (Nhs), in linea con una delle sue grandi promesse della campagna elettorale. Nel 2016, Johnson ha utilizzato l’Nhs come uno degli argomenti principali per spiegare gli […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 24 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...