Lavoro 4 Giugno 2021 14:43

Turni massacranti, Avv. Tortorella: «Italia ha violato normativa europea, via alle diffide»

«Prima del 2015, quando è stata recepita la direttiva tantissimi medici hanno subìto dei danni a causa della violazione degli obblighi comunitari»

Turni massacranti, Avv. Tortorella: «Italia ha violato normativa europea, via alle diffide»

Il carico di lavoro dei medici italiani è sempre più pesante e la pandemia l’ha reso insostenibile. Sono sottoposti a turni massacranti, spesso senza rispettare il loro contratto di lavoro e la normativa europea. Quindici ma anche venti ore in ospedale, pochi giorni di riposo, le ferie un’utopia. Ne escono sfiniti nel corpo e nella mente.

Un annoso problema, aggravato dalla carenza di personale, per cui l’Italia è stata anche sanzionata dall’Unione Europea.

Cosa prevede la direttiva comunitaria

La direttiva 2003/88/CE, infatti, stabilisce un orario settimanale massimo di 48 ore – compreso lo straordinario – e un periodo di riposo giornaliero di 11 ore consecutive.

Pur recependo la direttiva, l’Italia ne ha annullato gli effetti dal 2008 al 2015 escludendo il personale del SSN. «Lo stato italiano, escludendo i medici e gli operatori sanitari, non ha correttamente recepito la direttiva comunitaria che prevedeva un numero massimo di ore e l’obbligo di riposi giornalieri e settimanali per tutti i lavoratori» precisa l’avvocato Marco Tortorella nell’intervista a Sanità Informazione. «Per questo – prosegue – ha ricevuto una procedura di infrazione da parte della Commissione europea che è stata sanata solo nel 2015».

Per molti anni, dunque, i professionisti sanitari sono stati privati di tutele garantite a tutti i lavoratori. Non solo in contrasto con la normativa comunitaria, ma anche con le raccomandazioni internazionali. Il mancato rispetto delle ore di riposo, infatti, può causare rischi ai pazienti.

Turni massacranti: lo Stato Italiano si è adeguato nel 2015

Il 25 novembre 2015 il nostro paese si è uniformato solo a livello formale, perché come è noto, le irregolarità continuano. «Per gli anni precedenti a questa data – continua l’avvocato Tortorella – ci sono stati tantissimi medici che, a causa della violazione degli obblighi comunitari, hanno subìto dei danni».

Per il periodo precedente al 25 novembre è possibile chiedere il rimborso. Oltre 80mila euro per 6 anni di lavoro, sia nel caso in cui le ore lavorate in eccesso siano state pagate, sia se questo non fosse avvenuto perché considerate nell’ambito dell’obiettivo di risultato.

La diffida per interrompere la prescrizione

«In questo caso – aggiunge Tortorella – i medici possono interrompere la prescrizione con una diffida. Si delega un legale che attraverso una procura provvederà a inviare una richiesta di risarcimento interruttiva della prescrizione che sappiamo essere decennale per una famosa sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione del 2009. La diffida è un passo che anticipa il contenzioso: «Consente di mettere al sicuro il loro diritto; i medici avranno tempo per agire, successivamente, con una vera e propria causa legale» conclude l’avvocato.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione
Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea
Consulcesi: «Con estate cresce allarme turni massacranti. Pronti a fare da “scudo” ai sanitari»
Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «Ferie negate e turni infiniti sono il prodotto di una carenza cronica di medici. Siamo aperti al dialogo con le istituzioni, ma anche pronti a schierare la nostra massima potenza di fuoco in tribunale»
Emergenza turni massacranti, Tortorella (Consulcesi): «Sommersi da segnalazioni, via alle diffide»
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi: «Siamo stati sommersi da richieste di segnalazioni di medici e operatori sanitari che lavorano più di quanto dovrebbero senza alcun riconoscimento. I turni massacranti lasciano il segno, è il momento di far valere le proprie ragioni così come previsto dalla normativa Ue 2003/88/CE»
Test corso Medicina generale, prime irregolarità. Avv. Tortorella: «I posti sono troppo pochi»
Dopo il concorso per l'ingresso al Corso di Formazione in Medicina Generale, le prime segnalazioni parlano di numeri decisamente troppo ridotti rispetto al fabbisogno del Ssn. L'avvocato Tortorella spiega cosa può fare chi vuol fare ricorso
Covid, per sanitari turni massacranti e ferie negate. Boom di richieste d’aiuto a Consulcesi: +30% in un anno
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «Per i medici gli straordinari sono diventati 'ordinari'. Siamo al fianco dei nostri eroi affinché ricevano il giusto riconoscimento per i sacrifici che continuano a fare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 ottobre, sono 243.662.107 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.948.516 i decessi. Ad oggi, oltre 6,8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?