Mondo 10 Aprile 2020 09:24

Covid-19, in Francia pochi tamponi, diagnosi con Tac e ospedali dedicati ai malati di Coronavirus

Il racconto di Andrea, chirurgo italiano a Parigi: «Ci affidiamo all‘ossigenoterapia in attesa dei risultati del grande studio Discovery che dirà quali farmaci funzionano»

di Federica Bosco
Covid-19, in Francia pochi tamponi, diagnosi con Tac e ospedali dedicati ai malati di Coronavirus

Pochi tamponi, ma diagnosi con la tac. In Francia la battaglia contro il Coronavirus si inizia a combattere dalla radiologia e prosegue in ospedali destinati esclusivamente ai malati di Covid-19, come emerge dal racconto di Andrea, 35 anni, chirurgo romano che lavora in un ospedale Covid nei pressi di Parigi.

Com’è cambiata la vita in Francia con l’emergenza Covid-19?

«Tutto è cambiato da quando è iniziato il confinamento, ovvero da circa un mese, prima più blando, ora più stringente e funziona. Sono aperti i supermercati, non ci sono molte persone in giro e anche i trasporti hanno ridotto il numero dei treni così come la metro. In ospedale rispetto alla scorsa settimana si sono ridotti i numeri dei pazienti ricoverati, insomma c’è un lieve calo».

Vengono fatti i tamponi a chi manifesta sintomi?

«No, vengono fatti solo ai pazienti con gravi sintomi respiratori dove c’è un forte dubbio. Ai pazienti che arrivano in ospedale facciamo invece la Tac al torace. Se è positiva non facciamo il tampone, se è dubbia allora facciamo il tampone. E poi c’è tutta una filiera di pazienti che vengono in ambulatorio, che arrivano con sintomi respiratori lievi, vengono visitati da un medico negli ambulatori, fanno il tampone e poi vengono rimandati a casa».

LEGGI ANCHE: L’APPELLO A MACRON DI 200 MEDICI ITALIANI IN FRANCIA: «PIÙ CONSAPEVOLEZZA DEL PERICOLO E PIÙ TUTELE»

Come sono curati i pazienti Covid?

«In pratica con l’ossigenoterapia, che consiste in una cura dei sintomi, perché ad oggi non ci sono farmaci adatti a trattare questa malattia».

Gli antivirali vengono usati?

«Nel mio ospedale no, perché poi cambiano a seconda dei protocolli firmati dagli infettivologi del posto. Nel nostro caso non vengono utilizzati».

Non è impiegata la terapia del virologo francese Raoult che utilizza la clorochina e dice di guarire i malati di Covid in una settimana?

«No, lui utilizza questo farmaco che si chiama Plaquenil e ha fatto uno studio con un numero di pazienti limitato e con sintomi leggeri dove non c’è un gruppo controllo, e ha visto che una buona percentuale di pazienti rispondeva e tornavano a casa, guarivano insomma. Ora in Francia c’è un enorme studio che si chiama Discovery, al cui interno ci sono tantissimi centri e  dove vengono testati tutti i possibili rimedi farmacologici, quindi alla fine di questo studio vedremo quello che funziona veramente».

 

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 28 ottobre, sono 245.021.851 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.972.731 i decessi. Ad oggi, oltre 6,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (27 ottobre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Terza dose, l’appello di D’Amato agli over 60: «Dopo 180 giorni si può fare il richiamo»
Partita anche la campagna antinfluenzale. L’Assessore: «Numeri molto positivi, è gratuita dai 60 anni in su e tra i 6 mesi e i 6 anni, dal medico o dal pediatra di libera scelta»
Covid e scuole, il Report Gimbe: «Troppo rischioso abbandonare la mascherina»
La Fondazione pubblica un nuovo report con una sintesi delle evidenze scientifiche sull’efficacia degli interventi per migliorare la sicurezza Covid-19 nelle scuole. Le priorità: aumentare coperture vaccinali, non abbandonare la mascherina, potenziare screening e investire su aerazione e ventilazione
Inaugurata Breast Unit a Tor Vergata, Speranza: «Investire nella diagnosi e trattamento del tumore al seno»
Presente anche l'Assessore alla Sanità D'Amato: «Una donna su otto può avere questo problema. La prevenzione è fondamentale: necessario arrivare tempestivamente alla diagnosi e poi alla cura»
I morti per Covid-19 sono davvero meno di 4mila? La risposta dell’ISS
Ma davvero l’Istituto Superiore di Sanità ha scritto nero su bianco che i morti in Italia per Covid sono meno di 4mila (per la precisione 3.783)? Risponde proprio l’Istituto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 ottobre, sono 245.021.851 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.972.731 i decessi. Ad oggi, oltre 6,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?