Salute 23 Dicembre 2019

Mirabella contro le fake news in sanità: «Chi le diffonde va messo in galera»

Il famoso conduttore di Tutta salute si scaglia contro le bufale del web: «Non si capisce perché debba esserci una legge sulla stampa e non una sui computer e sui social»

«Perseguire penalmente» chi diffonde fake news è l’auspicio del divulgatore scientifico Michele Mirabella. Il conduttore del programma Rai “Tutta salute”, insignito del premio 100 eccellenze italiane proprio per i suoi meriti legati all’informazione medico – scientifica, si scaglia contro chi diffonde sul web e sui social network quelle che chiama senza mezzi termini delle «stupidaggini».

«Non si capisce perché debba esserci una legge sulla stampa e non una sui computer e sui social. Vanno puniti e messi in galera. Devono pagare i danni che procurano alle persone». Spiega Mirabella a margine della premiazione avvenuta in Campidoglio. Il conduttore parla di “sopruso” nei confronti delle persone e prosegue: «Serve una grande campagna di convincimento per tutti gli utenti. Le stupidaggini che voi chiamate “fake news”, quasi a nobilitarle con l’uso dell’inglese, le sciocchezze, le bugie, possono essere pericolosissime. Sono pericolose sempre, ma se si muovono nell’ambito della salute possono essere micidiali».

La divulgazione medico-scientifica è «fondamentale» prosegue Michele Mirabella. «È la mediazione tra il rigore professionale e scientifico dei medici, dei farmacisti, degli studiosi e i pazienti. Essere paziente con i pazienti è la qualità del divulgatore scientifico. Molti medici fanno divulgazione scientifica. Quei pochi che come me fanno questo mestiere hanno la soddisfazione di sentirsi molto utili. Non sono sempre all’altezza del compito, però è una bellissima sfida in nome della civiltà».

LEGGI: FAKE NEWS IN SANITÀ, 1 SU 2 CI CREDE. PROF. MENNINI (CEIS-EEHTA): «COSTI SOCIALI ED ECONOMICI ALTISSIMI»

Articoli correlati
Arriva il vaccino anti infodemia e fake news: il libro “Covid-19 il virus della paura”
L’intero ricavato della pubblicazione andrà alla Protezione Civile
Coronavirus, Tortorella (Consulcesi): «La lezione è che medici e scienziati vanno ascoltati e rispettati»
Un monito per la Fase 2: non usare gli operatori sanitari come capri espiatori, avere fiducia nella scienza e combattere infodemia e fake news
Dalla vitamina C ai farmaci miracolosi, dilagano online le bufale sul Coronavirus
«Con questi messaggi allarmistici sui siti si fa clickbaiting e ci si guadagna soldi. Proliferano perché c’è sempre un interesse a raccontare una favoletta che fa presa» spiega Alessandro Conte, responsabile del sito della FNOMCeO “Dottoremaèveroche”
Coronavirus, Bassetti (Sita): «Con questi numeri non è pandemia». Russo (FI): «Occasione per ribadire centralità medico»
Alla Camera il convegno promosso dall’associazione Giuseppe Dossetti – I valori: «Basiamoci su una medicina fondata sulle evidenze e non sugli allarmi. Il Case Fatality Rate è del 2,3%». «È necessario che i medici imparino a comunicare meglio», ha detto il presidente dell'OMCeO Roma Antonio Magi
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 13 luglio, sono 12.910.357 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 569.128 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 12 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)