Lavoro 11 Novembre 2014

Specializzandi, esplode la protesta dopo il pasticcio dei test 

Il Sigm al Miur: “Immediata assunzione di responsabilità da parte di chi ha sbagliato”

Immagine articolo

Il Ministero dell’Istruzione tra l’incudine e il martello. Da un lato, infatti, la necessità di cambiare il sistema di accesso alle scuole di specializzazione, le cui falle sono state messe a nudo dal recente pasticcio in sede di test, e dall’altra l’ondata di ricorsi in arrivo.

Il dietrofront del Miur – che ha scelto di convalidare i quiz invece che ripeterli – non è servito, infatti, a placare gli animi.

Walter Mazzucco, presidente del Segretariato Italiano Giovani Medici, era in prima linea durante la manifestazione di protesta della scorsa settimana: “Siamo qui, al di là di qualsiasi sigla di appartenenza, per richiamare l’attenzione su quest’episodio vergognoso. Abbiamo diritto ad un’adeguata formazione post laurea e, successivamente, ad un lavoro dopo la formazione. Le risorse per poter valorizzare i giovani ci sono, senza ridurli a elemosinare contratti e borse di studio, ma mancano criteri di selezione adeguati. E questo l’abbiamo riscontrato nei test d’accesso a Medicina Generale, che sono stati una barzelletta, al concorso nazionale inficiato da un errore gravissimo, ma anche per l’accesso in ruoli nel Ssn, con la politica e il clientelismo a dettare le regole. E’ ora che le istituzioni compiano delle scelte concrete”.

Semplici e chiare le richieste dei giovani medici specializzandi al Miur. “Chiediamo un’assunzione di responsabilità che vada oltre quest’episodio increscioso: si ragioni su un’adeguata programmazione, cercando di riequilibrare il sistema di accesso per far fronte al reale bisogno di salute di questo Paese. Soprattutto, si permetta a tutti di usufruire del diritto allo studio e al lavoro, con un sistema di concorrenza di stampo europeo per scongiurare il rischio di una fuga di massa all’estero”. Al Ministro Giannini si chiede quindi maggiore attenzione e senso di responsabilità: ma le si dà ancora fiducia? “Quando qualcuno sbaglia è giusto che si assuma le sue responsabilità e paghi – sostiene Mazzucco – ma prima di pagare deve risolvere il problema. Non è possibile che si presentino in modo ciclico tali criticità. Nelle istituzioni abbiamo ancora fiducia, purché da loro inizino ad arrivare risposte”.

Anche Consulcesi, con una propria delegazione, è scesa in piazza accanto ai futuri specialisti, garantendo loro un deciso supporto. L’avvocato Cristiana Peghini, legale di Consulcesi, direttamente dai gradini del Miur, ha dichiarato: “Vigileremo affinché venga trovata una soluzione per garantire la regolarità del concorso, e siamo pronti a partire con ricorsi ad hoc. Continueremo a combattere al fianco dei medici, come abbiamo sempre fatto”.

Articoli correlati
Specializzazione, ma quanto mi costi? Il 1° Report nazionale sulla tassazione universitaria degli specializzandi
di Stefano Guicciardi, Presidente FederSpecializzandi
di Stefano Guicciardi, Presidente FederSpecializzandi
Lombardia, dal Governo 672 mln per la sanità. Monti (Comm. Sanità): «Riorganizzazione Pronto soccorso e più medici, aspettando l’autonomia»   
Il presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti, spiega come saranno utilizzate le risorse stabilite con l’intesa governo-regioni: «Un collegamento più vicino alle persone, all’ospedale-territorio, la presa in carico della cronicità, quel 30% dei pazienti che assorbono il 70/80% delle risorse economiche». Sulla carenza di medici: «Autonomia differenziata potrebbe aiutarci»
di Federica Bosco
Stati generali, Anelli(FNOMCeO): «Specializzandi ultimo anno in SSN, così 5mila borse in più»
Al via gli Stati Generali della Professione medica. Il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli: «Elaboreremo un documento finale che orienterà la professione e il ruolo del medico all’interno della società». Un percorso che condurrà a scrivere la Magna Carta della professione
Neolaureati nei Pronto Soccorso, oltre 50mila firme per dire no
Aumentare borse e stipendi di chi lavora in Pronto Soccorso, attivare i concorsi, riconoscere lo status di lavoro usurante: queste alcune delle soluzioni proposte dal Coordinamento degli Specializzandi in Medicina d'Emergenza-Urgenza e da FederSpecializzandi per far fronte alla carenza di personale e salvare i Pronto Soccorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...