Mondo 17 Aprile 2020 14:57

A Londra i numeri del Covid-19 non spaventano. Un cardiologo italiano racconta come viene gestita la pandemia

Francesco Logiudice: «Ospedali pronti per tempo, buoni margini in terapia intensiva. 70% dei pazienti curato a casa con paracetamolo, 30% in ospedale con ossigeno, tra 5 e 10% in terapia intensiva». E si inizia a pensare alla riapertura

di Federica Bosco

Cresce il numero delle vittime da Coronavirus in Gran Bretagna: solo nelle ultime 24 ore, si sono registrati 861 decessi. Eppure la chiusura non è totale, i cittadini possono uscire per 30 minuti al giorno, andare al parco seppur con le mascherine, senza alcun controllo. E si ipotizza una fase 2 con la ripresa delle attività dal 7 maggio. Per chi ha sintomi, il protocollo prevede consulenza telefonica e solo in casi gravi il ricovero in ospedale. Negli ospedali le protezioni per medici e operatori sanitari non mancano e la situazione è sotto controllo, come ci conferma Francesco Logiudice, cardiologo, da tre anni a Londra all’Hammersmith Hospital.

«Noi ci siamo mossi per tempo, indipendentemente da quello che il governo diceva – puntualizza Logiudice raggiunto via Skype -. Pur partendo da una situazione più sfavorita rispetto all’Italia per la terapia intensiva, negli ospedali inglesi, in particolare a Londra, il lavoro è stato subito cambiato. Il mio ospedale, che è senza accesso diretto attraverso il pronto soccorso, ha pazienti che vengono trasferiti dagli altri due grossi ospedali dello stesso trust. Quindi anche i reparti cardiologici si sono trasformati in reparti di medicina interna che gestiscono una parte di pazienti Covid che non richiedono la terapia intensiva. La situazione è più tranquilla di quanto ipotizzato. Si temeva uno tsunami e quindi ci eravamo preparati anche con un incremento notevole dei posti letto, trasformando anche le sale operatorie in terapia intensiva, però questo incremento non c’è stato, fortunatamente. Il numero di decessi è alto, ma sembra non crescere in maniera esponenziale, e anche come posti di terapia intensiva abbiamo buoni margini».

LEGGI ANCHE: COVID-19, IN FRANCIA POCHI TAMPONI, DIAGNOSI CON TAC E OSPEDALI DEDICATI AI MALATI DI CORONAVIRUS

Che tipo di cure vengono fatte ai malati di Coronavirus?

«Più del 70% dei pazienti con Coronavirus o che ipotizziamo abbiano il Coronavirus, perché il più delle volte è una diagnosi di sospetto basata su sintomi che sono abbastanza tipici di questo tipo di infezione, guariscono spontaneamente, al massimo con paracetamolo per gestire i sintomi. Del 30% rimanente, la maggior parte durante l’ospedalizzazione viene trattata solo con ossigeno terapia, e una parte minore che è tra il 5 e il 10% ha bisogno di terapia intensiva e di essere intubata, quindi di avere ventilazione meccanica».

Pochi tamponi, nessun test autorizzato e antivirali solo per chi rientra nei protocolli di cura gestiti da una delle principali università inglesi.

«Il nostro centro, come altri, partecipa ad uno studio gestito dall’Università di Oxford e con vari bracci di trattamento, e quindi se sono tamponi positivi confermati possono accedere a questo trial e trattati con possibili terapie: antivirali, farmaci biologici che servono a modulare la risposta immunitaria all’infezione, o ancora idrossiclorochina o steroidi».

 

Articoli correlati
Terza dose, l’appello di D’Amato agli over 60: «Dopo 180 giorni si può fare il richiamo»
Partita anche la campagna antinfluenzale. L’Assessore: «Numeri molto positivi, è gratuita dai 60 anni in su e tra i 6 mesi e i 6 anni, dal medico o dal pediatra di libera scelta»
Covid e scuole, il Report Gimbe: «Troppo rischioso abbandonare la mascherina»
La Fondazione pubblica un nuovo report con una sintesi delle evidenze scientifiche sull’efficacia degli interventi per migliorare la sicurezza Covid-19 nelle scuole. Le priorità: aumentare coperture vaccinali, non abbandonare la mascherina, potenziare screening e investire su aerazione e ventilazione
Inaugurata Breast Unit a Tor Vergata, Speranza: «Investire nella diagnosi e trattamento del tumore al seno»
Presente anche l'Assessore alla Sanità D'Amato: «Una donna su otto può avere questo problema. La prevenzione è fondamentale: necessario arrivare tempestivamente alla diagnosi e poi alla cura»
I morti per Covid-19 sono davvero meno di 4mila? La risposta dell’ISS
Ma davvero l’Istituto Superiore di Sanità ha scritto nero su bianco che i morti in Italia per Covid sono meno di 4mila (per la precisione 3.783)? Risponde proprio l’Istituto
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 27 ottobre, sono 244.563.381 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.965.072 i decessi. Ad oggi, oltre 6,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (27 ottobre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 ottobre, sono 244.563.381 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.965.072 i decessi. Ad oggi, oltre 6,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?