Lavoro 3 Maggio 2022 12:31

Specializzandi, il 30% lavora più di 70 ore settimanali. «Scarse tutele e condizioni ai limiti dello sfruttamento»

I risultati dell’inchiesta dell’Associazione “Chi si cura di te?” sull’orario di lavoro dei medici in formazione specialistica. Fra orari insostenibili, riposi mancati e diritti negati

Specializzandi, il 30% lavora più di 70 ore settimanali. «Scarse tutele e condizioni ai limiti dello sfruttamento»

Nella quotidianità dei medici specializzandi  le tutele stabilite dal contratto di formazione sono solo un miraggio. È il quadro che emerge da un’inchiesta sull’orario di lavoro dei medici in formazione specialistica promossa da Chi si cura di te? – Associazione di medici in formazione, camici grigi, medici precari.

Il 30% degli specializzandi lavora oltre le 70 ore settimanali e fino a 120

I dati parlano chiaro: dal sondaggio risulta che i medici specializzandi lavorano, in media, da un minimo di 45 ore a un massimo di 60 a settimana. E, addirittura, il 30% degli intervistati dichiara di lavorare oltre le 70 ore e fino anche a 120 ore settimanali. Non solo, quindi, superano ampiamente le 38 ore previste dal contratto CCNL della Dirigenza medica ma si viola sistematicamente anche la Normativa Europea in materia di orario lavorativo. La direttiva 2003/88/CE, infatti, stabilisce un orario settimanale massimo di 48 ore – compreso lo straordinario – e un periodo di riposo giornaliero di 11 ore consecutive.

Il diritto di riposo e le violazioni alla normativa europea

Sul diritto al riposo prima e dopo il turno di guardia (sia diurno, sia notturno) ben il 39% degli intervistati risponde che non sono previsti in nessun modo. Il 20% riconduce un’ampia discrezionalità al tutor in servizio. Questi risultati delineano un quadro preoccupante: in più della metà dei casi, infatti, i medici specializzandi lavorano anche dopo turni di guardia. Di nuovo, in violazione, alla normativa europea.

Pronta disponibilità: niente indennità né riposo successivo

Una parte degli specializzandi che ha partecipato alla survey riferisce di dover garantire la pronta disponibilità – o reperibilità – senza tuttavia poter accedere alle indennità previste in questi casi per i medici strutturati. Inoltre, gli stessi, specificano che all’attivazione dei turni di reperibilità non corrispondeva un periodo di riposo successivo. Anche questo si pone nettamente in contrasto con la disciplina della pronta disponibilità delineata nel CCNL di area Sanità. All’art. 27, comma 8, stabilisce che «il personale in pronta disponibilità chiamato in servizio, con conseguente sospensione delle undici ore di riposo immediatamente successivo e consecutivo, deve recuperare immediatamente e consecutivamente dopo il servizio reso le ore mancanti per il completamento delle undici ore di riposo».

Assenze e ferie, solo il 50% riesce ad usufruire dei 30 giorni

E per quanto riguarda le assenze giustificate? Anche in questo caso, la normativa non viene rispettata. Solo il 50% dei partecipanti alla ricerca chiarisce di poter usufruire dei 30 giorni previsti dal D. Lgs 368/99. Alcuni specializzandi restituiscono situazioni diverse, come l’abitudine di autorizzare le assenze solo quando «maturate». Molti sottolineano di aver difficoltà a sfruttare assenze giustificate e ferie legittime. «Ricordiamo – precisa l’Associazione “Chi si cura di te?” che le assenze per malattia non possono essere conteggiate tra i giorni di assenza giustificata secondo nota del MUR del 2019». Tuttavia, il 15% degli intervistati sostiene che per poter usufruire di giorni di malattia deve utilizzare i giorni di assenza giustificata.

Gli specializzandi chiedono la riforma complessiva delle specializzazioni mediche

«Le testimonianze da noi raccolte – spiegano i medici in formazione – danno dimostrazione del quadro ben noto di scarse tutele, subalternità ai direttori di scuola e condizioni di lavoro che spesso superano i limiti dello sfruttamento in cui ci troviamo a lavorare. Come abbiamo già sostenuto, non rappresentano eccezioni o casi isolati, ma sono diretta conseguenza dell’ambiguità della nostra figura: lavoratori a tutti gli effetti ma inquadrati come studenti. Riteniamo che il cambiamento reale possa arrivare solo da una riforma complessiva delle specializzazioni mediche, passando ad un vero Contratto Collettivo Nazionale della Formazione medica, inquadrato all’interno del CCN della dirigenza, con graduale acquisizione di competenze e progressiva introduzione nel lavoro nel SSN» concludono.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Specializzandi, la proposta del Pd: contratto della dirigenza e scuola di specializzazione per MMG
Al Senato la proposta di legge della dem Paola Boldrini: tra gli obiettivi collegare il numero delle borse di specializzazione ai reali bisogni delle diverse discipline sul territorio. L’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: «Prossimi anni difficili, riforma urgente»
di Francesco Torre
Specializzandi in corsia, ufficializzate le regole su formazione e assunzione
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l’accordo quadro per la formazione e l'assunzione degli specializzandi al terzo anno
Infortuni e malattie, alle tutele Enpam si aggiunge una nuova garanzia
Si tratta della polizza Emapi (Reale Assicurazioni) per infortuni professionali ed extra. Inclusi familiari e dipendenti
Veneto, 40 milioni per le liste d’attesa e sì all’assunzione di specializzandi
La Regione guidata da Luca Zaia nel dopo Covid fa scuola: con la sentenza 36 del 2022 la Consulta respinge il ricorso di Anaao e Assomed e apre ad una possibile revisione della norma a livello nazionale, mentre sceglie di investire quaranta milioni di euro per recuperare il tempo perduto durante la pandemia
«Concorsi rapidi e proroga alla possibilità di assumere specializzandi», le proposte di Cimo-Fesmed
La Cimo-Fesmed propone una serie di misure per contrastare la carenza di personale sanitario, tra cui concorsi rapidi e la proroga della possibilità di assumere gli specializzandi fino al 2024
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...