Lavoro 12 Settembre 2019

Pronto soccorso, Scotti (Fimmg): «Una visita in più al giorno dei medici di famiglia per decongestionarli»

Tecnologie più avanzate e microequipe negli ambulatori, ecco le richieste della Fimmg a nuovo Governo e Regioni. Il segretario generale Scotti: «Stop ai luoghi comuni, non siamo meri dispensatori di ricette»

Giorni importanti e forieri di buoni auspici per i medici di Medicina generale. L’insediamento del nuovo esecutivo e la nomina del ministro Roberto Speranza a capo del dicastero della Salute sono stati salutati con ottimismo e hanno preceduto di poche ore un passaggio obbligato per la categoria: la sottoscrizione della pre intesa sul nuovo Accordo Collettivo Nazionale. Ci si aspettano ora dei passi avanti affinché alla Medicina Generale venga riconosciuto il ruolo di primo, fondamentale, avamposto di salute territoriale attraverso misure concrete. Quali? Lo abbiamo chiesto al segretario generale della Fimmg, Silvestro Scotti.

Quali sono le istanze che rivolgete al nuovo ministro della Salute Roberto Speranza per quanto riguarda la riforma dell’offerta della Medicina generale?

«In primo luogo che si dia un taglio ai luoghi comuni e ai pregiudizi: non siamo dei fabbricanti di ricette e certificati, e i nostri pazienti ci testimoniano ogni giorno il loro gradimento a riprova del fatto che siamo un punto di riferimento importante per il Servizio sanitario nazionale. Il decongestionamento dei Pronto Soccorso non ci spaventa, i medici di famiglia vedono due milioni di cittadini italiani in un giorno, la stessa cifra di codici inappropriati che gli ospedali vedono in un anno. Se li dividessimo per i medici di famiglia significherebbe avere una sola visita in più ogni giorno: non ce ne accorgeremmo nemmeno. Quello che chiediamo è di poter fare meglio. Oggi ci sono tecniche e tecnologie estremamente avanzate, se nei nostri ambulatori potessimo avvalercene si ridurrebbero significativamente gli accessi in ospedale migliorando la percezione delle nostre capacità diagnostiche nel paziente. Adesso molte volte non ci resta che indirizzarli verso prestazioni di secondo livello. Credo che però per far questo non basti il Fondo Sanitario Nazionale nè il fondo dell’ACN, ma – come ho già chiesto –  serve un intervento in legge di Bilancio. Troppo spesso ci si dimentica che il medico di famiglia è un libero professionista convenzionato, ovvero una piccola impresa sociale, e andrebbe finanziariamente supportato nell’acquisto di attrezzature diagnostiche o anche nell’assunzione di personale. Non vogliamo in alcun modo sottrarre risorse al Fondo Sanitario Nazionale perché così a farne le spese sarebbero i cittadini: non conta eccellere nella diagnostica se poi non si può prescrivere all’assistito una determinata terapia».

Qual è la sfida da giocare per migliorare le cure territoriali?

«La partita della microequipe, cioè fare in modo che ogni cittadino all’interno dello studio del suo medico di famiglia trovi, oltre al medico, un collaboratore di studio in grado di indirizzarlo nei CUP, per quanto riguarda gli screening, ed un infermiere che ci aiuti anche nella domiciliarità per la gestione di pazienti anziani e cronici, che sono sempre più numerosi».

Articoli correlati
Aderenza terapeutica, l’appello dei medici di famiglia: «Necessario semplificare il regime farmacologico»
Presentati i risultati dello studio FIMMG-C.R.E.A. Sanità che analizza le principali criticità connesse all’aderenza alle terapie farmaceutiche attraverso il punto di vista dei medici di medicina generale
Medicina generale, Scotti (FIMMG): «Bene preintesa ACN, ora in finanziaria trovare fondi per i modelli organizzativi»
Il Segretario della Federazione dei Medici di Medicina Generale rilancia il tour #AdessoBasta ed elenca le priorità: «Microteam, diagnostica e telemedicina, occorre trovare meccanismi di finanziamento». Poi si rivolge al neo ministro Speranza: «Molti dei nostri progetti sono già sui tavoli dei funzionari ministeriali. Si tratta di capire se queste soluzioni devono continuare a rimanere sempre nei cassetti o vengono affrontate»
Aggressioni ai camici bianchi, a Napoli vertice FNOMCeO-OMCeO. Scotti: «Speriamo in celere risposta legislativa»
Gli esecutivi della Federazione Nazionale e degli Ordini dei Medici campani in visita ai luoghi simbolo dell’emergenza. Anelli (FNOMCeO): «Al nuovo governo chiediamo che la sanità non sia più ancella dell’economia»
Medicina generale, firmata preintesa per rinnovo ACN: si parte dallo sblocco degli arretrati e dagli incrementi stipendiali
Chiarite le norme per l’accesso agli incarichi dei medici in formazione. Il segretario FIMMG Scotti: «Non possiamo che esprimere la nostra soddisfazione per il risultato raggiunto». Onotri (SMI): «Finalmente i medici riescono a recuperare tutti gli arretrati della vacatio contrattuale e si aprono le porte ai giovani medici»
#AdessoBasta, i medici di famiglia scendono in piazza. Scotti (FIMMG): «Troppi attacchi e preconcetti»
Il tour prenderà il via da Biella il 3 settembre per poi toccare tutte le principali piazze d’Italia, partendo dal nord Italia dove in 30 giorni toccherà 15 città percorrerà 1800 chilometri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali