Meteo 17 Aprile 2019 12:11

Catania, a Pedara l’open week per la salute della donna

Il Distretto sanitario di Gravina di Catania, in collaborazione con il Comune di Pedara e il PTA di Gravina, aderisce alla IV Giornata nazionale della salute della donna e organizza, da giovedì, 11 aprile, sino al 18 aprile, l’Open week dedicato, interamente, alla salute della donna. Sono numerose le iniziative previste di prevenzione e di […]

Il Distretto sanitario di Gravina di Catania, in collaborazione con il Comune di Pedara e il PTA di Gravina, aderisce alla IV Giornata nazionale della salute della donna e organizza, da giovedì, 11 aprile, sino al 18 aprile, l’Open week dedicato, interamente, alla salute della donna.

Sono numerose le iniziative previste di prevenzione e di promozione della salute, che vedranno anche il coinvolgimento degli alunni delle scuole “Concetto Marchesi” e “Rocco Chinnici” di Pedara.

Presso i Consultori familiari di Tremestieri Etneo (11 e 18 aprile), Pedara (12 e 17 aprile), San Giovanni La Punta (15 a 16 aprile) e Sant’Agata Li Battiati (17 aprile), nei giorni indicati, verranno effettuate, con accesso libero, nelle ore antimeridiane, consulenze personali, visite ginecologiche e pap test.

Grande attenzione, nell’ambito della programmazione dell’evento, è rivolta alla promozione degli screening mammografico (per le donne d’età compresa fra 50 e 69 – presso il Poliambulatorio di Pedara) e ginecologico (per le donne d’età compresa fra 25 a 64 anni – presso i Consultori familiari sopra indicati).

Le prestazioni che non potranno essere erogate in giornata, saranno calendarizzate per i giorni successivi.

Presso il poliambulatorio di Pedara sarà possibile effettuare:

  • screening mammografico: giovedì 11 e martedì 16 aprile, dalle ore 8.00 alle ore 13.00, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Radiologiche;
  • haemoglucotest e ecografia alla tiroide: giovedì 11, dalle ore 8.00 alle ore 13.00;
  • haemoglucotest e ecografia alla tiroide: giovedì 18, dalle ore 15.30 alle ore 18.30.

Il 16 aprile, a partire dalle ore 9.30, presso il Centro culturale Expo di Pedara, gli operatori dell’Asp di Catania incontreranno gli studenti degli Istituti “Concetto Marchesi” e “Rocco Chinnici” di Pedara.

Introdurranno l’incontro: Antonio Fallica, sindaco di Pedara; Carmelo Sambataro, direttore del Distretto sanitario di Gravina di Catania; Marina Consoli, assessore alle Pari opportunità e alla Sanità, del Comune di Pedara.

Interverranno:

Daniela Ingannè (endocrinologa), sul tema “La tutela della salute inizia dalla corretta alimentazione”;

Luisa Gitto (ginecologa), su “Sessualità: contraccezione e prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale”;

Alfia Raciti (psicologa), che tratterà le questioni relative a “Adolescenza: opportunità nei Consultori familiari del Distretto sanitario di Gravina di Catania”.

Articoli correlati
Culle vuote e sempre più anziani, le istituzioni si interrogano per vincere la sfida della denatalità
Dal tavolo di confronto organizzato da Fondazione Roma Sapienza con La7 tanti spunti per ridare fiducia a giovani e famiglie. Necessari interventi su politiche aziendali e welfare per puntare a una ripresa nei prossimi 10 anni
di Federica Bosco
AstraZeneca ai più giovani, Speranza: «Discussione in corso in Cts»
Le interrogazioni al ministro della Salute: «Il profilo rischio-beneficio risulta progressivamente più favorevole all'aumentare dell'età. Di queste valutazioni terrà conto il Cts. Tutti i vaccini approvati da Ema e Aifa sono sicuri ed efficaci»
Ortottica, 7 giugno è Giornata Mondiale. Intruglio (Comm. Albo): «Campagne di screening siano uniformi in tutta Italia»
Dal 2013 si celebra una ricorrenza che punta l’attenzione su questa professione che in Italia conta 3004 iscritti alla FNO TSRM PSTRP, la maggior parte in regime di libera professione o dipendenti di studi privati. Sono 19 i corsi di laurea attivi
Prevenzione, Garattini: «50% malattie croniche e 70% tumori evitabili con corretti stili di vita»
«Prevenzione sia nuova rivoluzione culturale in medicina. La possibilità di avere un buon invecchiamento è nelle nostre mani». Così il professore Silvio Garattini presentando il suo nuovo libro
“La sanità che vogliamo”, le donne e una professione da rifondare. Con la curatrice Sandra Morano
Riorganizzazione e leadership femminile in un settore, quello sanitario, che è popolato per 2/3 da donne. Le proposte di un gruppo di professioniste nel libro curato da Sandra Morano per una sanità del futuro improntata al "modello della cura"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 settembre, sono 230.619.562 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.729.061 i decessi. Ad oggi, oltre 6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco