Lavoro 12 Settembre 2019

Pronto soccorso, Scotti (Fimmg): «Una visita in più al giorno dei medici di famiglia per decongestionarli»

Tecnologie più avanzate e microequipe negli ambulatori, ecco le richieste della Fimmg a nuovo Governo e Regioni. Il segretario generale Scotti: «Stop ai luoghi comuni, non siamo meri dispensatori di ricette»

Giorni importanti e forieri di buoni auspici per i medici di Medicina generale. L’insediamento del nuovo esecutivo e la nomina del ministro Roberto Speranza a capo del dicastero della Salute sono stati salutati con ottimismo e hanno preceduto di poche ore un passaggio obbligato per la categoria: la sottoscrizione della pre intesa sul nuovo Accordo Collettivo Nazionale. Ci si aspettano ora dei passi avanti affinché alla Medicina Generale venga riconosciuto il ruolo di primo, fondamentale, avamposto di salute territoriale attraverso misure concrete. Quali? Lo abbiamo chiesto al segretario generale della Fimmg, Silvestro Scotti.

Quali sono le istanze che rivolgete al nuovo ministro della Salute Roberto Speranza per quanto riguarda la riforma dell’offerta della Medicina generale?

«In primo luogo che si dia un taglio ai luoghi comuni e ai pregiudizi: non siamo dei fabbricanti di ricette e certificati, e i nostri pazienti ci testimoniano ogni giorno il loro gradimento a riprova del fatto che siamo un punto di riferimento importante per il Servizio sanitario nazionale. Il decongestionamento dei Pronto Soccorso non ci spaventa, i medici di famiglia vedono due milioni di cittadini italiani in un giorno, la stessa cifra di codici inappropriati che gli ospedali vedono in un anno. Se li dividessimo per i medici di famiglia significherebbe avere una sola visita in più ogni giorno: non ce ne accorgeremmo nemmeno. Quello che chiediamo è di poter fare meglio. Oggi ci sono tecniche e tecnologie estremamente avanzate, se nei nostri ambulatori potessimo avvalercene si ridurrebbero significativamente gli accessi in ospedale migliorando la percezione delle nostre capacità diagnostiche nel paziente. Adesso molte volte non ci resta che indirizzarli verso prestazioni di secondo livello. Credo che però per far questo non basti il Fondo Sanitario Nazionale nè il fondo dell’ACN, ma – come ho già chiesto –  serve un intervento in legge di Bilancio. Troppo spesso ci si dimentica che il medico di famiglia è un libero professionista convenzionato, ovvero una piccola impresa sociale, e andrebbe finanziariamente supportato nell’acquisto di attrezzature diagnostiche o anche nell’assunzione di personale. Non vogliamo in alcun modo sottrarre risorse al Fondo Sanitario Nazionale perché così a farne le spese sarebbero i cittadini: non conta eccellere nella diagnostica se poi non si può prescrivere all’assistito una determinata terapia».

Qual è la sfida da giocare per migliorare le cure territoriali?

«La partita della microequipe, cioè fare in modo che ogni cittadino all’interno dello studio del suo medico di famiglia trovi, oltre al medico, un collaboratore di studio in grado di indirizzarlo nei CUP, per quanto riguarda gli screening, ed un infermiere che ci aiuti anche nella domiciliarità per la gestione di pazienti anziani e cronici, che sono sempre più numerosi».

Articoli correlati
Aggressioni, De Luca: «Videosorveglianza sulle ambulanze». La FIMMG torna a chiedere lo status di pubblico ufficiale
Intanto il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha convocato per giovedì 16 gennaio l'Osservatorio permanente, mentre la FNOMCeO progetta un docufilm per sensibilizzare l'utenza
Ancora un’aggressione, a Sassari ambulanza a fuoco per un petardo. FIMMG: «Siamo in trincea»
La preoccupazione del segretario nazionale di FIMMG-Emergenza Sanitaria Territoriale, Francesco Marino: «In media un’aggressione fisica o verbale ogni due giorni»
Campania, al via la riorganizzazione della medicina generale. Ecco tutte le novità
Intervista al segretario provinciale FIMMG Napoli, Luigi Sparano: «Le Aggregazioni Funzionali Territoriali consentiranno una maggiore efficienza nella presa in carica e un abbattimento dei costi derivanti dalle ospedalizzazioni inappropriate»
La Fimmg incontra il ministro Speranza, Scotti: «Legge di Bilancio e Patto per la Salute le basi per chiudere ACN»
«Diamo atto al ministro Speranza di aver tenuto fede a quanto promesso in occasione dell’ultimo congresso nazionale e al tempo stesso gli chiediamo di tenere dritta la barra, per una medicina di famiglia che sempre più sia il perno di un’assistenza domiciliare e di prossimità. I problemi da affrontare sono ancora molti, ma siamo certi […]
Fine triennio ECM, da Nord a Sud l’appello dei Presidenti di Ordine: «Medici, completate i crediti»
Sanità Informazione ha raccolto la voce di tanti Presidenti di OMCeO che stanno sensibilizzando la categoria sul completamento del percorso ECM per il triennio 2017-2019. E molti sottolineano il rischio di sanzioni e contenziosi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...