Meteo 24 Settembre 2018

Pescara capitale dell’udito: parte l’edizione 2018 di “Nonno Ascoltami!”

È partita la nona edizione di “Nonno Ascoltami! – L’Ospedale in piazza”, la campagna di controlli gratuiti dell’udito, che promuove su tutto il territorio nazionale una nuova cultura della prevenzione e della salute dei cittadini. L’evento toccherà 33 città, in tutta Italia e si svolgerà per sei domeniche consecutive, dal 23 settembre fino al 28 ottobre. […]

È partita la nona edizione di “Nonno Ascoltami! – L’Ospedale in piazza”, la campagna di controlli gratuiti dell’udito, che promuove su tutto il territorio nazionale una nuova cultura della prevenzione e della salute dei cittadini.

L’evento toccherà 33 città, in tutta Italia e si svolgerà per sei domeniche consecutive, dal 23 settembre fino al 28 ottobre.

Ai nastri di partenza, a Pescara, c’era il giornalista Luciano Onder, testimonial d’eccezione e ambasciatore di Nonno Ascoltami!. «Oggi in Italia ci sono circa 7 milioni di persone affette da disturbi dell’udito, circa il 12 per cento della popolazione, una persona su tre, oltre i 65 anni – ha esordito Onder -. Il ritardo con cui si affronta il problema uditivo è spesso causato da una carenza di cultura in materia e da un forte stigma sociale, che ancora accompagna questo tipo di disturbo. I dati ci dicono che trascorrono dai 5 ai 7 anni dall’insorgere dei sintomi alla prima visita dall’otorino, un tempo lungo e dannoso che porta il soggetto a un progressivo isolamento all’interno della famiglia e della società. L’ipoacusia incide negativamente sulla nostra vita sociale, lavorativa e relazionale. Dunque l’importanza di iniziative come “Nonno Ascoltami!”, che aiutano il cittadino ad affrontare il momento del controllo con grande delicatezza ed alta competenza scientifica».

L’evento “Nonno Ascoltami!” gode del supporto dell’Oms e del Patrocinio del Ministero della Salute; Claudio D’Amario, direttore generale della Prevenzione sanitaria, MdS ha spiegato: «In Europa una delle grandi “emergenze sanitarie” riguarda proprio il fenomeno dell’ipoacusia. La forza di “Nonno Ascoltami!” sta nell’aver colto questa emergenza e nel volerla affrontare attraverso un grande evento di prevenzione. Dunque da Pescara parte un modello virtuoso di sanità preventiva, una nuova forma di cultura della salute, che mette il cittadino al centro del proprio stato di salute».

Medici specialisti e i tecnici dell’udito saranno in piazza a disposizione dei cittadini, nelle tende messe a disposizione da Croce Rossa e Misericordia. «Ancora oggi esiste un problema culturale che spinge il cittadino a non affrontare il problema uditivo – ha commentato Valentina Faricelli, presidente di Nonno Ascoltami – Udito Italia Onlus”. Per questo scendiamo in piazza portando l’ospedale al servizio della gente. Ci piace considerarci “facilitatori” di salute e siamo fortemente convinti del valore sociale della nostra iniziativa. Valore che ci viene riconosciuto anche dall’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) che ogni anno ci ospita a Ginevra per illustrare i nostri progetti di prevenzione».

Haa illustrato la campagna anche Corrado Canovi, segretario AEA, Associazione europea audioprotesisti. «Pescara è diventata davvero la capitale dell’udito a livello italiano. Da qui, quindici anni fa, partì il primo forum sulla sordità, qui nacque la prima rivista dedicata al mondo dell’udito e ancora da Pescara ha preso il via, nove anni fa, Nonno Ascoltami. L’udito è la porta usb del nostro cervello, è indispensabile per apprendere nuovi dati. Tutti sappiamo riconoscere i segnali di perdita dell’udito, Nonno Ascoltami può darci delle risposte».

«L’obiettivo principale di Nonno Ascoltami! – ha spiegato il fondatore, Mauro Menzietti – è quello di raccogliere un problema sociale e aiutare le persone ad affrontarlo con serenità e a risolverlo con efficacia. Il focus naturalmente è puntato sulle persone più anziane, ma c’è grande attenzione anche ai giovani, che troppo spesso abusano dei dispositivi per l’ascolto della musica in cuffia, senza rendersi conto dei potenziali rischi per l’udito. E quest’anno, grazie a un testimonial d’eccezione come Lino Banfi, possiamo veicolare davvero a tutti il nostro messaggio di prevenzione».

 

 

Articoli correlati
Prevenzione cardiaca, Colivicchi (cardiologo): «Dopo ricovero pazienti non seguono terapie, servono percorsi più sicuri ospedale-territorio»
Il direttore dell’U.O.C di Cardiologia del San Filippo Neri ricorda l'importanza di adottare stili di vita corretti, evitare comportamenti a rischio e aderire alle terapie. Il professor Fedele (Umberto I) svela: «Una percentuale rilevante di pazienti non smette di fumare neanche dopo l’infarto»
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
‘Milano taking care’, consigli ed esami per migliorare gli stili di vita. La madrina Susanna Messaggio: «Prevenzione per invecchiare bene»
Nella città meneghina si è svolta la due giorni di esami e consulenze con professionisti della salute. Ruolo fondamentale delle farmacie, Vintani (Federfarma Milano, Monza e Lodi): «Con farmacia dei servizi esami per dare ‘alert’ al paziente». E Doc generici lancia l’avatar Mario per promuovere l’importanza della prevenzione e del monitoraggio della salute con il supporto di nuove tecnologie
di Federica Bosco
Settimana Mondiale Tiroide, dal 20 al 26 maggio convegni e screening gratuiti in tutta Italia
Raggiunta la iodo-sufficienza in Italia, ma per Antonella Olivieri, responsabile scientifico dell'Osservatorio nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia «l’obiettivo oggi è verificare che anche le nostre donne in gravidanza abbiano un adeguato apporto nutrizionale di iodio»
Alcohol Prevention Day: rischio abuso per 8,6 milioni di consumatori. Adolescenti e anziani le categorie più colpite
Il professor Emanuele Scafato, direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol e del centro OMS dell’ISS a Sanità Informazione: «La prevenzione è da creare, manca il coordinamento tra gli interlocutori. Importante intervenire in maniera mirata». E mette in guardia i giovani: «È importante spiegare loro che i divieti di vendita sotto i 18 anni esistono per tutelare la loro salute fisica e psichica»
di Lucia Oggianu
Salute donne, il ministro Grillo presenta l’app “Mamma in salute”
Il ministro della Salute Giulia Grillo ha presentato il 12 maggio, in occasione della Festa della mamma, l’App per smartphone “Mamma in salute” disponibile gratuitamente negli store. «E’ mia prima Festa della mamma – ha commentato – ed è la prima volta che la festeggio in quanto ministro e madre allo stesso tempo. Proprio durante la […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...