Lavoro 8 Settembre 2015 19:08

Tessera sanitaria e Irap: tasse e burocrazia stroncano i medici

Camici bianchi costretti a fare anche i “commercialisti” sobbarcandosi nuovi carichi di lavoro

Tessera sanitaria e Irap: tasse e burocrazia stroncano i medici

Sommersi dal lavoro e dalla burocrazia. Persino quando si imbocca la strada della semplificazione e del digitale si finisce per appesantire ulteriormente il carico ai danni dei medici e non solo. Con un effetto domino che finisce per avere poi ripercussioni sui pazienti.


Una situazione ben evidente nel recente caso della Tessera Sanitaria che va a sommarsi ai numerosi grattacapi fiscali, tra cui spicca la vecchia diatriba relativa all’Irap. Ma andiamo con ordine. Con un decreto, uscito il 31 luglio, il Ministero dell’Economia impone ai medici liberi professionisti di caricare direttamente sulla tessera sanitaria le spese mediche sostenute dai cittadini. Questi ultimi, a partire dal prossimo anno, non dovranno dunque più necessariamente conservare scontrini e ricevute e si ritroveranno gli oneri delle prestazioni già nel 730 precompilato. Una notizia che inizialmente aveva incontrato principalmente le resistenze della classe medica, ma che, ora, con il passare dei giorni comincia a creare preoccupazioni anche tra gli stessi cittadini, ammaliati inizialmente dal servizio salvo poi comprendere che non potrà essere a costo zero.

Il medico, già pieno di lavoro, sarebbe infatti costretto a sobbarcarsi anche i classici compiti di un commercialista, investendo soldi e tempo per adeguare e aggiornare le apparecchiature informatiche oltre che per acquisire le nozioni necessarie per gli adempimenti fiscali richiesti. Probabile che in molti chiedano supporto ad un professionista o deleghino il compito ad una risorsa già in forza allo studio. Ci sarà, insomma, un costo aggiuntivo da coprire e come ha già fatto notare il presidente dell’OMCeO Napoli, Silvestro Scotti, «questo si riverbererà sul costo della prestazione per il paziente».  Secondo lo stesso Scotti, che è un medico di famiglia, a pagar dazio non saranno solo i liberi professionisti puri e per essere ancora più chiaro utilizza esempi concreti. Cita, infatti, certificati sportivi, assicurativi e Inail, ma anche le visite occasionali, sia del medico di assistenza primaria sia del medico di guardia. Ci sono poi le situazioni disciplinate diversamente da una regione all’altra a rendere ancora più complessa ed ingarbugliata la situazione.

Comprensibili, dunque, timori e sfoghi dei camici bianchi, legittimamente preoccupati non solo dell’incremento del lavoro ma anche di poter entrare in rotta di collisione con i pazienti su una materia delicata come la privacy. Ci sono infatti spese che il cittadino può decidere di non comunicare allo Stato, rinunciando alle detrazioni. Il medico, però, deve fare comunque una comunicazione di diniego attraverso il sistema con l’autorizzazione verbale del paziente. Una situazione estremamente delicata, oltre che rischiosa, che si somma alle esenzioni dal ticket per reddito, note Aifa, giustificazioni per i farmaci branded prescritti in presenza di equivalenti, nuovi obblighi legati alla prescrizione “appropriata” di Tac e Risonanza magnetica. Un bel rompicapo, un altro in più, nella giungla di tasse e adempimenti fiscali cui sono sottoposti i camici bianchi.

E non c’è solo da appuntare le date di scadenza con l’incubo di acconti e saldi, ma anche destreggiarsi tra normative che cambiano o che resistono anni anacronisticamente producendo, in entrambi i casi, una giurisprudenza incerta e contraddittoria. Come, solo per citare un esempio, per il pagamento dell’Irap, ovvero l’imposta da versare nel caso ci si avvalga di una collaboratrice: sentenze della Commissione Tributaria vanno in un senso e pronunce della Cassazione in un altro e nel frattempo Agenzia delle Entrate ed Equitalia chiedono periodicamente di regolare i conti. Un caos che ben si inserisce nell’ingorgo fiscale di settembre, che prevede oltre 400 adempimenti per 20 milioni di italiani. Oltre ad Iva, Irpef e la stessa Irap il grande appuntamento è l’invio del Modello 770 e le Certificazioni Uniche dei lavoratori autonomi.  Con l’Unico si può anche correggere la dichiarazione dei redditi, già presentata, dai lavoratori dipendenti con il 730. Entro il 30 settembre sarà possibile aderire alla procedura di collaborazione volontaria (“voluntary disclosure”) per il rientro agevolato dei capitali illecitamente detenuti all’estero.

Articoli correlati
Arrivano i nuovi bonus bebè Enpam: importi aumentati e work in progress per i papà
I sussidi bambino sono riservati ai nati nell’anno 2021 o 2022 e prevedono dei limiti di reddito familiare
Certificato telematico (INPS) di malattia: il medico che emette una prognosi ha l’obbligo di invio. Ecco cosa dice la legge
Caiazza (FIMMG): «Medici ospedalieri, di pronto soccorso, specialisti convenzionati ASL e liberi professionisti non devono demandare l’emissione del certificato telematico (INPS) di malattia al medico di famiglia, che verrebbe indotto a compiere un reato di falso ideologico»
Quasi 80mila contagi Covid sul lavoro, più colpiti operatori sanitari e sociali
Con 80.994 contagi sul lavoro denunciati dall'Inail, i primi sei mesi di quest'anno pesano al momento per il 29,1% sul totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’istituto dall’inizio della pandemia alla data dello scorso 30 giugno. I più colpiti sul lavoro sono i professionisti del settore della sanità e dell'assistenza sociale. Questo è quanto emerge dal 28esimo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail
Condividere le esperienze in medicina d’urgenza. Parla il fondatore del blog Empills
Da undici anni sul blog notizie ed aggiornamenti sulla medicina d’urgenza rivolti soprattutto a medici e infermieri. Per Carlo D’Apuzzo la crisi dei Pronto soccorso nasce anche dall’organizzazione del lavoro: «Ho lavorato fino a 63 anni e fino alla fine ho continuato a fare le notti e turni disagiati di 12 ore»
di Francesco Torre
Addio vecchio buono pasto. Un giovane su 3 preferisce «buono sport»
Una ricerca di Fitprime su 20mila dipendenti di piccole e medie imprese rovescia l’idea classica del benefit aziendale per eccellenza: anziché il buono pasto ora i giovani chiedono il buono sport
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...