Lavoro 28 Febbraio 2020 10:09

Processo Panzironi, Magi (OMCeO Roma): «Ecco perché ho denunciato il ‘guru’ di Life 120. Così tuteliamo medici e salute dei cittadini»

Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi annuncia che si costituirà parte civile nel processo per esercizio abusivo della professione medica nei confronti di Adriano Panzironi: «Altri Ordini ci seguiranno». Poi sottolinea: «Non serve legge che definisca atto medico, definizione è nota». A marzo la prima udienza

Processo Panzironi, Magi (OMCeO Roma): «Ecco perché ho denunciato il ‘guru’ di Life 120. Così tuteliamo medici e salute dei cittadini»

«L’Ordine dei Medici di Roma è molto attento alla tutela anche della professione e delle competenze del medico che per essere tale deve studiare almeno sei anni per laurearsi e altri cinque o sei per specializzarsi. Questi anni di studio servono proprio per affinare quelle competenze che servono a salvaguardare la salute dei cittadini. Per questo ci costituiremo parte civile nel processo contro Adriano Panzironi». Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, Antonio Magi, alla vigilia del processo contro il guru della dieta ‘Life120’ Adriano Panzironi che avrà inizio i primi di marzo, spiega ai microfoni di Sanità Informazione i motivi che hanno spinto l’Ordine a denunciare il giornalista promotore di una dieta proteica con cui promette di ‘far vivere fino a 120 anni’.

«Lo abbiamo denunciato per esercizio abusivo della professione medica perché, come ente sussidiario dello Stato, abbiamo l’obbligo di tutelare la salute dei cittadini – spiega Magi -. In quanto detentori dell’Albo professionale possiamo stabilire chi è abilitato a fare l’atto medico. Abbiamo avuto degli esposti e poi siamo andati a verificare quello che effettivamente stava accadendo. Abbiamo verificato che c’erano delle attività che andavano ad essere corrispondenti a un atto medico, a ciò che è quel che un medico è abilitato a fare. Proprio per questo abbiamo provveduto alla denuncia. Il giudice che ha fatto l’indagine ha ritenuto valide le nostre indicazioni per cui ha rinviato a giudizio Panzironi».

LEGGI ANCHE: MIRABELLA CONTRO LE FAKE NEWS IN SANITÀ: «CHI LE DIFFONDE VA MESSO IN GALERA»

Panzironi, già sanzionato da Antitrust e Autorità di garanzia per le comunicazioni, oltre ad essere stato sospeso dall’Ordine dei giornalisti, è chiamato a spiegare a che titolo dispensasse consigli su dieta e stile di vita.

«La dieta – continua Magi – può essere prescritta anche da altri soggetti che non sono medici. Ma questi soggetti hanno necessità di avere il certificato che il paziente sia una persona sana senza problemi di salute. In questo caso, con il certificato, una dieta dimagrante può essere prescritta anche da altre figure. Ove c’è una patologia è il medico ad indicare la dieta. O un professionista sanitario, ma sempre sotto indicazione medica. Questo tutela da eventuali complicanze. Certo, un paziente può anche non sapere di avere altre patologie. Ma nel caso di Panzironi ci sono pazienti che dichiarano espressamente di avere patologie, quindi il fatto è ancora più grave».

LEGGI ANCHE: LEGGE 24/2017, GELLI: «IN CASO DI CONTENZIOSO, MAGISTRATO TUTELA PROFESSIONISTA FORMATO E PREPARATO»

Da qui la scelta di Magi di far costituire l’OMCeO Roma parte del civile al processo: la difesa dell’Ordine è stata affidata all’avvocato Valeria Raimondo dello Studio Bortone. Una decisione che con buona probabilità sarà seguita anche da altri Ordini dei Medici e da altri Ordini professionali.

Magi però non crede sia necessaria una definizione legislativa dell’atto medico e non condivide una proposta di legge in materia presentata dai Cinque Stelle: «Sono contrario a una legge che dica cos’è l’atto medico – spiega -. L’atto medico è definito da tempo. La Uems (Unione europea dei medici specialisti) ha definito sia l’atto medico che l’atto sanitario: l’atto medico lo possono fare i medici, l’atto sanitario lo possono fare le professioni sanitarie. Sono ben definiti i comportamenti e quelle che sono le varie competenze delle varie attività professionali. Un giornalista non può compiere né un atto medico che un atto sanitario».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Anemia da malattia renale cronica, un peso da alleggerire
Promuovere la conoscenza dell'Anemia, fare una diagnosi tempestiva, gestire il paziente con malattia renale cronica in maniera multidisciplinare, realizzare una presa in carico in maniera omogenea sul territorio e monitorare l'Anemia lungo tutto il percorso del paziente sono le proposte per salvaguardare qualità di vita delle persone con Anemia da malattia renale cronica.
Tumori: in Italia 1740 associazioni di pazienti e caregiver, numero 1 in Europa
Oltre 1.740 associazioni oncologiche di pazienti e caregiver censite in Italia solo nel 2023. Il nostro paese detiene dunque il record europeo in proporzione al numero di abitanti. Sono i dati «di capillarità» del primo Libro Bianco sul mondo del volontariato oncologico, promosso e redatto da ROPI
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Diabete: dieta sana non basta se a tavola ci sono cibi ultra-processati
Una ricerca condotta dal Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli, pubblicata sull'American Journal of Clinical Nutrition, dimostra che il consumo di cibi ultraprocessati aumenta sensibilmente il rischio di morte per persone con diabete di tipo 2, indipendentemente dalla qualità nutrizionale di una dieta attenta e salutare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...