Lavoro 11 Novembre 2014 16:34

Specializzandi, esplode la protesta dopo il pasticcio dei test 

Il Sigm al Miur: “Immediata assunzione di responsabilità da parte di chi ha sbagliato”

Specializzandi, esplode la protesta dopo il pasticcio dei test 

Il Ministero dell’Istruzione tra l’incudine e il martello. Da un lato, infatti, la necessità di cambiare il sistema di accesso alle scuole di specializzazione, le cui falle sono state messe a nudo dal recente pasticcio in sede di test, e dall’altra l’ondata di ricorsi in arrivo.

Il dietrofront del Miur – che ha scelto di convalidare i quiz invece che ripeterli – non è servito, infatti, a placare gli animi.

Walter Mazzucco, presidente del Segretariato Italiano Giovani Medici, era in prima linea durante la manifestazione di protesta della scorsa settimana: “Siamo qui, al di là di qualsiasi sigla di appartenenza, per richiamare l’attenzione su quest’episodio vergognoso. Abbiamo diritto ad un’adeguata formazione post laurea e, successivamente, ad un lavoro dopo la formazione. Le risorse per poter valorizzare i giovani ci sono, senza ridurli a elemosinare contratti e borse di studio, ma mancano criteri di selezione adeguati. E questo l’abbiamo riscontrato nei test d’accesso a Medicina Generale, che sono stati una barzelletta, al concorso nazionale inficiato da un errore gravissimo, ma anche per l’accesso in ruoli nel Ssn, con la politica e il clientelismo a dettare le regole. E’ ora che le istituzioni compiano delle scelte concrete”.

Semplici e chiare le richieste dei giovani medici specializzandi al Miur. “Chiediamo un’assunzione di responsabilità che vada oltre quest’episodio increscioso: si ragioni su un’adeguata programmazione, cercando di riequilibrare il sistema di accesso per far fronte al reale bisogno di salute di questo Paese. Soprattutto, si permetta a tutti di usufruire del diritto allo studio e al lavoro, con un sistema di concorrenza di stampo europeo per scongiurare il rischio di una fuga di massa all’estero”. Al Ministro Giannini si chiede quindi maggiore attenzione e senso di responsabilità: ma le si dà ancora fiducia? “Quando qualcuno sbaglia è giusto che si assuma le sue responsabilità e paghi – sostiene Mazzucco – ma prima di pagare deve risolvere il problema. Non è possibile che si presentino in modo ciclico tali criticità. Nelle istituzioni abbiamo ancora fiducia, purché da loro inizino ad arrivare risposte”.

Anche Consulcesi, con una propria delegazione, è scesa in piazza accanto ai futuri specialisti, garantendo loro un deciso supporto. L’avvocato Cristiana Peghini, legale di Consulcesi, direttamente dai gradini del Miur, ha dichiarato: “Vigileremo affinché venga trovata una soluzione per garantire la regolarità del concorso, e siamo pronti a partire con ricorsi ad hoc. Continueremo a combattere al fianco dei medici, come abbiamo sempre fatto”.

Articoli correlati
Università, ok della Camera all’abrogazione del divieto di iscrizione a due corsi
La norma ha avuto il via libera all’unanimità da Montecitorio, ora è attesa a Palazzo Madama. Per gli specializzandi novità su master e dottorati
di Francesco Torre
Doppia laurea, Tuzi (M5S): «Svolta straordinaria per specializzandi in medicina»
Con la riforma al voto a Montecitorio gli specializzandi, per la prima volta, potranno seguire contemporaneamente altri corsi di formazione, master o conseguire un dottorato di ricerca
Imbuto formativo, PNRR e nuovi contratti. Viola (Federspecializzandi): «Ecco come devono evolvere le scuole di specializzazione»
Intervista alla presidente di Federspecializzandi: «Necessario adattarsi ai tempi che viviamo e comprendere cose che non sono state ancora capite»
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
‘Doppia laurea’, via libera dalla Commissione Cultura. E gli specializzandi potranno frequentare master e dottorati
La proposta di legge rappresenta un grande passo in avanti per ampliare l’offerta formativa universitaria e offrire maggiori opportunità di lavoro ai nostri giovani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...