Lavoro 8 Settembre 2015 19:08

Tessera sanitaria e Irap: tasse e burocrazia stroncano i medici

Camici bianchi costretti a fare anche i “commercialisti” sobbarcandosi nuovi carichi di lavoro

Tessera sanitaria e Irap: tasse e burocrazia stroncano i medici

Sommersi dal lavoro e dalla burocrazia. Persino quando si imbocca la strada della semplificazione e del digitale si finisce per appesantire ulteriormente il carico ai danni dei medici e non solo. Con un effetto domino che finisce per avere poi ripercussioni sui pazienti.


Una situazione ben evidente nel recente caso della Tessera Sanitaria che va a sommarsi ai numerosi grattacapi fiscali, tra cui spicca la vecchia diatriba relativa all’Irap. Ma andiamo con ordine. Con un decreto, uscito il 31 luglio, il Ministero dell’Economia impone ai medici liberi professionisti di caricare direttamente sulla tessera sanitaria le spese mediche sostenute dai cittadini. Questi ultimi, a partire dal prossimo anno, non dovranno dunque più necessariamente conservare scontrini e ricevute e si ritroveranno gli oneri delle prestazioni già nel 730 precompilato. Una notizia che inizialmente aveva incontrato principalmente le resistenze della classe medica, ma che, ora, con il passare dei giorni comincia a creare preoccupazioni anche tra gli stessi cittadini, ammaliati inizialmente dal servizio salvo poi comprendere che non potrà essere a costo zero.

Il medico, già pieno di lavoro, sarebbe infatti costretto a sobbarcarsi anche i classici compiti di un commercialista, investendo soldi e tempo per adeguare e aggiornare le apparecchiature informatiche oltre che per acquisire le nozioni necessarie per gli adempimenti fiscali richiesti. Probabile che in molti chiedano supporto ad un professionista o deleghino il compito ad una risorsa già in forza allo studio. Ci sarà, insomma, un costo aggiuntivo da coprire e come ha già fatto notare il presidente dell’OMCeO Napoli, Silvestro Scotti, «questo si riverbererà sul costo della prestazione per il paziente».  Secondo lo stesso Scotti, che è un medico di famiglia, a pagar dazio non saranno solo i liberi professionisti puri e per essere ancora più chiaro utilizza esempi concreti. Cita, infatti, certificati sportivi, assicurativi e Inail, ma anche le visite occasionali, sia del medico di assistenza primaria sia del medico di guardia. Ci sono poi le situazioni disciplinate diversamente da una regione all’altra a rendere ancora più complessa ed ingarbugliata la situazione.

Comprensibili, dunque, timori e sfoghi dei camici bianchi, legittimamente preoccupati non solo dell’incremento del lavoro ma anche di poter entrare in rotta di collisione con i pazienti su una materia delicata come la privacy. Ci sono infatti spese che il cittadino può decidere di non comunicare allo Stato, rinunciando alle detrazioni. Il medico, però, deve fare comunque una comunicazione di diniego attraverso il sistema con l’autorizzazione verbale del paziente. Una situazione estremamente delicata, oltre che rischiosa, che si somma alle esenzioni dal ticket per reddito, note Aifa, giustificazioni per i farmaci branded prescritti in presenza di equivalenti, nuovi obblighi legati alla prescrizione “appropriata” di Tac e Risonanza magnetica. Un bel rompicapo, un altro in più, nella giungla di tasse e adempimenti fiscali cui sono sottoposti i camici bianchi.

E non c’è solo da appuntare le date di scadenza con l’incubo di acconti e saldi, ma anche destreggiarsi tra normative che cambiano o che resistono anni anacronisticamente producendo, in entrambi i casi, una giurisprudenza incerta e contraddittoria. Come, solo per citare un esempio, per il pagamento dell’Irap, ovvero l’imposta da versare nel caso ci si avvalga di una collaboratrice: sentenze della Commissione Tributaria vanno in un senso e pronunce della Cassazione in un altro e nel frattempo Agenzia delle Entrate ed Equitalia chiedono periodicamente di regolare i conti. Un caos che ben si inserisce nell’ingorgo fiscale di settembre, che prevede oltre 400 adempimenti per 20 milioni di italiani. Oltre ad Iva, Irpef e la stessa Irap il grande appuntamento è l’invio del Modello 770 e le Certificazioni Uniche dei lavoratori autonomi.  Con l’Unico si può anche correggere la dichiarazione dei redditi, già presentata, dai lavoratori dipendenti con il 730. Entro il 30 settembre sarà possibile aderire alla procedura di collaborazione volontaria (“voluntary disclosure”) per il rientro agevolato dei capitali illecitamente detenuti all’estero.

Articoli correlati
Grazie all’intelligenza artificiale 1 persona su 2 potrebbe lavorare solo 4 giorni a settimana
Secondo un nuovo studio incentrato sulla forza lavoro britannica e americana, l’intelligenza artificiale potrebbe consentire a milioni di lavoratori di passare alla settimana lavorativa di quattro giorni entro il 2033
Tumori: 1 paziente su 6 abbandona il lavoro. Dalla Rete ROPI 3 proposte «salva-posto»
La ROPI ha analizzato 4 proposte di legge su congedi e indennizzi sul lavoro per i pazienti oncologici,, facendo emergere per ognuna di esse «luci e ombre». Si è arrivati così a individuare alcune proposte chiave per migliorare le regole a tutela dei lavoratori con tumore che Stefania Gori, presidente ROPI, ha presentato oggi in audizione alla XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) alla Camera dei Deputati
di Redazione
Contanti o bancomat? Le spese sanitarie detraibili nel 2023: istruzioni per l’uso
Anche se c'è ancora tempo per la dichiarazione dei redditi, può essere di grande aiuto iniziare a fare ordine tra le «scartoffie» e capire quali spese sanitarie si possono detrarre e quali no. Specialmente da quando è stata approvata la norma secondo la quale alcune prestazioni sono «scaricabili» solo se pagate tramite sistemi tracciabili, come il bancomat o la carta do credito. Ci sono infatti delle eccezioni
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Storia, valori e sguardo sul futuro, a Bologna il XLIII Congresso Nazionale SIFO
Attese oltre 2500 presenze. Il presidente Arturo Cavaliere: «Il Congresso sarà per tutti noi farmacisti ospedalieri e dei servizi territoriali l'occasione privilegiata per condividere strategie, progetti e best practice con tutti gli stakeholder della sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...