Mondo 17 Aprile 2020 14:57

A Londra i numeri del Covid-19 non spaventano. Un cardiologo italiano racconta come viene gestita la pandemia

Francesco Logiudice: «Ospedali pronti per tempo, buoni margini in terapia intensiva. 70% dei pazienti curato a casa con paracetamolo, 30% in ospedale con ossigeno, tra 5 e 10% in terapia intensiva». E si inizia a pensare alla riapertura

di Federica Bosco

Cresce il numero delle vittime da Coronavirus in Gran Bretagna: solo nelle ultime 24 ore, si sono registrati 861 decessi. Eppure la chiusura non è totale, i cittadini possono uscire per 30 minuti al giorno, andare al parco seppur con le mascherine, senza alcun controllo. E si ipotizza una fase 2 con la ripresa delle attività dal 7 maggio. Per chi ha sintomi, il protocollo prevede consulenza telefonica e solo in casi gravi il ricovero in ospedale. Negli ospedali le protezioni per medici e operatori sanitari non mancano e la situazione è sotto controllo, come ci conferma Francesco Logiudice, cardiologo, da tre anni a Londra all’Hammersmith Hospital.

«Noi ci siamo mossi per tempo, indipendentemente da quello che il governo diceva – puntualizza Logiudice raggiunto via Skype -. Pur partendo da una situazione più sfavorita rispetto all’Italia per la terapia intensiva, negli ospedali inglesi, in particolare a Londra, il lavoro è stato subito cambiato. Il mio ospedale, che è senza accesso diretto attraverso il pronto soccorso, ha pazienti che vengono trasferiti dagli altri due grossi ospedali dello stesso trust. Quindi anche i reparti cardiologici si sono trasformati in reparti di medicina interna che gestiscono una parte di pazienti Covid che non richiedono la terapia intensiva. La situazione è più tranquilla di quanto ipotizzato. Si temeva uno tsunami e quindi ci eravamo preparati anche con un incremento notevole dei posti letto, trasformando anche le sale operatorie in terapia intensiva, però questo incremento non c’è stato, fortunatamente. Il numero di decessi è alto, ma sembra non crescere in maniera esponenziale, e anche come posti di terapia intensiva abbiamo buoni margini».

LEGGI ANCHE: COVID-19, IN FRANCIA POCHI TAMPONI, DIAGNOSI CON TAC E OSPEDALI DEDICATI AI MALATI DI CORONAVIRUS

Che tipo di cure vengono fatte ai malati di Coronavirus?

«Più del 70% dei pazienti con Coronavirus o che ipotizziamo abbiano il Coronavirus, perché il più delle volte è una diagnosi di sospetto basata su sintomi che sono abbastanza tipici di questo tipo di infezione, guariscono spontaneamente, al massimo con paracetamolo per gestire i sintomi. Del 30% rimanente, la maggior parte durante l’ospedalizzazione viene trattata solo con ossigeno terapia, e una parte minore che è tra il 5 e il 10% ha bisogno di terapia intensiva e di essere intubata, quindi di avere ventilazione meccanica».

Pochi tamponi, nessun test autorizzato e antivirali solo per chi rientra nei protocolli di cura gestiti da una delle principali università inglesi.

«Il nostro centro, come altri, partecipa ad uno studio gestito dall’Università di Oxford e con vari bracci di trattamento, e quindi se sono tamponi positivi confermati possono accedere a questo trial e trattati con possibili terapie: antivirali, farmaci biologici che servono a modulare la risposta immunitaria all’infezione, o ancora idrossiclorochina o steroidi».

 

Articoli correlati
Virus mortale colpisce il Regno Unito. Tre persone morte per encefalite da zecca
Le autorità sanitarie britanniche hanno rilevato per la prima volta la diffusione di un'infezione mortale trasmessa dalle punture di zecca in varie parti del Regno Unito. Al momento la UK Health Security Agency (UKHSA) ha accertato tre casi di encefalite trasmessa da zecche (TBEV) in pazienti residenti nello Yorkshire, a Norfolk e al confine tra Hampshire e Dorset. Ulteriori test sulle zecche condotti in tutto il Regno Unito hanno rivelato che la malattia, che fino ad ora è stata riscontrata comunemente in alcune parti dell'Europa e dell'Asia, è ora diffusa nel Regno Unito
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Ad oggi, 28 febbraio 2023, sono 675.188.796 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.870.894 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino disponibile (23 febbraio 2023): Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 25.576.852 (4.720 in più rispetto a ieri). Il […]
Regina Elisabetta morta a 96 anni: «Esempio di longevità sana»
Ben 96 anni di vita attiva e 70 anni di regno: la Regina Elisabetta II lascia in eredità un esempio di longevità, lucidità e resilienza
GB: paura polio, a Londra vaccini a tutti i bambini under 10
Dopo aver rilevato il virus della polio nelle acque reflue di Londra, le autorità sanitarie hanno deciso di offrire la vaccinazione antipolio a tutti i bambini sotto i dieci anni d'età
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...