Meteo 24 settembre 2018

Pescara capitale dell’udito: parte l’edizione 2018 di “Nonno Ascoltami!”

È partita la nona edizione di “Nonno Ascoltami! – L’Ospedale in piazza”, la campagna di controlli gratuiti dell’udito, che promuove su tutto il territorio nazionale una nuova cultura della prevenzione e della salute dei cittadini. L’evento toccherà 33 città, in tutta Italia e si svolgerà per sei domeniche consecutive, dal 23 settembre fino al 28 ottobre. […]

È partita la nona edizione di “Nonno Ascoltami! – L’Ospedale in piazza”, la campagna di controlli gratuiti dell’udito, che promuove su tutto il territorio nazionale una nuova cultura della prevenzione e della salute dei cittadini.

L’evento toccherà 33 città, in tutta Italia e si svolgerà per sei domeniche consecutive, dal 23 settembre fino al 28 ottobre.

Ai nastri di partenza, a Pescara, c’era il giornalista Luciano Onder, testimonial d’eccezione e ambasciatore di Nonno Ascoltami!. «Oggi in Italia ci sono circa 7 milioni di persone affette da disturbi dell’udito, circa il 12 per cento della popolazione, una persona su tre, oltre i 65 anni – ha esordito Onder -. Il ritardo con cui si affronta il problema uditivo è spesso causato da una carenza di cultura in materia e da un forte stigma sociale, che ancora accompagna questo tipo di disturbo. I dati ci dicono che trascorrono dai 5 ai 7 anni dall’insorgere dei sintomi alla prima visita dall’otorino, un tempo lungo e dannoso che porta il soggetto a un progressivo isolamento all’interno della famiglia e della società. L’ipoacusia incide negativamente sulla nostra vita sociale, lavorativa e relazionale. Dunque l’importanza di iniziative come “Nonno Ascoltami!”, che aiutano il cittadino ad affrontare il momento del controllo con grande delicatezza ed alta competenza scientifica».

L’evento “Nonno Ascoltami!” gode del supporto dell’Oms e del Patrocinio del Ministero della Salute; Claudio D’Amario, direttore generale della Prevenzione sanitaria, MdS ha spiegato: «In Europa una delle grandi “emergenze sanitarie” riguarda proprio il fenomeno dell’ipoacusia. La forza di “Nonno Ascoltami!” sta nell’aver colto questa emergenza e nel volerla affrontare attraverso un grande evento di prevenzione. Dunque da Pescara parte un modello virtuoso di sanità preventiva, una nuova forma di cultura della salute, che mette il cittadino al centro del proprio stato di salute».

Medici specialisti e i tecnici dell’udito saranno in piazza a disposizione dei cittadini, nelle tende messe a disposizione da Croce Rossa e Misericordia. «Ancora oggi esiste un problema culturale che spinge il cittadino a non affrontare il problema uditivo – ha commentato Valentina Faricelli, presidente di Nonno Ascoltami – Udito Italia Onlus”. Per questo scendiamo in piazza portando l’ospedale al servizio della gente. Ci piace considerarci “facilitatori” di salute e siamo fortemente convinti del valore sociale della nostra iniziativa. Valore che ci viene riconosciuto anche dall’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) che ogni anno ci ospita a Ginevra per illustrare i nostri progetti di prevenzione».

Haa illustrato la campagna anche Corrado Canovi, segretario AEA, Associazione europea audioprotesisti. «Pescara è diventata davvero la capitale dell’udito a livello italiano. Da qui, quindici anni fa, partì il primo forum sulla sordità, qui nacque la prima rivista dedicata al mondo dell’udito e ancora da Pescara ha preso il via, nove anni fa, Nonno Ascoltami. L’udito è la porta usb del nostro cervello, è indispensabile per apprendere nuovi dati. Tutti sappiamo riconoscere i segnali di perdita dell’udito, Nonno Ascoltami può darci delle risposte».

«L’obiettivo principale di Nonno Ascoltami! – ha spiegato il fondatore, Mauro Menzietti – è quello di raccogliere un problema sociale e aiutare le persone ad affrontarlo con serenità e a risolverlo con efficacia. Il focus naturalmente è puntato sulle persone più anziane, ma c’è grande attenzione anche ai giovani, che troppo spesso abusano dei dispositivi per l’ascolto della musica in cuffia, senza rendersi conto dei potenziali rischi per l’udito. E quest’anno, grazie a un testimonial d’eccezione come Lino Banfi, possiamo veicolare davvero a tutti il nostro messaggio di prevenzione».

 

 

Articoli correlati
Medicina transnazionale delle malattie endocrine: il convegno a Udine il 22 febbraio
Di medicina transnazionale delle malattie endocrine si parlerà al convegno che si svolgerà a Udine dal 22 al 23 febbraio, dove saranno a confronto esperti italiani e colleghi dell’Alpe Adria. «Il convegno – spiega Franco Grimaldi, Direttore della Struttura operativa complessa Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e organizzatore dell’incontro – vede […]
Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»
«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso "Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)
di Lucia Oggianu
Tumori, M5S: «Con rete nazionale dei registri presto dati precisi per la prevenzione»
«Con la legge sulla Rete nazionale dei registri dei tumori, attualmente in discussione alla Camera, il nostro Paese potrà avere finalmente un referto epidemiologico per valutare lo stato di salute di una comunità e dati precisi sull’incidenza, la mortalità e la correlazione con fattori ambientali di questa malattia. Avere un quadro chiaro e preciso è […]
Patologie cardiache femminili: il 1 febbraio vestiti di rosso per la salute del cuore
Ogni anno, in Italia, 124.000 donne vengono colpite da un infarto o da un problema cardiovascolare, 70.000 subiscono un ictus, mentre l’arresto cardiaco improvviso affligge complessivamente fra 50.000 e 60.000 persone, con un tasso di mortalità di sette volte superiore a quello degli incidenti stradali. Se, poi, guardiamo all’Europa, si può osservare come l’arresto cardiaco […]
Foad Aodi (Amsi): «È nata la “Rete delle Università italiane per il Corno d’Africa” su impulso del Vice Ministro Emanuela Del Re
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-Mai) insieme al Movimento internazionale interprofessionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, plaudono all’iniziativa coraggiosa, concreta, prestigiosa della “Rete delle Università Italiane per il Corno D’Africa”, che agisce nel nome della solidarietà. L’iniziativa è indetta dal Vice Ministro […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...