Lavoro 28 Marzo 2019

Quici (CIMO): «No ad allarmi sul futuro della sanità se non si pone rimedio ai problemi del presente»

Il presidente del sindacato: «Parliamo delle attuali drammatiche condizioni di lavoro e diamo un riconoscimento ai sacrifici di chi lavora oggi. Il futuro si costruisce affrontando il presente»

«Non parliamo del domani quando la situazione è tragica già oggi». Così Guido Quici, presidente del sindacato CIMO, vuole richiamare l’attenzione di tutti al presente, proprio nel momento in cui si parla di quello che accadrà nel futuro della sanità. «Abbiamo numeri inquietanti sui medici che mancheranno nei prossimi anni, ma nessuno si occupa dei problemi dei medici che lavorano oggi».

LEGGI ANCHE: STATI GENERALI DEL GIOVANI MEDICO, QUICI (CIMO): «INSISTERE SUL CERTIFICATO CURRICULARE DEL SINGOLO»

Quici parla di «medici in trincea» per descrivere le condizioni di lavoro nella sanità pubblica. Professionisti «abbandonati a difendere una prima linea senza rifornimenti o rinforzi». Truppe «dimenticate dalla politica, che le ha sacrificate sul fronte della sanità pubblica dal quale è già stata decisa la ritirata». Soldati in camice bianco «destinati a morire e ad uscire di scena andando in pensione o rifugiandosi nel privato».

«Il futuro – prosegue il presidente CIMO – si costruisce affrontando il presente, altrimenti non andremo da nessuna parte. Quindi, per cortesia, evitiamo queste campagne di distrazione di massa e parliamo dei medici che oggi, a oltre 60 anni, devono fare le guardie; dei medici aggrediti; di chi ha visto precludersi ogni prospettiva di carriera per volontà della politica o per carenza di risorse; dei giovani che credevano di mettere a frutto i propri lunghi studi in un percorso professionale altamente qualificato nelle strutture pubbliche ma che ogni giorno si devono confrontare con una “medicina amministrata” fatta di troppa burocrazia e carenze organizzative. Parliamo dei turni pesanti per mancanza di sostituzioni, dei milioni di ore di ferie non godute, delle decine di milioni di ore di lavoro in eccesso non pagate, ed ora anche delle campagne denigratorie che riversano sulla categoria medica il problema delle liste di attesa».

«Sono queste le battaglie da combattere in questo momento – continua Quici riprendendo la metafora bellica -, e noi probabilmente siamo l’ultimo baluardo rimasto, che sta per cedere. E questo è del tutto inammissibile».

Una situazione a cui si aggiunge il mancato rinnovo, dopo oltre 10 anni, del contratto dei medici, «la cartina al tornasole di tutto questo – spiega Quici – perché la parte normativa che ci è stata proposta tende a peggiorare ulteriormente le condizioni di chi già lavora al massacro nel Servizio sanitario nazionale».

«Parliamo delle difficoltà di oggi e delle attuali condizioni di lavoro, che sono la vera emergenza sanitaria. Oppure – conclude – diteci che dobbiamo andare al macello, ma almeno riconosceteci come eroi».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, CIMO LANCIA PETIZIONE PER SBLOCCARE TRATTATIVA

Articoli correlati
Con lockdown medici in ferie forzate, a rischio indennizzo. C&P: «Nostri legali a lavoro per tutelare diritto»
"Costretti" dal datore di lavoro a prendere ferie pregresse forzate, non avranno alcun diritto all'indennizzo per "ferie non godute" riconosciuto qualche settimana fa da una sentenza della Corte Suprema. Consulcesi & partners: «I nostri legali a lavoro per tutelare un diritto sancito dalla Corte Suprema».
Covid, Esposito (FISMU): «Medici nelle scuole ma non dimentichiamo il territorio»
Il Segretario generale della Federazione Italiana Sindacale dei Medici Uniti lancia un appello al ministro Speranza: «Unica strada per controllare epidemia è assumere medici e stabilizzare i precari. Servono risorse nuove, a partire dal MES»
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Recovery Fund, Fnopo: «Evento storico. Implementare ostetrica di famiglia e di comunità»
«D’ora in poi non sarà più possibile, né credibile, rimandare la realizzazione di progetti di riforma della rete assistenziale portando a motivazione la mancanza di fondi adeguati» precisa la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica (FNOPO)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 agosto, sono 18.082.616 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 689.428 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»