Lavoro 12 Settembre 2019

Pronto soccorso, Scotti (Fimmg): «Una visita in più al giorno dei medici di famiglia per decongestionarli»

Tecnologie più avanzate e microequipe negli ambulatori, ecco le richieste della Fimmg a nuovo Governo e Regioni. Il segretario generale Scotti: «Stop ai luoghi comuni, non siamo meri dispensatori di ricette»

Giorni importanti e forieri di buoni auspici per i medici di Medicina generale. L’insediamento del nuovo esecutivo e la nomina del ministro Roberto Speranza a capo del dicastero della Salute sono stati salutati con ottimismo e hanno preceduto di poche ore un passaggio obbligato per la categoria: la sottoscrizione della pre intesa sul nuovo Accordo Collettivo Nazionale. Ci si aspettano ora dei passi avanti affinché alla Medicina Generale venga riconosciuto il ruolo di primo, fondamentale, avamposto di salute territoriale attraverso misure concrete. Quali? Lo abbiamo chiesto al segretario generale della Fimmg, Silvestro Scotti.

Quali sono le istanze che rivolgete al nuovo ministro della Salute Roberto Speranza per quanto riguarda la riforma dell’offerta della Medicina generale?

«In primo luogo che si dia un taglio ai luoghi comuni e ai pregiudizi: non siamo dei fabbricanti di ricette e certificati, e i nostri pazienti ci testimoniano ogni giorno il loro gradimento a riprova del fatto che siamo un punto di riferimento importante per il Servizio sanitario nazionale. Il decongestionamento dei Pronto Soccorso non ci spaventa, i medici di famiglia vedono due milioni di cittadini italiani in un giorno, la stessa cifra di codici inappropriati che gli ospedali vedono in un anno. Se li dividessimo per i medici di famiglia significherebbe avere una sola visita in più ogni giorno: non ce ne accorgeremmo nemmeno. Quello che chiediamo è di poter fare meglio. Oggi ci sono tecniche e tecnologie estremamente avanzate, se nei nostri ambulatori potessimo avvalercene si ridurrebbero significativamente gli accessi in ospedale migliorando la percezione delle nostre capacità diagnostiche nel paziente. Adesso molte volte non ci resta che indirizzarli verso prestazioni di secondo livello. Credo che però per far questo non basti il Fondo Sanitario Nazionale nè il fondo dell’ACN, ma – come ho già chiesto –  serve un intervento in legge di Bilancio. Troppo spesso ci si dimentica che il medico di famiglia è un libero professionista convenzionato, ovvero una piccola impresa sociale, e andrebbe finanziariamente supportato nell’acquisto di attrezzature diagnostiche o anche nell’assunzione di personale. Non vogliamo in alcun modo sottrarre risorse al Fondo Sanitario Nazionale perché così a farne le spese sarebbero i cittadini: non conta eccellere nella diagnostica se poi non si può prescrivere all’assistito una determinata terapia».

Qual è la sfida da giocare per migliorare le cure territoriali?

«La partita della microequipe, cioè fare in modo che ogni cittadino all’interno dello studio del suo medico di famiglia trovi, oltre al medico, un collaboratore di studio in grado di indirizzarlo nei CUP, per quanto riguarda gli screening, ed un infermiere che ci aiuti anche nella domiciliarità per la gestione di pazienti anziani e cronici, che sono sempre più numerosi».

Articoli correlati
ACN medicina fiscale, raggiunta l’intesa. Ecco cosa prevede l’accordo
Tempo indeterminato, tutele, 2.500 euro al mese per la reperibilità e compenso per ogni visita domiciliare. Previste però una serie di incompatibilità. Le novità dell'Accordo Collettivo Nazionale per la medicina fiscale
Farmaci antidiabetici e respiratori, Fnomceo: «Aprirne la prescrizione a MMG e specialisti ambulatoriali»
Arriva l'endorsement di Fnomceo alla proposta di Italia Viva: «Ne gioverebbe l’aderenza terapeutica e la continuità delle cure»
Riforma della medicina del territorio, Anelli (Fnomceo): «Stiamo andando nella direzione sbagliata»
Equipe multiprofessionali, capillarità e diagnostica. Questa la ricetta del presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici: «Copiamo dalla Germania. Chi crede nei distretti è fermo a 20 anni fa». Poi aggiunge: «Serve un vero coordinamento tra le Regioni, il ministero della Salute non riesce ad essere incisivo»
Diagnostica di primo livello dal medico di famiglia, Scotti (Fimmg): «Stiamo ancora aspettando, è una vergogna»
Il segretario nazionale della Federazione italiana medici di medicina generale: «Esami di orientamento, poi sarà lo specialista a refertare». E si scaglia contro il passaggio eventuale da convenzione a dipendenza: «La nostra autonomia professionale è preziosa. Non siamo anarchici, solo responsabili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...