Lavoro 13 Settembre 2016

Tasse, ad ottobre il salasso Irpef. Ma occhio al “salvagente” Equitalia

È già autunno caldo per il fisco e le scadenze dei medici. Ecco i consigli del tributarista Giulio Palazzo per non rimanere sommersi dalle cartelle e approfittare della mano tesa dell’agenzia di riscossione…

Ricordate quella montagna di mail ricevute dal commercialista e lettere/raccomandate trovate nella cassetta della posta al rientro delle vacanze? Preparatevi, perché ora è il momento di “scalarla”. Dal punto di vista fiscale siamo, infatti, già al temutissimo “autunno delle tasse”, il momento in cui milioni di italiani devono fare i conti con gli odiati e temuti adempimenti e pagamenti. Proprio negli ultimi giorni la nostra redazione ha registrato numerosi sfoghi e raccolto SOS da parte di medici, letteralmente sbiancati – per fare qualche esempio – davanti ad ingenti somme (per qualcuno fino a 10mila euro…) da versare tra ottobre e novembre per conguaglio ed acconto Irpef. Un salasso sicuramente fastidioso, ma a cui è impossibile sfuggire.

Rassegnandosi a dover pagare, non tutto è però così negativo. Da valutare, con il tempo, la recentissima novità degli studi di settore, destinati a lasciare il campo agli “indicatori di compliance” (determineranno il reddito dei professionisti, compresi quelli del settore sanitario). Già, invece, apprezzabile l’opportunità – da cogliere tassativamente entro il 20 ottobre – offerta da Equitalia: anche chi ha saltato delle rate di una dilazione di pagamento può infatti mettersi in regola, evitando il saldo. Come? A spiegarlo è il tributarista Giulio Palazzo, titolare di uno dei più importanti studi commercialisti di Roma, rispondendo ad un quesito girato da un nostro lettore.

Di seguito la domanda posta dal medico in questione alla nostra redazione, girata allo Studio Palazzo:

«A novembre 2015, dopo aver ricevuto una cartella da parte del Gruppo Equitalia, ho richiesto ed ottenuto un piano di rateizzazione di 72 rate.  Nei mesi a seguire, alcune delle rate previste dal piano non sono state saldate. Posso ancora usufruire della dilazione di pagamento che mi era stata concessa o l’unica alternativa per evitare una procedura esecutiva è il saldo, in un’unica soluzione, dell’intero ammontare residuo?»

 «La problematica sollevata – risponde il dottor Giulio Palazzo –  non è di poco conto ed interessa molti professionisti appartenenti al settore medico. Al riguardo, con l’approvazione del D.l.  24 giugno 2016, n. 113, a far data dallo scorso 21 agosto e fino al prossimo 20 ottobre 2016, in caso di decadenza da precedenti piani di rateizzazione, è possibile una riapertura dei termini per la rateizzazione dei debiti tributari. Dunque, le somme oggetto di piani di rateizzazione decaduti e non ancora versate al 1 luglio 2016, possono essere nuovamente rateizzate fino a un massimo di 72 rate mensili.  La nuova richiesta di rateizzazione deve essere presentata entro il 20 ottobre 2016 su dei modelli reperibili su sito del Gruppo Equitalia (www.gruppoequitalia.it). Inoltre, – prosegue il tributarista – nel caso si decidesse di riattivare la rateizzazione, la norma non impone l’obbligo di eseguire, contestualmente alla domanda, il pagamento integrale delle rate scadute, né il pagamento di alcuna somma prima dell’approvazione del nuovo piano di rateizzazione. Infine, si sottolinea come il contribuente decada dal nuovo pagamento rateale solo ed esclusivamente a causa del mancato pagamento di due rate, anche non consecutive».

Con lo Studio Palazzo – Consulenza Tributaria e Societaria, continua la collaborazione editoriale che ci porterà ad affrontare tutte le principali questioni tributarie dei camici bianchi, ma anche di rispondere ai quesiti dei nostri lettori. Chi volesse suggerire delle tematiche può scriverci a redazione@sanitainformazione.it.

Articoli correlati
Europee, la sfida di Rinaldi (Lega): «Più autorevolezza in Ue per garantire i diritti degli ex specializzandi»
L’economista, volto noto dei talk show, è candidato per il partito di Matteo Salvini nella circoscrizione Centro. A Sanità Informazione annuncia il suo impegno a difesa dei medici e degli operatori sanitari, a partire dai contenziosi: «Abbiamo avuto addirittura pubblicità che invitano a fare causa ai camici bianchi: ora serve una task force affinché non sia il singolo medico a difendersi da situazioni di questo genere»
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D
Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare il reddito da dichiarare e chi è esonerato
Retribuzione, Irpef, contributi e assicurazione: ecco quanto perdono gli MMG in formazione. E scattano i ricorsi
La mappa delle disparità di trattamento che gli MMG subiscono da 25 anni nella specializzazione. Scattata un'azione legale collettiva per ottenere rimborsi fino a 150mila euro
E’ corretto che i rimborsi per le spese di viaggio dovuti agli specialisti ambulatoriali siano tassati?
La Suprema Corte di Cassazione con l’ordinanza 6793/15 ha chiarito la natura risarcitoria, e non retributiva, delle spese di viaggio sostenute dagli specialisti ambulatoriali, cui vengono assegnati incarichi al di fuori del comune di residenza. Dunque, se i rimborsi sono mere reintegrazioni patrimoniali non possono essere tassati ai fini IRPEF. Recentemente tale interpretazione è stata […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...