Mondo assicurativo 6 settembre 2016

Assicurazioni, ecco quando (non) si parla di atto invasivo

Sono una giovane neurologa ed opero con un contratto di collaborazione coordinata e continuativa presso un’azienda sanitaria del Nord Italia. Alcune settimane fa il mio capo dipartimento mi ha assegnato l’incarico di effettuare infiltrazioni, tramite normali siringhe, del farmaco tossina botulinica in pazienti affetti da patologie neurologiche, come ad esempio distonia o emispasmo facciale. Essendo […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono una giovane neurologa ed opero con un contratto di collaborazione coordinata e continuativa presso un’azienda sanitaria del Nord Italia. Alcune settimane fa il mio capo dipartimento mi ha assegnato l’incarico di effettuare infiltrazioni, tramite normali siringhe, del farmaco tossina botulinica in pazienti affetti da patologie neurologiche, come ad esempio distonia o emispasmo facciale. Essendo assicurata da qualche anno per la mia responsabilità professionale presso una primaria compagnia italiana, ho chiesto per puro scrupolo se la polizza garantiva questa attività. Da quel momento è iniziato “un balletto” di risposte e controrisposte che si è concluso solo ieri con una soluzione che, anche se onerosa per me, è risultata comunque migliorativa rispetto alla prima proposta dell’assicuratore. In sostanza mi è stato eccepito che questa attività era da considerarsi Chirurgica/Invasiva e quindi non rientrante nella fattispecie da me dichiarata all’atto della stipula della polizza la quale esclude l’attività invasiva. In seconda battuta mi è stato poi eccepito l’aggravamento di rischio relativamente all’infiltrazione di sostanze tossiche. Alla fine ho accettato la ultima proposta, in quanto meno onerosa per me, ma dall’episodio mi è rimasta molta confusione ed un po’ di malessere. Lei cosa pensa della mia questione? Ritiene che la compagnia si sia comportata in maniera corretta e comunque coerente alle clausole contrattuali?

La questione degli atti invasivi è costante motivo di questioni e contraddittori tra assicurati ed assicuratori. Non ci vorrebbe molto a risolvere definitivamente la questione. Sembra quasi, ma io non voglio crederlo, che a qualcuno convenga lasciare la faccenda in questo stato di scarsa trasparenza. Ma, evitando altre considerazioni di carattere generale e venendo al suo caso, io escludo in maniera assoluta che una iniezione intramuscolare possa essere considerata un’attività invasiva. Quindi nel suo caso l’assicuratore, nel richiedere un incremento di premio per attività invasiva, non le dato una risposta corretta. Ma io nutro seri dubbi anche sulla richiesta, poi accettata da Lei, di un incremento di premio per l’attività di infiltrazione. Io ritengo infatti che questa attività rientri a pieno titolo tra quelle tipiche di un neurologo. Conseguentemente l’incremento di premio sarebbe stato legittimo soltanto nel caso in cui la polizza avesse escluso dalla copertura assicurativa le infiltrazioni, richiedendo un aumento di premio per la loro inclusione. In via generale io ritengo che qualche assicuratore in tutta buona fede dia risposte, se non affrettate, quantomeno non supportate da una verifica non solo delle condizioni di polizza ma anche di ordine medico legale.

Articoli correlati
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Vorrei cambiare compagnia assicurativa, posso mantenere la retroattività?
Nel momento in cui dovesse cambiare la compagnia assicurativa, è di fondamentale importanza concordare con la nuova compagnia un adeguato periodo di retroattività, onde evitare “buchi temporali” di copertura. Alcune compagnie, per determinate attività professionali, consentono il mantenimento della retroattività vigente sulla precedente polizza, in modo tale da garantire all’assicurato una copertura senza soluzione di […]
Legge Gelli, Giorgio Moroni (Aon): «Nodo assicurazioni? I premi stanno diminuendo, ma aspettiamo decreti attuativi»
«La legge agevola il ritorno degli assicuratori in Italia ma questo è fortemente legato all’approvazione dei decreti attuativi». Il parere dell’esperto Giorgio Moroni di Aon, una delle aziende leader nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell’intermediazione assicurativa e riassicurativa
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...