Lavoro 18 Gennaio 2022 16:04

Tar Lazio boccia la “vigile attesa” del Ministero. L’esperto: «Riaffermata dignità del medico». Cosa cambia

L’Avvocato Marco Croce, della rete di Consulcesi & Partners, commenta una sentenza che ha impatto diretto sul lavoro (e sulla responsabilità professionale) dei camici bianchi

Tar Lazio boccia la “vigile attesa” del Ministero. L’esperto: «Riaffermata dignità del medico». Cosa cambia

Una sentenza che «rappresenta una nuova affermazione di un principio antico quanto attuale: quello dell’autonomia del professionista della salute». Insomma, la «riaffermazione della dignità della professione medica». Così l’avvocato Marco Croce, della rete di Consulcesi & Partners, commenta la sentenza n.419 del 15 gennaio 2022 con cui il Tar del Lazio ha annullato la Circolare del Ministero della Salute (mutuata dalle Linee Guida dell’Aifa) inerente la “Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da Sars-CoV-2” aggiornata al 26 aprile 2021.

In particolare, si fa riferimento alla parte in cui, nei primi giorni di malattia da Covid-19, prevede una “vigile attesa” e somministrazione di Fans e Paracetamolo e nella parte in cui pone indicazioni di non utilizzo di tutti i farmaci generalmente utilizzati dai medici di medicina generale per i pazienti affetti da Covid-19. Secondo il Tribunale amministrativo regionale quanto previsto dalla circolare «si pone in contrasto con l’attività professionale così come demandata al medico nei termini indicati dalla scienza e dalla deontologia professionale». Ma cosa cambia alla luce di questa sentenza, sia a livello lavorativo che dal punto di vista della responsabilità professionale, per il medico che segue pazienti Covid?

Avvocato Croce, cosa stabilisce la sentenza n.419 del 15 gennaio scorso del Tar del Lazio?

«Questa sentenza ha annullato la circolare del Ministero della Salute che conteneva le linee guida sulla gestione domiciliare dei pazienti con infezione da Covid-19. Queste linee guida prevedevano la centralità della cosiddetta vigilante attesa e la somministrazione di farmaci, come il paracetamolo, nel contesto di una positività non caratterizzata da sintomi allarmanti ma soltanto sotto sorveglianza. La decisione del Tar del Lazio si basa su una osservazione di carattere preliminare e su una considerazione di merito».

Partiamo dall’osservazione preliminare..

«L’osservazione di carattere preliminare è che non ha rilievo l’eccezione formulata dalla difesa del Ministero della Salute secondo cui il dicastero si sarebbe limitato a recepire una nota dell’Aifa che, non essendo stata autonomamente impugnata, avrebbe comportato l’inammissibilità del ricorso. Il Tar ha osservato che, dal momento in cui il Ministero ha recepito integralmente le indicazioni dell’Agenzia italiana del farmaco, trasformandole in linee guida, il provvedimento ha assunto contorni propri, e dunque tali da poter essere resi oggetto di censura davanti al giudice amministrativo».

E per quanto riguarda la considerazione di merito?

«Entrando nel merito, il Tar ha formulato una motivazione con cui ha richiamato sostanzialmente il primato della “scienza e coscienza” del medico che non può essere vincolato ad un’unica soluzione in presenza di una molteplicità di scenari. Questo perché la positività al virus, correlata alle condizioni della persona assistita, non può essere ristretta nell’unica, vincolante e priva di alternative soluzione della vigile attesa. Con ciò è stato riconosciuto che l’autonomia del professionista sanitario, anche nella prescrizione, non può essere così intensivamente limitata, contravvenendo in qualche modo anche alle stesse normative sulla responsabilità del medico. Questa deve essere correlata sia ad un margine di discrezionalità del professionista, sia alla deontologia dell’operatore della salute, il quale può indicare soluzioni diverse da un rigido schematismo ministeriale».

Insomma, il medico deve fare il medico…

«Il professionista sanitario, in questo caso il medico, non può essere confinato in un preconfezionamento standard di soluzioni, data la molteplicità degli aspetti da considerare in ogni patologia».

Cosa cambia per il medico?

«Aumentano, allo stesso tempo, sia l’autonomia che la responsabilità del medico, nel monitorare e nel dare indicazioni circa le scelte che la persona assistita deve prendere quando è positivo. Parliamo dunque della possibilità di anticipare il ricovero o valutare una alternativa terapeutica».

Aumentano anche i rischi dal punto di vista della responsabilità professionale?

«Non aumentano. Consideriamo che potrebbe essere un rischio anche assoggettarsi acriticamente ad una circolare ministeriale in presenza di chiari indici di obbligo di una soluzione alternativa. Una circolare ministeriale, ricordiamolo, non ha valenza di legge. Il codice deontologico e la legge 24 del 2017 (la c.d. Legge Gelli-Bianco, nda), nonché la stessa normativa generale che riguarda l’operato dei professionisti della salute e dei medici, impongono al medico di mantenere una propria individualità nell’affrontare ogni singolo caso. Le stesse linee guida, così come le buone pratiche, possono essere derogate in presenza di una scienza consapevole e ponderata dal medico in presenza di fattori eccezionali che indichino la necessità di dover adottare una soluzione diversa. In questo caso, ovviamente, è molto rilevante il peso della responsabilità che si assume il medico. Detto questo, come confermato dal Tar stesso, il medico può adottare soluzioni eterogenee in base a scienza e coscienza».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tecnico o politico? Il parere degli apicali della Sanità sul nuovo ministro
Da Anelli della Fnomceo a Oliveti dell'Enpam, da Scotti della Fimmg a di Silverio di Anaao Assomed fino all'attuale ministro della Salute Speranza. Gli specialisti della sanità rivelano quale sia la figura più giusta che dovrà guidare la sanità italiana nel prossimo Governo
Si conclude l’odissea della Fondazione IME, turbo liquidazione del commissario Friolo
In 13 mesi è stata finalmente risolta la lunga e travagliata vicenda della Fondazione Istituto Mediterraneo di Ematologia. Grazie al commissario Francesco Friolo sono stati risolti debiti e pendenze e sono stati recuperati crediti. La Fondazione IME è stata liquidata
Vaiolo delle scimmie. In Italia aumentano i casi e il Ministero diffonde le linee guida per le quarantene
In Italia accertati 505 casi, 26 in più di 4 giorni fa. Il Ministero della Salute ha diffuso una circolare sulle misure da adottare in vista di possibili quarantene. In attesa di direttive su un’eventuale campagna vaccinale lo Spallanzani di Roma ha annunciato di essere già pronto a partire con la vaccinazione
Abuso della pronta disponibilità, Croce (C&P): «Danneggia il professionista e il paziente»
Intervista all’avvocato Marco Croce, della rete di studi legali di Consulcesi & Partners: «Altamente lesivo per la salute psichica e fisica della persona non avere adeguata alternanza tra lavoro e riposo»
Ferie non godute, sentenze fino a 50mila euro. Avv. Croce (C&P): «Possibile chiedere monetizzazione degli ultimi 10 anni»
Cosa deve fare un medico o un professionista sanitario per ricevere l’indennità sostitutiva delle ferie? Intervista all’avvocato Marco Croce, che cura le cause per conto di Consulcesi & Partners
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.