Mondo 10 Aprile 2020 09:24

Covid-19, in Francia pochi tamponi, diagnosi con Tac e ospedali dedicati ai malati di Coronavirus

Il racconto di Andrea, chirurgo italiano a Parigi: «Ci affidiamo all‘ossigenoterapia in attesa dei risultati del grande studio Discovery che dirà quali farmaci funzionano»

di Federica Bosco
Covid-19, in Francia pochi tamponi, diagnosi con Tac e ospedali dedicati ai malati di Coronavirus

Pochi tamponi, ma diagnosi con la tac. In Francia la battaglia contro il Coronavirus si inizia a combattere dalla radiologia e prosegue in ospedali destinati esclusivamente ai malati di Covid-19, come emerge dal racconto di Andrea, 35 anni, chirurgo romano che lavora in un ospedale Covid nei pressi di Parigi.

Com’è cambiata la vita in Francia con l’emergenza Covid-19?

«Tutto è cambiato da quando è iniziato il confinamento, ovvero da circa un mese, prima più blando, ora più stringente e funziona. Sono aperti i supermercati, non ci sono molte persone in giro e anche i trasporti hanno ridotto il numero dei treni così come la metro. In ospedale rispetto alla scorsa settimana si sono ridotti i numeri dei pazienti ricoverati, insomma c’è un lieve calo».

Vengono fatti i tamponi a chi manifesta sintomi?

«No, vengono fatti solo ai pazienti con gravi sintomi respiratori dove c’è un forte dubbio. Ai pazienti che arrivano in ospedale facciamo invece la Tac al torace. Se è positiva non facciamo il tampone, se è dubbia allora facciamo il tampone. E poi c’è tutta una filiera di pazienti che vengono in ambulatorio, che arrivano con sintomi respiratori lievi, vengono visitati da un medico negli ambulatori, fanno il tampone e poi vengono rimandati a casa».

LEGGI ANCHE: L’APPELLO A MACRON DI 200 MEDICI ITALIANI IN FRANCIA: «PIÙ CONSAPEVOLEZZA DEL PERICOLO E PIÙ TUTELE»

Come sono curati i pazienti Covid?

«In pratica con l’ossigenoterapia, che consiste in una cura dei sintomi, perché ad oggi non ci sono farmaci adatti a trattare questa malattia».

Gli antivirali vengono usati?

«Nel mio ospedale no, perché poi cambiano a seconda dei protocolli firmati dagli infettivologi del posto. Nel nostro caso non vengono utilizzati».

Non è impiegata la terapia del virologo francese Raoult che utilizza la clorochina e dice di guarire i malati di Covid in una settimana?

«No, lui utilizza questo farmaco che si chiama Plaquenil e ha fatto uno studio con un numero di pazienti limitato e con sintomi leggeri dove non c’è un gruppo controllo, e ha visto che una buona percentuale di pazienti rispondeva e tornavano a casa, guarivano insomma. Ora in Francia c’è un enorme studio che si chiama Discovery, al cui interno ci sono tantissimi centri e  dove vengono testati tutti i possibili rimedi farmacologici, quindi alla fine di questo studio vedremo quello che funziona veramente».

 

Articoli correlati
Covid-19, ogni 100 contagi professionali, 70 riguardano le donne
Giuseppe Carbone, Segretario generale Fials: «Drammatica disparità di genere. Numeri drammatici che ci allarmano e destano preoccupazione per questa terza ondata»
Covid e scenari futuri, l’infettivologo Stefano Vella: «Immunità di gregge? Meglio trovare strategie di convivenza»
«Vaccinare i fragili in via prioritaria. Un altro lockdown nazionale porterebbe al tracollo finanziario, l'Italia non può permetterselo»
Nel 2020 mai così tanti morti dal secondo dopoguerra in Italia. Pubblicato il quinto rapporto sui decessi ISTAT-ISS
Il documento fa, inoltre, il punto sulle principali caratteristiche dell’epidemia e i loro effetti sulla mortalità totale, distinguendo tra la prima (febbraio-maggio 2020) e la seconda (ottobre-gennaio 2021) ondata epidemica
Giornata Europea della Logopedia, Rossetto (FLI): «La tele-riabilitazione può aiutare l’85% dei pazienti»
“Così lontani, così vicini”: cinque giorni di consulti on-demand. I logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo
di Isabella Faggiano
Viaggio nella clinica francese che cura la salute mentale dei professionisti sanitari, messa a dura prova dal Covid
La psichiatra: «Sovraccarico di lavoro, senso di colpa e trauma per le tante morti. Così la salute mentale del personale sanitario è a rischio, servono interventi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...