Lavoro 28 Marzo 2019 17:18

Quici (CIMO): «No ad allarmi sul futuro della sanità se non si pone rimedio ai problemi del presente»

Il presidente del sindacato: «Parliamo delle attuali drammatiche condizioni di lavoro e diamo un riconoscimento ai sacrifici di chi lavora oggi. Il futuro si costruisce affrontando il presente»

«Non parliamo del domani quando la situazione è tragica già oggi». Così Guido Quici, presidente del sindacato CIMO, vuole richiamare l’attenzione di tutti al presente, proprio nel momento in cui si parla di quello che accadrà nel futuro della sanità. «Abbiamo numeri inquietanti sui medici che mancheranno nei prossimi anni, ma nessuno si occupa dei problemi dei medici che lavorano oggi».

LEGGI ANCHE: STATI GENERALI DEL GIOVANI MEDICO, QUICI (CIMO): «INSISTERE SUL CERTIFICATO CURRICULARE DEL SINGOLO»

Quici parla di «medici in trincea» per descrivere le condizioni di lavoro nella sanità pubblica. Professionisti «abbandonati a difendere una prima linea senza rifornimenti o rinforzi». Truppe «dimenticate dalla politica, che le ha sacrificate sul fronte della sanità pubblica dal quale è già stata decisa la ritirata». Soldati in camice bianco «destinati a morire e ad uscire di scena andando in pensione o rifugiandosi nel privato».

«Il futuro – prosegue il presidente CIMO – si costruisce affrontando il presente, altrimenti non andremo da nessuna parte. Quindi, per cortesia, evitiamo queste campagne di distrazione di massa e parliamo dei medici che oggi, a oltre 60 anni, devono fare le guardie; dei medici aggrediti; di chi ha visto precludersi ogni prospettiva di carriera per volontà della politica o per carenza di risorse; dei giovani che credevano di mettere a frutto i propri lunghi studi in un percorso professionale altamente qualificato nelle strutture pubbliche ma che ogni giorno si devono confrontare con una “medicina amministrata” fatta di troppa burocrazia e carenze organizzative. Parliamo dei turni pesanti per mancanza di sostituzioni, dei milioni di ore di ferie non godute, delle decine di milioni di ore di lavoro in eccesso non pagate, ed ora anche delle campagne denigratorie che riversano sulla categoria medica il problema delle liste di attesa».

«Sono queste le battaglie da combattere in questo momento – continua Quici riprendendo la metafora bellica -, e noi probabilmente siamo l’ultimo baluardo rimasto, che sta per cedere. E questo è del tutto inammissibile».

Una situazione a cui si aggiunge il mancato rinnovo, dopo oltre 10 anni, del contratto dei medici, «la cartina al tornasole di tutto questo – spiega Quici – perché la parte normativa che ci è stata proposta tende a peggiorare ulteriormente le condizioni di chi già lavora al massacro nel Servizio sanitario nazionale».

«Parliamo delle difficoltà di oggi e delle attuali condizioni di lavoro, che sono la vera emergenza sanitaria. Oppure – conclude – diteci che dobbiamo andare al macello, ma almeno riconosceteci come eroi».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, CIMO LANCIA PETIZIONE PER SBLOCCARE TRATTATIVA

Articoli correlati
Così Joe Biden cambierà la sanità americana
Tutte le sfide della nuova presidenza americana. Ma sulla strada dei Democratici c’è la maggioranza risicata al Congresso
di Tommaso Caldarelli
Covid, 300 i medici caduti. Anelli (Fnomceo): «Basta chiamarci eroi, chiediamo rispetto. Vaccinare ora tutti i medici»
«È inaccettabile vedere persone che non svolgono un'attività così rischiosa essere sottoposte al vaccino e osservare una larga parte della professione medica non ancora vaccinata - constata Anelli -. A tutti i medici va garantita la vaccinazione, senza distinguo inutili e ingiusti»
Cure palliative, investimenti e audizioni per il Piano di Ripresa: la settimana in Parlamento
La crisi di Governo aleggia sempre sui lavori di Camera e Senato: passaggio cruciale la relazione sulla Giustizia del Ministro Bonafede. In Commissione Affari Sociali sfileranno gli ordini professionali per portare le loro osservazioni al Piano di Ripresa e Resilienza: FNOMCeO, FNO TSRM e PSTRP, FOFI, FIMMG, FNOPI, CNOP
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Psicologia a portata di click: realtà virtuale e app contro lo stress da Covid-19
Lo psicologo: «Con l’utilizzo di visori per la realtà virtuale portiamo medici e operatori sanitari, impegnati in prima linea nella lotta al coronavirus, nei luoghi dove sono stati felici. Per tutti gli italiani c’è Sygmund, un’app per consulenze psicologiche online ed immediate»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 gennaio, sono 99.755.496 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.141.228 i decessi. Ad oggi, oltre 68,41 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»