Mondo assicurativo 19 Luglio 2016

Quando la compagnia cambia unilateralmente i termini della stipula

Sono un ortopedico libero professionista assicurato da molti anni per la mia responsabilità professionale con una grande compagnia di assicurazione con la quale ho stipulato anche tutte le mie altre polizze personali. Quest’anno la compagnia mi ha comunicato di non poter più rinnovare la polizza di responsabilità professionale alle medesime condizioni in corso dal 2005 […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un ortopedico libero professionista assicurato da molti anni per la mia responsabilità professionale con una grande compagnia di assicurazione con la quale ho stipulato anche tutte le mie altre polizze personali. Quest’anno la compagnia mi ha comunicato di non poter più rinnovare la polizza di responsabilità professionale alle medesime condizioni in corso dal 2005 proponendomi una radicale modifica delle condizioni contrattuali consistente in un modesto incremento del massimale, un aumento del 30% del premio e la introduzione di una franchigia di € 1.000,00 a mio carico da applicarsi ad ogni eventuale risarcimento. Nonostante il mio assicuratore mi abbia chiarito che queste nuove condizioni sono nettamente più vantaggiose rispetto a quelle normalmente praticate dalla Compagnia io sono rimasto veramente insoddisfatto, soprattutto per l’imposizione della franchigia che non ritengo di meritare, in assenza di qualsiasi sinistro. Lei cosa pensa circa la legittimità o quanto meno la correttezza della compagnia, in particolare riguardo la franchigia?

 

Dalla descrizione da Lei riportata appare che la Compagnia si sia comportata in maniera non solo legittima ma anche corretta. Legittima in quanto Lei ha ricevuto la lettera con un preavviso superiore a quello previsto per la disdetta. Corretta commercialmente in quanto la compagnia Le ha comunque riservato un trattamento migliore di quello della tariffa standard. Aggiungo due considerazioni che a me appaiono importanti: In primo luogo le rammento che l’Assicurazione si basa sul principio della mutualità; in sostanza succede che la somma dei premi raccolti dall’Assicuratore viene utilizzata per il risarcimento di eventuali danni occorsi ad uno o più assicurati. Quindi, se i danni aumentano la conseguenza è che il contributo economico fornito da ciascun assicurato (il premio) debba essere incrementato a prescindere dal fatto che questo sia stato indenne o meno da danni. Non vi è dubbio che la sua specializzazione, l’ortopedia, sia colpita da frequenti e severi danni. Posso quindi presumere che la richiesta della compagnia si basi proprio sulla ricerca di un nuovo equilibrio tra premi e sinistri. Consideri che la scelta alternativa per l’Assicuratore potrebbe essere quella di rifiutare la stipula delle polizze a categorie considerate particolarmente a rischio; mi sembra che questa alternativa sia assai più pericolosa per il medico che ha necessità di esercitare in tutta serenità la propria professione. Quanto poi alla questione della franchigia, la mia opinione è che in verità si tratti di una condizione contrattuale utile e vantaggiosa per ambedue le parti, sempre che, ovviamente, questa trovi un corrispondente risparmio per l’assicurato. Infatti la franchigia, mentre deve avere un effetto riduttivo sul costo della copertura assicurativa (l’entità del premio pagato dal medico) contribuisce a contenere i costi per l’Assicuratore soprattutto relativamente agli oneri di gestione dei danni che incidono comunque in maniera proporzionalmente elevata.

Articoli correlati
Colpa medica, Antonio Panti: «No al penale. Necessaria assicurazione nazionale»
L’ex presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze: «Il diritto è molto più arretrato della medicina, che non può essere ingabbiata in categorie rigide. Bisogna ripensare il rapporto tra società e scienza ed il sistema della responsabilità professionale»
Medici sotto processo, Maggiorotti (Amami): «Impatto psicologico devastante. Ma forse il civile è anche peggio…»
Il presidente dell’Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente: «La polizza assicurativa di un chirurgo costa circa 12-15mila euro l’anno, ma se negli ultimi 10 anni ha ricevuto una richiesta di risarcimento, a prescindere dall’esito, la cifra può raddoppiare o, peggio, il medico può avere difficoltà a trovare una copertura assicurativa, e deve quindi smettere di lavorare»
Il Gruppo Aon tutela la salute dei pazienti con tecnologia e prevenzione. L’AD Vanin: «Sanità in evoluzione, necessario stare al passo»
Enrico Vanin, amministratore delegato Aon Spa e Aon Hewitt Risk & Consulting: «Il cittadino sta chiedendo nuovi servizi in grado di ottimizzare il proprio tempo: dalla prenotazione online, alla ricerca di strutture/professionisti in ambiti specifici, alla consultazione attraverso servizi di telemedicina»
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti