Lavoro 24 Gennaio 2020

Salute nelle città, arriva anche in Italia l’Health City Manager: corsi aperti a medici e operatori sanitari

ANCI e Health City Institute promuovono la formazione di un nuovo professionista che avrà il compito di coordinare e attivare attività comunali in ambito di salute. Tra i promotori il vicepresidente ANCI Pella. Plauso anche del ministro Speranza

Creare una città a misura d’uomo dove siano promosse le politiche di benessere e salute. È questo il fine ultimo di una nuova figura professionale, chiamato Health City Manager, che presto arriverà anche nel nostro paese grazie a una iniziativa promossa da ANCI e Health City Institute. Nelle prossime settimane sarà lanciato un bando, aperto anche a medici e operatori sanitari under 35, per la formazione di questo nuovo professionista della salute. L’iniziativa, che ha avuto il plauso del ministro della Salute Roberto Speranza, nasce su iniziativa del deputato di Forza Italia Roberto Pella, vicepresidente vicario dell’ANCI e sindaco di Valdengo (Biella).

«Questa figura avrà il compito di coordinare i vari assessorati che all’interno di una amministrazione comunale si occupano di temi diversi ma hanno un denominatore comune: la salute dei propri cittadini – spiega Pella a Sanità Informazione -. Dall’assessorato all’Istruzione a quello all’Ambiente, dai Trasporti a quello delle Politiche sociali, dalle Politiche giovanili a quello del lavoro. Insomma una sorta di figura che possa dare una svolta, una forte accelerazione all’interno del Comune su quelli che sono i temi della salute come ad esempio le malattie croniche».

L’iniziativa per ora rientra nell’ambito delle iniziative per le Politiche giovanili promosse dal Ministro Vincenzo Spadafora ma si sta ragionando su come ampliarne la portata. Tutto, in realtà, è nato a Bruxelles, al Comitato delle Regioni, dove tra i membri figura lo stesso Pella: «Abbiamo avuto con il Commissario europeo alla Salute un confronto sulla salute come bene comune, dopo di che il parere sul progetto è stato approvato all’unanimità dal Comitato» racconta il sindaco di Valdengo che è tra i promotori in Parlamento, insieme alla dem Daniela Sbrollini, dell’intergruppo parlamentare “Qualità della vita nelle città”.

«L’Health City Manager è rivolto prevalentemente alle città metropolitane e alle città medie per collegarle alla provincia. È rivolto, oltre che agli amministratori comunali, anche a medici e operatori sanitari, ma anche ad architetti che vogliono acquisire capacità ulteriori. I partecipanti potranno poi partecipare a forum sul tema o vincere borse lavoro nei comuni. E avranno l’opportunità di formarsi anche nelle Asl», spiega Chiara Spinato, Direttore Generale Health City Institute.

I corsi, della durata di 80 ore, sono finanziati con le risorse assegnate ai Comuni del Fondo governativo per le per politiche giovanili e vedrà tra i docenti professori dalle università italiane e la presenza di personalità politiche, giuridiche, istituzionali per far sì che i partecipanti al termine possano entrare preparati al meglio nelle amministrazioni comunali. I corsi saranno tre, divisi per macro aree: nord, centro, sud. Ogni corso si concluderà con una prova, un attestato, e per i primi otto di ogni corso ci sarà la possibilità di una borsa di studio o di lavoro presso un Comune.

«Noi come ANCI ci crediamo molto – spiega Pella -, lo abbiamo detto anche nelle nostre assemblee, è un punto centrale. Siamo contenti di avere l’Health City Institute come braccio operativo: la figura del professor Andrea Lenzi ne è la testimonianza nel suo ruolo di responsabile del Comitato per la Biosicurezza di Palazzo Chigi. Il Ministero delle Politiche giovanili, con l’Health City Institute e l’ANCI rappresentano un tridente importante che può dare un forte impulso. Oggi già molti sindaci hanno dichiarato la loro piena disponibilità. Tanti giovani stanno aspettando questo momento perché potrebbe diventare una grande opportunità di lavoro, ma anche perchè rappresenta un forte impulso al miglioramento della qualità di vita e della salute nelle nostre città».

Del resto, l’esigenza di arrivare a un modello di welfare urbano è ormai improcrastinabile, considerando lo svuotamento delle aree rurali e il sovraffollamento delle zone urbane: «Assistiamo a un dato di fatto che ci deve molto allarmare – conclude Pella -: oltre il 50% della popolazione mondiale ormai vive nelle città e non più nelle aree rurali e nel 2050 la prospettiva è che il 70% vivrà nelle grandi città. In Italia nelle 14 aree metropolitane oggi siamo al 34% con una prospettiva di superare il 55% nel 2050. Quindi non c’è più tempo da perdere, bisogna investire su questo tema. Sarà fondamentale avere una figura che raccordi tutti i vari assessorati, che si rapporti immediatamente con le indicazioni del sindaco ma anche con le aziende sanitarie, con gli assessorati regionali o provinciali, con le rappresentanze di medici e pazienti. Una figura che in qualche modo sia un collante tra tutte queste istituzioni».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Giornata mondiale vegan. Il 3% degli italiani è vegano: percentuale in calo, vegetariani in aumento
La nutrizionista: «Sì al veganesimo ma sotto controllo medico per bambini in crescita, donne in gravidanza o allattamento e anziani fragili. I consigli per aumentare l’assorbimento di micronutrienti: mangiare legumi decorticati e condire con il limone le verdure ricche di ferro»
di Isabella Faggiano
Yoga, benefici per corpo e mente. I consigli di Francesca Senette
«All’inizio si percepiscono i benefici fisici perché lo yoga fa bene alla colonna vertebrale, all’addome e all’allungamento muscolare. Poi subentra il benessere psicologico. A volte bastano anche solo dieci minuti per avere benefici per l’intera giornata»
di Federica Bosco
«Gravissima carenza medici in discipline specialistiche, conseguenza di una scellerata incapacità di programmare il fabbisogno»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
OMCeO Torino, Guido Giustetto resta presidente
Nominati i nuovi organi direttivi dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Torino per il quadriennio 2021-2024. Riconferma per il presidente Giustetto, medico di medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...