Salute 23 Dicembre 2019 17:48

Mirabella contro le fake news in sanità: «Chi le diffonde va messo in galera»

Il famoso conduttore di Tutta salute si scaglia contro le bufale del web: «Non si capisce perché debba esserci una legge sulla stampa e non una sui computer e sui social»

«Perseguire penalmente» chi diffonde fake news è l’auspicio del divulgatore scientifico Michele Mirabella. Il conduttore del programma Rai “Tutta salute”, insignito del premio 100 eccellenze italiane proprio per i suoi meriti legati all’informazione medico – scientifica, si scaglia contro chi diffonde sul web e sui social network quelle che chiama senza mezzi termini delle «stupidaggini».

«Non si capisce perché debba esserci una legge sulla stampa e non una sui computer e sui social. Vanno puniti e messi in galera. Devono pagare i danni che procurano alle persone». Spiega Mirabella a margine della premiazione avvenuta in Campidoglio. Il conduttore parla di “sopruso” nei confronti delle persone e prosegue: «Serve una grande campagna di convincimento per tutti gli utenti. Le stupidaggini che voi chiamate “fake news”, quasi a nobilitarle con l’uso dell’inglese, le sciocchezze, le bugie, possono essere pericolosissime. Sono pericolose sempre, ma se si muovono nell’ambito della salute possono essere micidiali».

La divulgazione medico-scientifica è «fondamentale» prosegue Michele Mirabella. «È la mediazione tra il rigore professionale e scientifico dei medici, dei farmacisti, degli studiosi e i pazienti. Essere paziente con i pazienti è la qualità del divulgatore scientifico. Molti medici fanno divulgazione scientifica. Quei pochi che come me fanno questo mestiere hanno la soddisfazione di sentirsi molto utili. Non sono sempre all’altezza del compito, però è una bellissima sfida in nome della civiltà».

LEGGI: FAKE NEWS IN SANITÀ, 1 SU 2 CI CREDE. PROF. MENNINI (CEIS-EEHTA): «COSTI SOCIALI ED ECONOMICI ALTISSIMI»

Articoli correlati
Covid-19, Morrone: «La pandemia ha colpito di più le persone impoverite. Ora tornare a un Ssn fondato sul territorio e sul sociale»
Il Direttore dell’IRCSS San Gallicano di Roma, ex direttore dell’INMP, è in libreria con il volume “Covid-19 tra mito e realtà” in cui sottolinea le conseguenze sociali della pandemia
Andreoni: «Covid molto più pericoloso del vaccino. Rischioso ritardare somministrazione seconda dose»
L'infettivologo: «Tante persone rinunciano alla vaccinazione in maniera insensata. Centinaia di decessi giornalieri dovrebbero spaventare molto di più di fenomeni gravissimi ma eccezionali»
Vaccini anti-Covid, l’esperta smentisce tutte le fake news e i falsi miti
Dai dubbi sulla sicurezza alle mutazioni genetiche, dall’inefficacia sulle varianti all'immunità che dura solo poche settimane. Barbara Illi, ricercatrice CNR, smonta ad una ad una le bufale che circolano sul web sui vaccini contro il Covid-19
Covid, Locatelli e Ippolito: «Medici (in)formati su vaccini e terapie per uscire prima dall’emergenza»
Consulcesi lancia il corso ECM su vaccini e anticorpi monoclonali: una sfida aperta per scienza, politica ed economia. Il presidente Massimo Tortorella: «Solo con la formazione, punto chiave del nuovo Piano Pandemico, sarà possibile arginare l'attuale nuova ondata di fake news»
Ospedale San Camillo: «Nessuna chiusura di cardiologia a causa di operatori positivi Covid-19»
La dichiarazione del Direttore generale dell'ospedale romano Fabrizio d'Alba: «Titolo sparato per diffondere fake news»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...